La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

I prezzi delle volture, o di un eventuale subentro dell'acqua, del telefono o dell'energia, che solitamente si aggirano intorno ai 40/60 euro, variano a seconda delle singole imprese: le informazioni precise sui costi si possono trovare anche sui sitiinternet delle singole compagnie di distribuzione, dove, in alcuni casi, è possibile fare on line la voltura stessa.

Cosa determina il costo della voltura

Il costo del servizio di fornitura si compone di quattro parti:
• prezzo del gas
• costo del trasporto
• consegna fino al proprio contatore
• imposte

Può capitare che il venditore decida di applicare degli sconti rispetto al prezzo del gas; in questo caso dovrà essere specificata la percentuale di sconto e il relativo prezzo originario.

Prezzi fissati dall'AEEG per la voltura del gas

L'AEEG (Autorità dell'Energia Elettrica ed il Gas), al fine di garantire un confronto reale tra le varie offerte del mercato del Gas, ha emanato un Codice di Condotta Commerciale a cui i venditori devono attenersi (delibera 126/04). Nell'offerta devono essere indicati in particolare i prezzi di fornitura del servizio (euro per metro cubo), i quali dovranno essere presenti anche in tutte le pubblicità e opuscoli informativi, nonché sul sito internet del venditore.

Come fare la voltura

La voltura consiste nel cambiare l’intestatario di un contratto riguardo un’utenza attiva. L’interessato dovrà sottoscrivere con la compagnia che gestisce l’utenza un nuovo contratto, che in alcuni casi prevede il cambio della tariffa precedentemente applicata al vecchio intestatario. Il cambio dell’intestazione può avvenire solo se il vecchio utente non abbia già richiesto la chiusura del contratto. In questo caso il nuovo intestatario dovrà effettuare l’allaccio dell’utenza e dovrà quindi sostenere spese maggiori. La maggior parte delle compagnie che forniscono gas ed energia permettono agli utenti di effettuare la voltura direttamente online, compilando un apposito modulo, è necessario però essere in possesso del codice POD dell’utenza, che si trova in bolletta o sul contatore.

Nel caso in cui l’utenza riguardi la fornitura del gas è necessario conoscere il codice PDR, anche in questo caso lo si può facilmente trovare nella bolletta o sul cartellino che è appeso al contatore. Primo di iniziare a compilare il modulo per la voltura è importante conoscere l’attuale lettura del contatore, informazione che verrà richiesta per terminare l’operazione. Il cambio d’intestatario delle utenze non è gratuito e varia in base alla compagnia con la quale si stipula il contratto. La società elettrica Enel ad esempio richiede il pagamento di 27,52 euro, che sono addebbitati nella prima bolletta. Per richiedere la voltura di un’utenza di gas o luce della società Eni è possibile recarsi direttamente all’energy store più vicino, oppure contattare il numero verde 800900700, dove un operatore inoltrerà la vostra richiesta. Per poter fare la voltura il nuovo intestatario ha bisogno di avere alcune informazioni, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • Il numero di matricola del contatore.
  • Il codice POD o PDR.
  • L’autolettura del contatore.
  • L’indirizzo presso il quale la fattura dovrà essere spedita.
  • L’uso della fornitura gas, ad esempio cottura e riscaldamento, cottura e acqua calda o solo cottura.
  • L’indirizzo dove dovrà essere spedita la fattura di conguaglio che riguarda il vecchio intestatario dell’utenza.

Le persone che appartengono al servizio di maggior tutela hanno un contratto a condizioni regolate dall’Autorità e per eseguire il cambio dell’intestatario devono affrontare una serie di spese che sono riportate di seguito.

  • Un’imposta fissa di 27,59 euro.
  • L’imposta di bollo di circa 16.00 euro.
  • Un contributo fisso di 23 euro.

 

 

 

 





Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

I più condivisi

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratti di locazione agevolati: ecco i requisiti

contratti di locazione agevolati, detti anche 3+2 (legge 431 del 1998), hanno durata minore rispetto ai contratti di locazione liberi (4+4); sono infatti di 3 anni e si possono rinnovare per altri 2.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lampade a Led per casa: ecco i nostri consigli

Arredare usando la luce può essere un espediente veramente utilissimo per far diventare più bella e più accogliente la vostra casa. Infatti, oltre ai tappeti, i quadri, o i divani di design anche la luce ha una grande importanza in casa proprio perché, come gli specchi, sono ideali per far sembrare più ampio un ambiente che è, invece, piccolo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Leggi tutto...
Go to Top