Effettuare il cambio di residenza richiede che l’interessato si rechi presso gli sportelli della circoscrizione nella quale intende risiedere, presentando i documenti necessari. Questa pratica, seppur condizionata dall’efficienza degli impiegati e dalle code che si formano, può essere ritardata anche di giorni qualora manchi anche un solo certificato.

Grazie a questa guida vedremo come limitare le tempistiche a quelle funzionali, facendo in modo che gli interessati si rechino agli sportelli con tutti i certificati obbligatori.

Cosa è il domicilio?

La residenza è il domicilio dove si trasferisce la persona o nucleo familiare. Essa deve essere dichiarata presso l’Ufficio dell’Anagrafe del Comune di appartenenza. Nel tempo la dimora può essere trasferita e per questo atto varrà la duplice dichiarazione al Comune dove si esprimerà il nuovo domicilio e quello che si abbandona. Tuttavia, è possibile avere più residenze in più Comuni.

Quali documenti preparare per il cambio di residenza

Per effettuare il cambio di residenza, è sufficiente che una persona per nucleo familiare presenti agli sportelli del Municipio in cui si vuole risiedere i seguenti documenti.

  • documento valido di riconoscimento;
  • codice fiscale.

Oltre a questi, i cittadini extracomunitari dovranno portare con sé:

  • il proprio passaporto ed una sua fotocopia;
  • il documento di soggiorno e due sue fotocopie.

Gli appartenenti all’Unione Europea che volessero indicare l’Italia come prima residenza, prima di recarsi in Municipio dovranno effettuare questo cambio presso l’ufficio anagrafico.

Con il rilascio di questo certificato, si può avere accesso ai diversi servizi demografici. I cittadini o famiglie italiane possono richiedere la modifica sulla propria dimora:

  • se sono iscritti all’Anagrafe di un altro Comune italiano
  • se sono iscritti all’Anagrafe dell’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero)
  • se sono stati cancellati causa irreperibilità dall’Anagrafe di un altro Comune italiano

La domanda deve essere presentata da un cittadino maggiorenne o nel caso di nucleo familiare da un componente responsabile della famiglia stessa, che esercita la responsabilità genitoriale.
Nel certificato sono indicati diversi dati tra i quali: Comune scelto, data del rilascio, oggetto del certificato, i dati anagrafici della persona che ha presentato tale domanda, timbro e firma dell’ufficiale preposto all’Anagrafe.

Cambi di residenza particolari

Oltre a questi atti, qualora si vada a vivere da persone maggiorenni è necessario che una di esse sia presente per dare il consenso o, in alternativa, rediga un’autocertificazione con fotocopia di un documento identificativo in allegato.
Ultimo documento da compilare è quello per pagare la nettezza urbana; il certificato è generalmente reperibile presso il sito della società che effettua il servizio o i suoi uffici e va spedito al loro recapito.

Ovviamente, se vuoi approfondire ti consigliamo la lettura del testo La riforma dell'anagrafe. Il cambio di residenza in tempo reale e il nuovo procedimento di iscrizione anagrafica (Con CD-ROM)

Come effettuare il cambio di residenza da casa

Dal 6 maggio 2012, è possibile svolgere l’intera procedura senza dover recarsi presso gli uffici amministrativi, spedendo i documenti direttamente da casa.
Questo snellimento burocratico è reso possibile dal Decreto Semplifica Italia; scaricando i moduli dalla pagina dedicata del sito del Governo si potrà quindi procedere al passaggio saltando code e disagi.

Una volta fatta richiesta, essa avrà valore legale dopo due giorni dalla consegna; l’amministrazione competente avrà quindi 45 giorni di tempo per eseguire i controlli di rito, al termine dei quali i documenti del cambio di residenza verranno accettati per tacito assenso.

Ci sono diverse opportunità per presentare la domanda di domicilio:

  • presentandosi di persona agli uffici del Comune
  • fax o raccomandata, con la firma a mano e effettuando una scansione del documento
  • via mail, allegando il documento con la firma digitale o presentando la carta d’identità elettronica
  • PEC (Posta Elettronica Certificata), in questo caso si deve firmare la dichiarazione in quanto il richiedente è direttamente associato alla PEC.

Nei casi in cui si possono inviare i file per via telematica, bisognerà controllare sul sito ufficiale del Comune di riferimento quali sono gli indirizzi mail ai quali poter inviare i documenti necessari per la documentazione richiesta.

Controlli e accertamenti

Sono previsti controlli, definiti accertamenti anagrafici, effettuati dal corpo di polizia e da personale comunale riguardante la domanda presentata sul cambio domicilio. I controllo vengono svolti entro 45 giorni dalla presentazione della richiesta e si incentrano sulla verifica del requisito dell’abitualità. Nel caso ci siano discordanze, chi ha effettuato il controllo deve inviare l’anomalia alle autorità competenti.





Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Isolamento Acustico delle pareti: requisiti passivi e normative

Prima di tutto è bene chiarire che molti edifici sono costruiti seguendo la logica dell'isolamento acustico delle pareti architettonico. Questa logica annovera al proprio interno dei requisiti acustici passivi (le caratteristiche qualificanti le fonti sonoro/acustiche esterne ed interne nella costruzione di un edificio).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Antifurto casa: come aumenta la sicurezza con le smart home

Il fenomeno delle smart home sta conoscendo una costante e rapida crescita anche nel nostro Paese, con l'aumento del numero di abitazioni intelligenti. Proprio per questo motivo, si sta sviluppando una concezione inedita di comfort casalingo, destinato a rivoluzionare le abitudini delle persone in ogni angolo del mondo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La voltura del gas: procedura e documenti necessari

Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

Leggi tutto...
Go to Top