Il noleggio furgoni può essere una necessità oltre che di carattere lavorativo, anche per effettuare trasporti di ingombranti o per piccoli traslochi in autonomia senza ricorrere a un’agenzia di traslochi. Il noleggio di furgoni è una soluzione pratica ed economica anche quando si tratta di fare delle spese come mobili e divani e piuttosto che pagare la consegna a domicilio, si può ritirare la merce in magazzino e provvedere da soli al trasporto. Vediamo in questo articolo i pro e i contro del noleggio furgoni, quanto costa, come si carica e si organizza un furgone per un trasporto ottimale.

Quanto costa il noleggio furgoni

Che sia per traslochi o per ritiro merce, il noleggio furgoni può essere la soluzione ideale anche per risparmiare sui costi di un’agenzia di traslochi. Tuttavia, il costo del noleggio furgoni dipende da diversi fattori come la durata dell’affitto e la capacità di carico del furgone noleggiato. Un trasloco di piccole o medie dimensioni della durata di un giorno, in media, può costare un noleggio di circa 100 € per il solo affitto del furgone. In base alle tariffe standard applicate dai vari centri di noleggio furgoni, è possibile stabilire una media dei costi per capacità di carico richiesta e durata del noleggio, per cui:

  1. Un furgone con capacità di carico da 2 a 5 m3 avrà un costo medio compreso tra:
    1. 40 – 75 € per 6-9 ore di tempo;
    2. 90 – 160 € per l’intera giornata;
    3. 170 – 295 € per il fine settimana.
  1. Un furgone con capacità di carico da 6 a 10 m3 avrà un costo medio compreso tra:
  • 50 – 95 € per 6-9 ore di tempo;
  • 120 – 180 € per l’intera giornata;
  • 200 – 380 € per il fine settimana.
  1. Un furgone con capacità di carico compresa tra 11 e 20 m3 avrà un costo medio compreso tra:
  • 65 – 100 € per 6 -9 ore di tempo;
  • 120 – 200 € per l’intera giornata;
  • 250 – 390 € per il fine settimana.

La valutazione sui costi è del tutto personale rispetto all’utilizzo del furgone. Per calcolare la capacità di carico e quindi definire la quantità di oggetti e il volume da trasportare non è sempre facile, un metodo utile è calcolare il peso e la grandezza di ciò che si intende trasportare: se si tratta di un trasloco bisognerà considerare che per ogni stanza saranno necessari 10 scatoloni di dimensione standard media 40 X 40 X 50 e una portata compresa tra 30 e 40 kg., pari a un volume di 1 m3. Nel caso di trasporto di mobili per esempio per un acquisto presso un centro commerciale bisogna considerare che un letto matrimoniale standard smontato occupa 3 m3, mentre un divano a tre posti occupa 2 m3. In base a questi parametri ci si può regolare approssimativamente sulla capacità del mezzo che si desidera noleggiare. Poiché anche la durata influenza sui costi del noleggio furgoni, in base al tipo di trasporto si dovrà valutare il tempo necessario tra spostamento, carico, scarico e riconsegna del mezzo.

Come caricare correttamente un furgone

Caricare e organizzare correttamente un furgone in affitto per un trasloco o per il ritiro di una merce acquistata in un grande centro commerciale è importante per risparmiare anche sulla fatica e per ridurre gli spostamenti da una parte all’altra. Consideriamo il caso più impegnativo di un trasloco per cui è ipotizzabile riuscire a risparmiare sui costi e la durata del noleggio furgoni se si è ben organizzati nel disporre i pezzi all’interno del mezzo, si dovrebbe procedere nel modo seguente:

  • Iniziare con gli elettrodomestici di grandi e medie dimensioni come lavatrice, lavastoviglie, frigorifero (opportunamente scongelato e asciutto) perché sono più resistenti alle sollecitazioni e alla pressione del peso rispetto agli scatoloni o ai mobili di piccole dimensioni. Gli elettrodomestici, infatti, sono una base ideale su cui disporre il restante carico. Per sicurezza, gli elettrodomestici e il carico in genere devono essere fissati o fermati con coperte per imballaggio e cinghie per evitare che durante il trasporto, movimenti bruschi possano recare danni alle cose trasportate.
  • Dopo gli elettrodomestici si caricano le scatole correttamente chiuse e imballate contenenti gli oggetti di arredo e gli effetti personali. Il noleggio furgoni è comodo perché si conosce già bene cosa trasportare e come disporre gli scatoloni; questi ultimi si dispongono in altezza uno sull’altro dal più pesante al più leggero o che contiene oggetti fragili e di piccole dimensioni. Se ben collocate le scatole assicurano a loro volta stabilità e non si sposteranno nel trasporto. In caso di spazi tra le scatole, si consiglia di riempirli con coperte, piumini, cuscini, tappeti o piccoli oggetti di arredo morbidi in modo da sigillare tutto.

Caricare i mobili su un furgone a noleggio

furgone

Se si preferisce ricorrere al noleggio furgoni per ritirare mobili di grandi, medie o piccole dimensioni presso un centro commerciale per arredare il soggiorno o il bagno, il modo migliore per posizionarli è mantenere l’imballaggio e fermarlo a bordo con coperte e cinghie. Le componenti che possono essere smontate e riassemblate come tavoli, letti, librerie devono essere opportunamente smontate e rimontate: è più facile collocare i singoli elementi all’interno del furgone piuttosto che il mobile interamente composto (soprattutto se si acquistano i mobili in esposizione, un ulteriore modo per risparmiare senza rinunciare alla qualità e allo stile). Materassi e divani si possono disporre in verticale ai lati del furgone in modo che lasciano libero il pianale e il centro del furgone e a loro volta funzionano da paracolpi. Per i mobili di piccole dimensioni come sedie, armadietti, tavolini, si posizionano al centro del furgone, se possibile è preferibile smontarli.

Il noleggio furgoni si rivela, infine, utile per il trasporto di vasi e piante, terriccio, piccoli attrezzi da giardinaggio e mobili da giardino, se si è in procinto di allestire il proprio giardino, terrazzo o balcone con un’area verde per il relax.




Potrebbe interessarti

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Agevolazioni fiscali per il canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Agevolazioni fiscali per il canone concordato

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

 

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi anche...

Comproprietà: cosa avviene se c'è la comunione di proprietari

L'acquisto di una casa o l'affitto di un appartamento o di una stanza, comportano sempre delle pratiche legali da svolgere e dei contratti da firmare.

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette: quel che c'è da sapere

domiciliazione bancaria

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Go to Top