Può capitare a tutti di avere problemi con la serratura della porta di casa. Magari si è rimasti fuori, nell'impossibilità di entrare, o ancora dei ladri hanno provato a introdursi nell'abitazione per rubare e hanno forzato malamente la serratura , danneggiandola in maniera irreparabile.

Problemi con le serrature: cosa fare quando si è rimasti fuori casa?

Può capitare a tutti di avere problemi con la serratura della porta di casa. Magari si è rimasti fuori, nell'impossibilità di entrare, o ancora dei ladri hanno provato a introdursi nell'abitazione per rubare e hanno forzato malamente la serratura , danneggiandola in maniera irreparabile. La tentazione di affidarsi al primo che capita pur di avere una riparazione effettuata in breve tempo è fortissima, ma fermatevi a pensare che mettersi nelle mani di un artigiano qualunque, magari non in possesso delle giuste competenze per effettuare il lavoro o che non conosce le peculiarità di una porta blindata , rischia di aggiungere danno al danno . Tanto più che le porte blindate hanno un costo non indifferente e ogni intervento maldestro rischia di togliere loro quella sicurezza per la quale sono state progettate. Stessa cosa può valere per le porte non blindate, alcune costosissime, che necessitano di un intervento delicato e preciso, inerente esclusivamente alla serratura. Che fare allora quando c'è bisogno di riparare la serratura? A chi rivolgersi per essere certi di ricevere un servizio ben fatto?

Altre tipologie di problemi comuni con la serratura

Oltre alla distrazione di rimanere chiusi fuori casa, ci sono problemi connessi proprio con il funzionamento delle serrature che possono rimanere bloccate o non permettere alla chiave di girare per diversi problemi di malfunzionamento o impedimento. Ecco alcune delle tipiche difficoltà nell’aprire una serratura:

  • La chiave non gira nella serratura e si incastra: le chiavi moderne per serrature blindate riportano su uno o entrambi i lati dei piccoli fori che possono facilmente sporcare o otturare. Quando ciò avviene la chiave gira a fatica, non entra nella toppa oppure ruota con difficoltà. In questi casi, è sufficiente lubrificare la serratura con un prodotto specifico, spruzzandone una piccola quantità all’interno e anche sulla chiave. Lasciare agire il prodotto e in pochi istanti la chiave torna a ruotare con fluidità. In mancanza del lubrificante, si può provare strofinando la punta di una matita sulla chiave, infatti la grafite con cui è fatta la matita, è un materiale naturale e lubrificante naturale utilizzato da sempre per le serrature, anche se è un rimedio della “vecchia scuola”. L’importante è non utilizzare l’olio come lubrificante perché al contrario tende a “sporcare” e impastare la sporcizia e la polvere sulla chiave rendendo ancora più difficoltoso il movimento all’interno della serratura.
  • Una chiave già inserita all’interno della serratura dall’altra parte: quando una chiave è già inserita dall’altro lato della serratura, non è possibile far ruotare il cilindro dall’esterno. Nella migliore delle ipotesi, si presume che qualcuno sia all’interno e abbia inserito le chiavi nella toppa e sarebbe dunque sufficiente chiamare la persona all’interno per farsi aprire. Ma se ci troviamo di fronte a un caso di disattenzione estrema per cui il convivente ha dimenticato le chiavi, lasciandole inserite nella serratura, il problema è più serio e pur avendo una copia delle chiavi all’esterno, non si può aprire la porta. Occorrerà risolvere come se ci fosse una chiave rotta all’interno della serratura… Chiave rotta o spezzata nella serratura: quando una chiave si rompe all’interno della serratura occorre estrarre la chiave rotta utilizzando un ferro a uncinetto, oppure … chiamare un fabbro. Porta blindata da regolare: a volte una chiave non gira bene quando i cilindri della serratura sono da regolare. Per verificare se si tratta di un problema di cilindri, provare a girare la chiave nella serratura con la porta aperta, se la chiave gira troppo fluidamente significa che i perni non toccano il telaio e quindi la chiave gira a vuoto senza chiudere; se, al contrario, sforza troppo occorre verificare i perni.
  • Cilindro danneggiato: se il cilindro risulta danneggiato perché è stato forzato o semplicemente è vecchio e ha subito delle modifiche strutturali che ne impediscono la corretta apertura e chiusura, occorre chiamare un tecnico che dovrà sostituire il cilindro o forarlo per correggerne la calibratura. Pomelli e maniglie allentati: un problema da non sottovalutare nella manutenzione della serratura è anche la condizione dei pomelli e delle maniglie. Se si allentano o, addirittura cadono, la sicurezza è a rischio (il 58% delle effrazioni sono “facilitate” da maniglie e serrature “allentate”. Le parti mobili si allentano e si usurano con l’utilizzo e con il passare del tempo. Una serratura logorata si riconosce dal fatto che rende difficoltosa l’apertura della porta. Le cause possono essere varie, basterà chiamare un fabbro o un tecnico per poter registrare nuovamente i cardini, stringere le viti o sostituirle se sono rotte o spanate, sostituire il lucchetto e verificare la meccanica interna della serratura.
  • Serrature disallineate: un blocco disallineato si riconosce perché le parti meccaniche non combaciano più nel modo corretto e impediscono lo scorrimento della chiave all’interno della serratura. Può essere il chiavistello o il bullone di blocco disallineato rispetto alla piastra di blocco oppure porte e telai che si deformano in seguito a sbalzi di temperatura. Se non si risolve il problema, ma si continua a forzare l’apertura e la chiusura, il meccanismo si vizia con rischi importanti sulla sicurezza. Per risolvere è sufficiente verificare il serraggio delle viti nelle cerniere per regolare la porta in altezza e riconfigurando la corretta posizione. Se il disallineamento non è dovuto a un cedimento delle cerniere, ma al meccanismo interno della serratura occorrerà regolare il fissaggio della piastra di blocco. Si tratta di interventi che si possono fare da soli, ma nel dubbio è bene contattar un fabbro o un tecnico. I problemi legati al blocco della serratura sono mediamente risolvibili dagli stessi proprietari con interventi di piccola manutenzione, però non è da escludere che nei casi più difficili o in cui non ci si sente all’altezza di intervenire, si può ricorrere all’aiuto di un esperto.

Il servizio offerto da serrature24ore.com è valido tutto l'anno

Affidarsi agli esperti del servizio serrature24ore.com è senza dubbio la scelta giusta. Sì, perché questo portale web nasce per fornire ai cittadini un servizio di prima scelta con delle peculiarità davvero difficili da trovare altrove . Tanto per cominciare, come dice il nome stesso del portale, si tratta di un servizio attivo ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette, compresi i festivi e l'estate. E chi ha avuto bisogno di richiedere un intervento di emergenza per l'apertura di porte e la sostituzione di serrature sa benissimo quanto può essere difficile trovare qualcuno disponibile in agosto o che effettui il servizio anche di domenica. Se succede, il più delle volte vengono chieste cifre spropositate solo per il disturbo, ma in generale è difficile anche solo trovare qualcuno disposto a recarsi sul luogo prim a del lunedì o del giorno lavorativo successivo.

Serrature24ore.com: artigiani esperti e un servizio di primissima scelta

 

Rivolgendosi a questo portale, dunque, non solo si ha garanzia di pronto intervento in qualsiasi momento, ma si ha anche l'assoluta certezza di affidarsi a professionisti del settore, ovvero artigiani esperti che sanno come intervenire in maniera tempestiva e precisa, senza fare danni e risolvendo il problema nel modo migliore possibile. Nessun problema è irrisolvibile per loro: laddove necessario, i professionisti provvederanno alla sostituzione completa delle serrature, ma anche al semplice cambio cilindri e all'aggiornamento delle serrature delle porte blindate o delle serrande dei negozi. Su richiesta del cliente, inoltre, è possibile montare serrature di sicurezza , trasformare serrature a doppia mappa in serrature a cilindro europeo e cambiare anche le serrature dei cancelli, delle serrande e dei basculanti. Insomma, non c'è un problema irrisolvibile se ci si affida alla gente giusta, e grazie a questo porta le si viene messi immediatamente in contatto con gli artigiani più preparati della zona , disposti a intervenire anche quando il resto della città dorme oppure è in ferie.





Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

immagine d'esempio usata nell'articolo Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Il piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leggere il contatore dell'acqua: le nostre spiegazioni su come si fa

Immagine per Leggere il contatore dell'acqua

Il quadrante del contatore d'acqua determina visivamente il volume d'acqua transitato; per il suo corretto utilizzo, è dunque necessario conoscere come leggere il contatore dell'acqua. Esistono contatori ad orologi e contatori a lettura diretta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Leggi tutto...
Go to Top