La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

I prezzi delle volture, o di un eventuale subentro dell'acqua, del telefono o dell'energia, che solitamente si aggirano intorno ai 40/60 euro, variano a seconda delle singole imprese: le informazioni precise sui costi si possono trovare anche sui sitiinternet delle singole compagnie di distribuzione, dove, in alcuni casi, è possibile fare on line la voltura stessa.

Cosa determina il costo della voltura

Il costo del servizio di fornitura si compone di quattro parti:
• prezzo del gas
• costo del trasporto
• consegna fino al proprio contatore
• imposte

Può capitare che il venditore decida di applicare degli sconti rispetto al prezzo del gas; in questo caso dovrà essere specificata la percentuale di sconto e il relativo prezzo originario.

Prezzi fissati dall'AEEG per la voltura del gas

L'AEEG (Autorità dell'Energia Elettrica ed il Gas), al fine di garantire un confronto reale tra le varie offerte del mercato del Gas, ha emanato un Codice di Condotta Commerciale a cui i venditori devono attenersi (delibera 126/04). Nell'offerta devono essere indicati in particolare i prezzi di fornitura del servizio (euro per metro cubo), i quali dovranno essere presenti anche in tutte le pubblicità e opuscoli informativi, nonché sul sito internet del venditore.

Come fare la voltura

La voltura consiste nel cambiare l’intestatario di un contratto riguardo un’utenza attiva. L’interessato dovrà sottoscrivere con la compagnia che gestisce l’utenza un nuovo contratto, che in alcuni casi prevede il cambio della tariffa precedentemente applicata al vecchio intestatario. Il cambio dell’intestazione può avvenire solo se il vecchio utente non abbia già richiesto la chiusura del contratto. In questo caso il nuovo intestatario dovrà effettuare l’allaccio dell’utenza e dovrà quindi sostenere spese maggiori. La maggior parte delle compagnie che forniscono gas ed energia permettono agli utenti di effettuare la voltura direttamente online, compilando un apposito modulo, è necessario però essere in possesso del codice POD dell’utenza, che si trova in bolletta o sul contatore.

Nel caso in cui l’utenza riguardi la fornitura del gas è necessario conoscere il codice PDR, anche in questo caso lo si può facilmente trovare nella bolletta o sul cartellino che è appeso al contatore. Primo di iniziare a compilare il modulo per la voltura è importante conoscere l’attuale lettura del contatore, informazione che verrà richiesta per terminare l’operazione. Il cambio d’intestatario delle utenze non è gratuito e varia in base alla compagnia con la quale si stipula il contratto. La società elettrica Enel ad esempio richiede il pagamento di 27,52 euro, che sono addebbitati nella prima bolletta. Per richiedere la voltura di un’utenza di gas o luce della società Eni è possibile recarsi direttamente all’energy store più vicino, oppure contattare il numero verde 800900700, dove un operatore inoltrerà la vostra richiesta. Per poter fare la voltura il nuovo intestatario ha bisogno di avere alcune informazioni, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • Il numero di matricola del contatore.
  • Il codice POD o PDR.
  • L’autolettura del contatore.
  • L’indirizzo presso il quale la fattura dovrà essere spedita.
  • L’uso della fornitura gas, ad esempio cottura e riscaldamento, cottura e acqua calda o solo cottura.
  • L’indirizzo dove dovrà essere spedita la fattura di conguaglio che riguarda il vecchio intestatario dell’utenza.

Le persone che appartengono al servizio di maggior tutela hanno un contratto a condizioni regolate dall’Autorità e per eseguire il cambio dell’intestatario devono affrontare una serie di spese che sono riportate di seguito.

  • Un’imposta fissa di 27,59 euro.
  • L’imposta di bollo di circa 16.00 euro.
  • Un contributo fisso di 23 euro.

 

 

 

 



Potrebbe interessarti

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

tassa di registro

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Contratto uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

Immagine usata nell'articolo Contratto uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

 

Con il contratto uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Normativa sullo scarico dei fumi: cosa dice la legge

cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi anche...

Prestito ipotecario sulla casa, come ottenerlo?

Il prestito ipotecario, conosciuto anche come credito ipotecario, è una sorta di finanziamento che prende parte dall’ipoteca su un bene o un immobile al fine di ottenere un capitale. Questo particolare tipo di prestito si divide in tre categorie:

Leggi anche...

La manutenzione ordinaria e straordinaria: modifiche, riparazioni e guasti

Dopo aver firmato un contratto d'affitto, entrambe le parti in causa, inquilino e proprietario, sono tenuti a rispettare dei doveri legati alle spese di manutenzione e all'utilizzo dell'immobile. Dunque, sia che tu sia un patito del fai da te per la casa o meno, hai dei doveri nei confronti dell'altra parte in causa. Vediamo quali sono.

Leggi anche...

La voltura del gas: procedura e documenti necessari

Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

Go to Top