Oggi vi mostreremo nel dettaglio quali sono i documenti che servono per effettuare una voltura Eni in sicurezza. Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura eni e delle altre utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario. Se il precedente intestatario non ha fatto una disdetta del contratto, per il il nuovo sarà facile richiedere una voltura senza interruzione del servizio.
In alcuni casi, la voltura delle utenze non è obbligatoria. In altri, ad esempio nel caso di un affitto, rappresenta una garanzia soprattutto per il proprietario nell’eventualità che l’inquilino non paghi le bollette. Per richiedere una Voltura del gas presso il gestore Eni, servono alcuni dati e determinati documenti da esibire al fine di ottenerla. La richiesta della voltura Eni può essere inoltrata tramite Call Center, on-line, oppure recandosi direttamente in uno dei punti vendita Eni.

Documenti necessari a richiedere la voltura dell'Eni

La voltura Eni può essere richiesta sia da privati sia da professionisti e PMI. Nel primo caso, i dati da comunicare e i documenti da presentare sono:

  • matricola del contatore del gas, è un numero visualizzabile sulla bolletta;
  • POD e/o PDR, entrambi sono dei codici di 14 caratteri visualizzabili in bolletta;
  • l'autolettura del contatore, in accordo con chi lascia l’immobile;
  • l'indirizzo di recapito della fattura di conguaglio finale di chi lascia l'immobile;
  • tipologia d'uso per la fornitura gas, quindi per cosa serve: cottura e acqua calda oppure cottura e riscaldamento con o senza acqua calda;
  • l'indirizzo del nuovo intestatario al quale dovrà essere recapitata la fattura.

Nel secondo caso (professionisti, PMI), i dati e i documenti utili a richiedere la voltura Eni sono:

  • codice fiscale ed eventuale Partita Iva;
  • potenza e lettura dei contatori; l'indirizzo del precedente intestatario;
  • l'atto costitutivo e/o l'autocertificazione di iscrizione allaCamera di Commercio (C.C.I.A.A.);
  • documento di riconoscimento quale carta d'identità, passaporto ecc.;
  • per i condomini, l'autorizzazione firmata da tutti i condomini e dall'amministratore.

Qualora si richiedessero anche delle agevolazioni sarà necessario esibire, tra i documenti da consegnare per la voltura Eni, anche quelli per ottenere tali privilegi.

La voltura si richiede anche quando si ha la necessità di cambiare la tipologia di utillizzo del gas.
Una volta fatta la richiesta, il fornitore invierà la proposta di contratto che dovrà essere firmata e inviata nuovamente ad Eni. Il servizio viene attivato quando il cliente riceve la “lettera di accettazione” ed è possibile iniziare ad usufruire del gas.
Il cliente che fa una richiesta di voltura dove pagare i costi amministrativi e la prestazione commerciale, così come viene indicato nel contratto. Il pagamento viene effettuato contestualmente alla prima bolletta. Per approfondire ulteriormente ti consigliamo l'articolo di ComparaSemplice.

In caso di subentro

Il subentro si effettua nel caso in cui il contratto sia stato disdetto dal vecchio intestatario del servizio. Infatti, in tal caso, il contatore del gas rimarrà chiuso finchè il nuovo inquilino / proprietario non richieda l’attivazione di un nuovo contratto. Il tempo previsto per l’attivazione della fornitura è di 10 giorni lavorativi. Se nel caso in cui questo tempo fosse superato, il cliente ha diritto ad un indennizzo di 30€.

Nei casi di subentro, servono entrambi i documenti del precedente e del nuovo intestatario, che attestino le dovute modifiche e una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

Per il subentro da parte di PMI sarà necessaria anche la comunicazione dei dati catastali legati all'abitazione dove è presente l'utenza; la comunicazione va effettuata compilando "Modulo per la comunicazione dei dati catastali identificativi dell'immobile presso cui è attivata l'utenza gas" già preimpostato.

Il modulo viene spedito a casa con tutti i documenti utili ad ottenere il contratto d'attivazione; andrà compilato in tutte le sue parti e inviato all'indirizzo scritto sul retro dello stesso.

Qualora si delegasse a un altro soggetto la richiesta di voltura o subentro, è infine necessaria la copia del documento d'identità del delegante, quella del delegato, nonché un documento per la voltura Eni che dimostri tale cosa.

Quando e come richiedere la voltura all'ENI

L'Eni è un'azienda che si occupa di ricercare, produrre e commercializzare petrolio e gas naturale; ha all'attivo più di 75.000 dipendenti in circa 70 paesi. La voltura Eni, così come tutte le volture di questo tipo, viene richiesta all'ente erogatore in caso di subentro, nel contratto già preesistente, di un nuovo intestatario.

La voltura Eni viene effettuata nei casi di: cottura sia con che senza produzione di acqua calda (uso domestico); riscaldamento individuale; per cambiare il tipo di utilizzo del gas.

I singoli cittadini, i professionisti e chi è in possesso di una piccola attività commerciale o artigianale, possono richiedere la voltura Eni: contattando il Contact Center al numero verde 800.900.700; recandosi in un negozio della Rete in Franchising Energy Store Eni; se si è già clienti, effettuando la richiesta on line sul sito www.eni.it.

Negozi della Rete Energy Store Eni

Voltura Eni

Per una corretta esecuzione della voltura presso i negozi della Rete in Franchising Energy Store Eni è indispensabile che i due soggetti interessati comunichino la reciproca volontà di cessare e di subentrare al contratto. Qualora il soggetto cessante non sia reperibile, il subentrante dovrà produrre una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà. La richiesta della voltura è subordinata alla presenza del Legale Rappresentante della Società o di un suo incaricato, munito di delega con allegata copia del documento di identità del Legale Rappresentante.

Documenti necessari a richiedere la voltura ENI

Per effettuare la voltura Eni serve consegnare alcuni documenti all'ENI. Dove non è previsto l’intervento tecnico della Società di Distribuzione, non vengono addebitate spese. Sulla prima fattura viene addebitato, come previsto dalla Delibera n. 229/01 - Art. 11 e 12 dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, il deposito cauzionale. A fronte della cessazione del contratto di vendita, lo stesso viene restituito maggiorato degli interessi.

Lettura dei consumi e i costi ENI

La rilevazione dei consumi e dei relativi si verifica attraverso le seguenti modalità: lettura diretta del contatore; auto-lettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A. attraverso il numero verde 800.999.800 (attivo tutti i giorni dalle h. 6,00 alle h. 24,00) o il sito internet, per i clienti registrati (disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7). Tale numero verde è attivo anche per le contestazioni circa la bolletta del gas.

La lettura diretta del gruppo di misura avviene: almeno una volta l'anno, per i clienti con consumi fino a 500 mc/anno; almeno una volta ogni sei mesi, per i clienti con consumi superiori a 500 mc/anno e fino a 5000 mc/anno; almeno una volta al mese, per i clienti con consumi superiori a 5000 mc/anno ad esclusione.





Potrebbe interessarti

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

immagine d'esempio usata nell'articolo Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Acquisto terreno edificabile: come funziona la compravendita

Immagine per Acquisto terreno edificabile

Acquisto terreno edificabile: la possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto del terreno edificabile, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Comunicazione in Questura del Contratto di Locazione

Il decreto legislativo 70/2011 ha introdotto numerose novità nel campo degli affitti: con la sua entrata in vigore, dal 7 Aprile è venuto a cadere infatti l’obbligo per gli affittuari di inviare una comunicazione alla Questura sulla locazione, purché quest'ultima sia debitamente registrata e non riguardi l’esercizio di un’attività imprenditoriale. Diverso invece il discorso se la parte interessata sia un cittadino extracomunitario, fuori dai confini dell’Unione Europea.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Leggi tutto...
Go to Top