Quando si parla di tasso di interesse, è importante conoscere come i concetti di spread e mutui si relazionano. Generalmente il tasso di interesse è calcolato come somma di uno Spread, ovvero un indice di riferimento o percentuale di guadagno della banca, compresa di una possibile maggiorazione legata al richiedente del prestito.

Cosa significa?

Lo spread, termine inglese che significa oscillazione, scarto, viene utilizzato dagli istituti di credito per i calcoli di natura ipotecaria e fiduciaria; esso si aggiunge al costo del denaro e la somma dei due consente di ottenere il tasso nominale. In Italiano lo spread può essere tradotto come “scarto” o “margine”.

Il termine spread ha diversi significati; viene spesso utilizzato per indicare le operazioni finanziarie dalle quali si ottiene un valore specifico a una scadenza prestabilita. Esistono inoltre diciture quali: credit spread e bid-ask spread.

Lo spread legato ai mutui rappresenta la somma di denaro che le banche decidono di aggiungere al tasso di base previsto; in definitiva lo spread costituisce il guadagno della banca che concede un mutuo.

Questo indice prevede un'aliquota che varia tra lo 0,50 % e il 2% e che andrà sommata altasso interbancario specifico; tale quota si chiama Eurirs, per i mutui a tasso fisso, oppure Euribor, per i mutui a tasso variabile.

Come calcolare lo spread per i mutui

Per calcolare lo spread, si tiene conto del tasso di base, Euribor o Eurirs, e ad esso si aggiunge un ricarico; sarà stessa a stabilire la percentuale di ricarico e a determinare così la sua parte di guadagno (margine di guadagno).

Più alto è lo spread, ovvero la maggiorazione, più costoso si rivelerà il mutuo, mentre più e basso, più il mutuo sarà conveniente. Uno svantaggio legato allo spread sui mutui è la sua variabilità difficilmente controllabile; differenze seppur minime di spread (0,10% - 0,15%) possono infatti incidere sull'intera durata del mutuo, incrementando il suo valore di centinaia o migliaia di euro di interessi. Per cercare di ovviare a tale inconveniente, sono infine nati i mutui variabili con Cap, che sono mutui a tasso variabile con un tetto massimo per il tasso di interesse.

In riferimento al mutuo, dunque, la banca non guadagna solo sullo Spread: la banca infatti cosa fa? Compera dalla Banca centrare il denaro al tasso di sconto, rivendendolo poi a un interesse pari all'EurIRS-Euribor maggiorato dello Spread.

Quando si applica?

Per applicare uno spread, ci si serve di un indice che è la media pesata degli interessi, calcolata sull'intera somma dei prestiti calcolati in un mercato di riferimento. In questo modo, per quanto riguarda il mutuo è possibile evitare possibli speculazioni sui tassi di interesse.

In questo modo però si rischia di creare una sorta di cartello bancario, in quanto vengonoapplicati gli stessi tassi a meno che non si opti per uno sprea. La variabilità dello spread, calcolata in percentuale, sui tassi di interesse, può raggiungere vette elevate.

E' importante sottolineare come alcuni istituti di credito si riservino la facoltà di uno sconto sullo spread, nel caso il rapporto fra rata e reddito risulti inferiore al 30%.

Come e perché combatterlo?

Negli ultimi mesi, lo spread dei mutui non ha fatto che salire, costringendo gli italiani a posticipare l'eventuale accensione di un finanziamento.
Chi ha attivato un mutuo tre o quattro anni fa, infatti, ha potuto godere di condizioni molti vantaggiose: la situazione è crollata dopo l'introduzione della nuova norma relativa al tasso di usura che, grazie a complessi meccanismi economici, ha permesso alle banche di aumentare il Taeg (“Tasso annuo effettivo globale”), ovvero il tasso di interesse dell'intera operazione del mutuo.

Oggi la situazione critica dell'economia relativa all'EuroZona non fa ben sperare per quello che riguarda i valori dello spread, pertanto, se si vuole accendere un mutuo in consiglio è quello di valutare solo proposte che permettano rinegoziazioni.

Infatti, occorre un buon occhio critico per leggere saggiamente i movimenti economici di tutta la zona d'interesse – ovvero l'Europa – per cogliere l'occasione, quando si presenterà, di modificare la propria offerta.
Questa dev'essere valutate soprattutto in relazione alla dicotomia classica fra tasso variabile e fisso.
La scelta è difficile, anche perché numerosi elementi concorrono in egual misura.

Sicuramente un tasso fisso permette di prevedere con certezza il costo mensile del mutuo. Tuttavia questo valore non verrà assolutamente influenzato dai cambiamenti del potere d'acquisto degli italiani.
D'altro canto, un tasso variabile è sin troppo soggetto ai “capricci” del mercato, ma ad oggi, invero, sembra uno dei più convenienti visto che viene calcolato in base al tasso Euribor o Bce, che, in periodi di crisi, tendono ad essere bassi rendendo questo momento, se non il migliore, una buona occasione per pensare al mutuo.

Il consiglio più importante, in ogni caso, è quello di valutare l'eventuale rata del mutuo in relazione allo stipendio: il mutuo non dovrebbe costituire più del 35-40% dello stipendio sottratte le spese quotidiane. Altrimenti, il finanziamento potrebbe diventare piuttosto rischioso.

L'incidenza dell'Eurirs

All'interno del panorama finanziario legato ai mutui, esistono determinati indici che vanno tenuti sempre in considerazione e che definiscono le variazioni e le oscillazioni riferite ai tassi di interessi e all'ammontare di denaro da fornire alle banche che fanno credito e rilasciano il mutuo stesso.

Oltre allo Spread (la somma di denaro che le banche decidono di aggiungere al tasso di base previsto) e all'Euribor(tasso di interesse medio, applicabile ai mutui a tasso variabile), esiste anche l'Eurirs.

Cosa determina l'Eurirs

La parola Eurirs è l'acronimo di Euro Interest Rate Swap, tasso per gli swap su interessi; esso viene calcolato ogni giorno dall'European Banking Federation ed è la media delle quotazioni alle quali le banche dei paesi dell’Unione Europea praticanol’Interest Rate Swap (I.R.S). L'Eurirs rappresenta un tasso di riferimento medio, usato come termine di orientamento dalle banche, per stipulare contratti nominati (swap) con annessa copertura di rischio. Tale tasso è simile al tasso IRS ed è usato e calcolato unicamente per il mercato europeo e per le 50 principali banche dell'UE.

L'Eurirs viene utilizzato nel calcolo degli interessi dei mutui a tasso fisso; esso varia in base alla durata del prestito e non dipende invece dalla somma totale del capitale preso in considerazione. Una maggiore durata del prestito, comporta dunque un tasso Eurirs più elevato.

La quantità di interessi da pagare con l'Eurirs può essere calcolata con la seguente formula: Capitale x Tasso Annuo x giorni / 36500. Prima di decideredi fare un mutuo a tasso fissso e stipulare un contratto d'acquisto di lunga scadenza, è bene infine verificare l'ammontare del tasso Eurirs, per capire quale sarà la futura rata di riferimento del mutuo stesso.





Potrebbe interessarti

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Leggi tutto...

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Norme per gli ascensori: le regole imprescindibili!

Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Leggi tutto...
Go to Top