Molto spesso, i muri delle nostre abitazioni iniziano a dare segno di pecche e di stati di sofferenza e si pone così la necessità di risanare le crepe sull’intonaco. Le pareti delle nostre abitazioni sono afflitte continuamente da sollecitazioni meccaniche e da moti di assestamento dell’edificio (assestamento primario) che mirano a donare alla struttura una nuova stabilità, così come da movimenti del terreno (assestamenti secondari) che hanno ugualmente effetti negativi.

Le crepe nei muri possono interessare sia i muri interni che esterni, sia i muri divisori che quelli portanti, manifestarsi in senso orizzontale, verticale o diagonale, manifestarsi a livello superficiale oppure anche in profondità.

Perché si formano le crepe nei muri di casa? 

Le crepe nei muri possono essere ricondotte a una gran numero di cause:

  • umidità sui muri
  • errori di progettazione dell’edficio o cattiva manutenzione dell’immobile
  • variazioni del livello delle falde acquifere
  • eventi sismici
  • escursione termica stagionale che modifica il volume degli elementi
  • l’utilizzo di elementi dalla differente elasticità
  • infiltrazioni d’acqua
  • eccessivo traffico veicolare
  • cattiva coibentazione
  • interventi su edifici vicini
  • azioni esercitate da radici di alberi ad alto fusto
  • opere all’interno del terreno (es. interventi sulla rete fognaria)

Per riparare piccole crepe domestiche non profonde e non associate a problemi di stabilità dell’edificio è possibile anche operarsi da soli oppure con l’aiuto di imbianchini. Si tratta infatti di crepe superficiali che non sono connesse alla solidità dell’edificio e che costituiscono più un problema estetico che di altro genere.

Come riparare le crepe sui muri 

Per correggere le crepe superficiali, devi spargere lo stucco a strati per mezzo di una spatola di metallo: una volta distribuito qualche millimetro di materiale su più livelli dovresti già vedere dei risultati apprezzabili.

Puoi livellare il tutto attraverso il frattazzo, per poi rifinire con la carta vetrata e passare sopra il tutto con un po’ di tinta.

Per rimuovere le crepe superficiali ma più profonde, puoi ricorrere a un impasto di gesso e calce abbastanza denso ma non troppo duro per poterla modellare. Puoi rimuovere i frammenti di parete dalla crepa e lavorarla ai lati con spazzola e scalpello per rendere l’apertura simile da entrambi i lati.

A questo punto, puoi introdurre la miscela di gesso e calce con la spatola riempendola in profondità, e aspettare che il tutto si asciughi prima di passare a livellare.

Procedi innanzitutto con il frattazzo nella prima fase, quindi ricorri alla carta vetrata per concludere il lavoro. Eventualmente, puoi apporre un po’ di tinta per donare un tocco omogeneo alla parete sulla quale hai lavorato. 

Se il problema riguarda però la vera e propria stabilità dell’edificio, la faccenda allora è diversa.

Ti consigliamo di evitare assolutamente il fai da te nella valutazione della pericolosità delle crepe, e di affidarti a professionisti nella geoedilizia.

Gli esperti strutturisti si occupano di individuare la vera causa delle crepe sui muri e di proporre il procedimento più adeguato a consolidare le fondazioni in modo se possibile definitivo.

Consolidamento fondazioni: quali sono le migliori soluzioni

Per correggere le crepe nei muri strutturali occorre innanzitutto consolidare il terreno che sostiene l’edificio, attraverso interventi di rinforzo del suolo per rinvigorire le qualità di stabilità e di resistenza. Questo si può ottenere attraverso diverse tecniche, tra le quali le più importanti sono le iniezioni di resine espandenti e i micropali in acciaio pressoinfissi.

Le iniezioni di resine espandenti compatibili con l’ambiente sono una delle metodologie più diffuse sul mercato per merito del loro ottimo rapporto qualità/prezzo e della scarsa invasività.

Esse prevedono di pompare nel terreno delle resine chimiche biocompatibili concepite per espandersi in occasione degli spazi vuoti, andando così a colmare le cavità che mettono a rischio la stabilità dell’edificio, esercitando un contrasto meccanico alla pressione ricevuta.

Questa tecnologia è molto consigliata quando il livello cedevole si trova sotto il piano fondale, dove incidono le pressioni verticali esercitate dall’edificio. Si tratta di una metodologia di consolidamento molto veloce da attuare, affidabile e applicabile anche in spazi ristretti, e che offre risultati duraturi nel tempo.

Le resine espandenti permettono di rendere il terreno più contatto, di impermeabilizzare il suolo dall’acqua, di colmare le cavità provocate dal ritiro dei terreni argillosi, e soprattutto di riattivare la fondazione, ovvero riottenere il completo appoggio della superficie fondale distribuendo i carichi in maniera omogenea.

I micropali ad elica discontinua sono costituiti da un sistema di micropali dotati di eliche, in acciaio composti da una batteria di moduli collocati a rotazione nel terreno: attraverso motori idraulici portatili si genera la rotazione che avvita i pali nel terreno a pressione costante.

Questa tecnologia di palificazione attiva micro invasiva permette di eseguire il precarico attivo del palo in corso di esercizio in modo da adeguare la loro portata alle esigenze che si prospettano nel corso del lavoro e di scongiurare eventuali cedimenti successivi.

Il consolidamento delle fondazioni attraverso micropali pressoinfissi si rivela molto indicato per sopperire a carichi molto gravosi che devono essere messi in sicurezza. Questo processo inoltre non produce né materiali di risulta né vibrazione durante l’infissione, richiede tempi di realizzazione più ristretti rispetto alla tecnica di palificazione convenzionale e rende possibile recuperare i cedimenti. 

Le due succitate tecniche possono essere eventualmente applicate congiuntamente per produrre attività di consolidamento ancora migliori e più affidabili.

Oltre a ciò, gli esperti si occupano di monitorare periodicamente con livelli laser lo stato del terreno e dell’edificio per verificare l’andamento del problema.

Come già detto, se sei in presenza di una crepa sul muro che ti preoccupa, rivolgiti agli esperti per valutare la situazione, in fatto di sicurezza non c’è da scherzare!




Potrebbe interessarti

Tasse sull'affitto: una guida per essere in regola con lo Stato!

tasse sull'affitto

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

 

I più condivisi

Accollo del mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi anche...

Regolamento condominiale: tutto quello che c'è da sapere

regolamento condominiale

Il regolamento condominiale viene prestabilito dal costruttore e approvato dai condomini acquirenti delle singole unità immobiliari al momento dell'acquisto; costituisce parte integrante di tutti gli atti di acquisto stipulati dai diversi comproprietari.

Leggi anche...

Incentivi per fotovoltaico 2020: tutto quello che c'è da sapere

incentivi per il fotovoltaico 2020

L'energia solare è, ormai da tempo, attivamente usata nella produzione di energia elettrica ad uso domestico. Cominciata inizialmente come un'aggiunta "green" e ausiliaria alla rete elettrica tradizionale, i progressi tecnologici ottenuti negli anni permettono oggi di impiegare sistemi a basso impatto ambientale in maniera totale, con impianti di accumulo avanzati e soluzioni inclusive.

Go to Top