Prima di iniziare a girovagare tra agenzie immobiliari e visite negli appartamenti in vendita dei privati, è bene ottenere qualche preventivo per il mutuo per essere certi che l'istituto di credito eroghi l'importo necessario per l'acquisto di una nuova casa. Quasi tutte le banche, online o meno, consentono di avere un preventivo in base alla propria situazione patrimoniale.
Ogni istituto di credito richiede una documentazione specifica ai propri clienti prima di procedere al preventivo e alla pre-approvazione dell'importo richiesto.

Documenti solitamente richiesti per il preventivo del mutuo

Riportiamo di seguito i documenti mutuo necessari per un preventivo.

I documenti del mutuo per il primo e il secondo richiedente

  • Copia dell'originale estratto conto trimestrale o semestrale inviato dalla banca e aggiornamento all'ultimo mese
  • Copia documento fronte e retro in corso di validità (Carta di Identità / Passaporto / Patente)
  • Copia del Codice Fiscale
  • Copia degli Ultimi 2 cedolini dello stipendio o Copia del modello 730 o Unico completo di versamenti F24
  • Copia del Modello CUD
  • Originale dello Stato di famiglia Comune
  • Originale del Certificato di Residenza

Documenti del mutuo per l'eventuale garante

  • Copia documento fronte e retro in corso di validità (Carta di Identità / Passaporto / Patente)
  • Copia dell'Estratto conto personale degli ultimi 6 mesi
  • Copia del Codice Fiscale
  • Originale dello Stato di famiglia
  • Originale del Certificato di Residenza
  • Ricevuta/e di presentazione modello Unico Già in possesso del richiedente/Commercialista

Documento relativi alla pratica per l'immobile

  • Domanda di mutuo firmata da tutti i richiedenti
  • Copia di compromesso e/o della proposta di acquisto Già in possesso deirichiedenti
  • Evidenza della somma restante necessarie per l'acquisto, di solito il 20% del valore dell'immobile
  • Copia dell'Atto Provenienza (rogito attuale proprietario)
  • Copia della planimetria catastale
  • Copia della visura catastale
  • Copia della concessione edilizia Costruttore

 Le garanzie per richiedere un mutuo

A tutti coloro che richiedono un mutuo, l'istituo di credito presso cui viene fatta domanda necessi di formalizzare delle garanzie per tutelarsi. Esistono diverse forme di garanzia di cui una banca e qualsiasi altro istituto di credito possono avvalersi:

  • ipoteca;
  • fideiussione;
  • cambiale ipotecaria;
  • polizze assicurative contro incendio e scoppio, sulla vita, contro il rischio di disoccupazione;
  • opzioni put contro il negative equity, rischio di svalutazione dell'immobile.

L'ipoteca sulla casa

Di norma come garanzia si richede l'iscrizione di una ipoteca sulla casa acquistata tramite mutuo, ma è possibile anche trasferirla su altri beni di proprietà del richiedente o di altri soggetti garanti: questa operazione avviene tramite fideiussione.
Tale ipoteca ha una durata massima di venti anni, e con l'estinzione del debito il proprietario del bene ipotecato (e dunque al termine del pagamento del mutuo), può richiedere formalmente la sua cancellazione.

Qualora nel corso degli anni vengano meno alcune garanzie, oppure l'immobile venga a perdere di valore, la banca può formalmente ottenere un loro reintegro andando ad ipotecare altri beni, oppure revocando in maniera parziale il prestito, ove previsto nel contratto principale di mutuo. Come ultima soluzione, è prevista anche una clausola di risoluzione del mutuo, in cui è espressa la possibiltà di rescissione del contratto in caso di mancata garanzia.

 





Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leasing prima casa: di cosa si tratta e come funziona?

Il possedere una casa di proprietà, piccola o grande che sia, rappresenta il sogno di tantissime persone. Se per le giovani coppie potrebbe essere un piccolo e romantico nido d’amore dove far crescere i figli, per le persone più anziane invece simboleggia la ricompensa di tanti anni di sacrifici e il poter godere di una vecchiaia più serena. E proprio per incentivare l’acquisto di un’abitazione principale, in particolare per i giovani, diverse sono state le iniziative avviate dalle autorità governative nel corso di questi anni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top