Negli ultimi anni tante persone pongono maggiore attenzione e cura non solo a quello che mangiano ma anche a ciò che bevono. Alcuni lo fanno soltanto per questioni di benessere fisico, altri invece anche per motivi di salute. Tutti tengono a restare in forma ma soprattutto a restare in salute, evitando magari di assumere sostanze che possano danneggiare il corpo o minarlo nel corso del tempo.

Recentemente, sempre più spesso si trovano in commercio macchinari che tendono a depurare l’acqua (elemento essenziale per il corpo umano e per il suo benessere generale), eliminandone o almeno riducendone eventuali sostanze nocive presenti al suo interno. Si sente parlare, da questo punto di vista, dei cosiddetti depuratori d’acqua ad osmosi inversa. Prima di conoscere meglio cosa siano tali strumenti e come funzionino, parliamo del processo naturale su cui si basano, cioè dell’osmosi.

Cos’è questo fenomeno?

Questa non è altro che un fenomeno del tutto naturale che permette agli esseri viventi di regolare e mantenere costante la pressione cellulare, per mezzo di una membrana semipermeabile, che consente il passaggio dell’acqua ma non di tutte le sostanze. In particolare, l’osmosi è un processo di natura chimico-fisica che si svolge quando due soluzioni acquose con una diversa concentrazione salina al proprio interno sono divise da una membrana semipermeabile.

Nella situazione appena descritta, avviene un passaggio di tipo spontaneo dell’acqua dalla soluzione maggiormente diluita a quella più concentrata, fino a quando non si raggiunge un equilibrio della salinità tra le due parti. La pressione che si genera da questo passaggio viene definita “pressione osmotica”. Nel caso si esercitasse una pressione inversa (una contropressione) maggiore di quella osmotica, il processo si invertirebbe.

E proprio questo processo invertito dà vita alla cosiddetta “osmosi inversa”, cioè il passaggio dell’acqua, sempre attraverso una membrana semipermeabile, in direzione inversa appunto a quella tradizionale, con la generazione di due soluzioni differenti: una ad alta concentrazione salina e l’altra a bassissima concentrazione (e quindi, in pratica, molto diluita).

L’acqua filtrata con questo processo

immagine per Depuratori d’acqua ad osmosi inversa

In questi anni sono state lanciate sul mercato diverse macchine che fungono da depuratori d’acqua ad osmosi inversa come metodo di filtraggio. La maggior parte sono impianti di ridotte dimensioni e compatti e che consentirebbero la potabilizzazione dell’acqua ad elevata concentrazione di sali o di sostanze inquinanti o almeno migliorerebbero la qualità di quella proveniente dalle comuni reti idriche cittadine.

Tali impianti di depuratori d’acqua ad osmosi inversa casalinga, talmente compatti da poter essere posti tranquillamente anche in una cucina, possono essere di due tipi: con accumulo e a produzione diretta. I sistemi di depuratori d’acqua ad osmosi inversa con accumulo presentano una serie di prefiltri, una membrana osmotica, un piccolo serbatoio di accumulo ed un procedimento di post trattamento, costituito da carboni attivi e ultrafiltrazione.

Al fine di ridimensionare ulteriormente gli ingombri e risolvere alcune problematiche connesse al serbatoio (ad esempio il ristagno d’acqua), sono stati realizzati gli impianti a produzione diretta. Questi, grazie ad una pompa di spinta, riescono a produrre un considerevole flusso di acqua osmotizzata, utilissimo nell’ambito della ristorazione di tipo collettivo.

Ricordiamo, comunque, che l’acqua così osmotizzata, risulta essere priva o evidenzia un bassissimo grado di contenuto salino, pertanto se destinata al consumo umano o all’uso a livello domestico, andrebbe rimineralizzata, attraverso opportuni procedimenti, che alcuni impianti o depuratori possono effettuare.

Di seguito ti riportiamo alcuno ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Depuratore Acqua ForHome® Easy Micro Filtrazione Professional

Prezzo su Amazon.it: € 116
Compra su Amazon

Spardar - Purificatore Acqua per Rubinetto da Cucina, Filtro Acqua con Materiale Ultra Assorbente, Adatto a rubinetti Standard 011 Faucet Filters

Prezzo su Amazon.it: € 23
Compra su Amazon

Depuratore acqua a osmosi inversa con serbatoio e mineralizzatore

Prezzo su Amazon.it: € 239

Alcuni chiarimenti

depuratori d’acqua ad osmosi inversa sono stati oggetto di un acceso dibattito circa la loro efficacia ed utilità. Secondo alcuni, aiuterebbero effettivamente a depurare e filtrare l’acqua dei rubinetti casalinghi. Per altre persone, invece, l’acqua così “depurata” in realtà non sarebbe potabile, in quanto demineralizzata e quindi non potrebbe essere assunta per periodi prolungati. In pratica, non si assumerebbero degli importanti sali minerali, quali ad esempio calcio e potassio.

Comunque, premesso che nella maggior parte dei casi l’acqua che sgorga dai rubinetti di casa è sottoposta a svariati controlli ed analisi circa la sua potabilità, è sempre bene fare attenzione nell’uso di impianti di depurazione della stessa, di qualsiasi tipo essi siano.





Potrebbe interessarti

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

immagine d'esempio usata nell'articolo Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Come si effettua il calcolo del valore immobiliare

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale gratis: scopri come fare

A partire dal 01/11/2012 con Decreto n.16 del 02.03.2012 convertito con modificazioni, dalla L. n.44 del 26 aprile 2012 (Consultazione delle banche dati ipotecaria e catastale – Consultazioni personali – Modifiche alla Tabella dei tributi speciali catastali e alla Tabella delle tasse ipotecarie), nonché Circolare n. 4/2012 del 28 settembre 2012 sono stati reintrodotti i diritti erariali – precedentemente aboliti - per il rilascio dei documenti catastali da parte dell’Agenzia del Territorio, consentendo la consultazione gratuita degli atti e dei documenti catastali: visure catastali, planimetrie catastali ed estratti di mappa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Leggi tutto...
Go to Top