Una delle cose che ogni bravo cittadino dovrebbe fare è quella di dedicarsi a rispettare, attraverso le piccole azioni quotidiane, la natura. Le grandi città stanno infatti raggiungendo dei livelli d'inquinamento davvero eccessivi, in grado non solo di distruggere la natura ma di mettere a repentaglio la salute degli abitanti delle stesse: ecco perchè lo Stato è attento ai Contributi per il fotovoltaico.

Perchè usufruire dei finanziamenti per passare al fotovoltaico

Al fine di ridurre i rischi dovuti all'inquinamento e al buco dell'ozono, è necessario fare qualcosa e preoccuparsi anche nel piccolo a salvaguardare l'uomo e l'ambiente circostante. Ridurre la produzione di agenti inquinanti potrebbe dunque essere l'unico modo per diminuire i rischi per la salute e per l'atmosfera.

Fare la raccolta differenziata di carta, di plastica, del vetro e di tutto quel materiale difficilmente biodegradabile potrebbe ad esempio essere un buon punto di partenza. È inoltre importante ridurre i consumi di luce, gas ecc., con una riduzione un questo senso anche sulle spese delle bollette, dedicandosi a piccoli accorgimenti legati al risparmio energetico.

Per chi vuole rispettare davvero la natura e ha abbastanza denaro a sufficienza, potrebbe invece optare per la costruzione di una casa bio o per l'utilizzo di impianti di energia alternativa come quelli fotovoltaici. In tal senso lo Stato cerca di incentivare gli Italiani con l'introduzione sempre più capillare di contributi per la costruzione di impianti di questo tipo. 

 

Come richiedere gli incentivi per il fotovoltaico

Per ottenere i contributi e accedere al Conto Energia e agli incentivi GSE 2012, è possibile recarsi presso la banca di fiducia e richiedere il finanziamento. Il Conto Energia, che invece consente di vendere l'energia che viene emessa dall'impianto casalingo all'Enel, il fornitore di energia elettrica nazionale. Il prezzo dell'energia per i primi venti anni ha un valore davvero elevato.

In questo modo chi installa l'impianto fotovoltaico, recupererà così i soldi spesi per la sua costruzione, in un tempo stimabile che va dai circa sette ai dieci anni. Trascorso tale periodo si potranno anche avere dei guadagni e delle entrate personali dalla vendita di energia.

I contributi fotovoltaico ogni anno presentano delle riduzioni di incentivi statali rispetto agli anni passati sia nel primo che nel secondo semestre dell'anno successivo all'installazione. Avere comunque un sistema di questo tipo rimane comunque una grossa fonte di guadagno rinnovabile a lungo termine nel pieno rispetto della natura.

I principali contributi per il fotovoltaico previsti sono comunque i seguenti:

  • Impianti di piccole dimensioni, senza limiti di incentivi
  • Impianti di grandi dimensioni, con incentivi che presentano un tetto massimo e una graduatoria
  • Impianti in piccoli comuni, con meno di 5000 residenti: +5% sugli incentivi.
  • Impianti installati in zone decadenti: +5%.

Come funziona il Conto Energia

Il sistema Conto Energia funziona a grandi linee in questo modo: un privato ha la possibiltà di installare l'impianto nella propria abitazione o azienda in qualsiasi momento in poco tempo, non dovendo più partecipare a bandi a punteggio o affrontare lunghe pratiche burocratiche, ad eccezione di quelle previste dal proprio gestore eletrico.

Il pagamento dell'impianto è ad onere del privato, ed è agevolato da prestiti ad hoc effettuati dalle banche per permettere lo sviluppo dell'energia solare.

Parametri per KWh

Una volta installato il tutto, il privato potrà rivendere l'energia prodotta al gestore elettrico di competenza, regolandosi su questi parametri:

  • per gli impianti da 1 a 3 kWp una cifra di 0,40 € per ogni kWh prodotto per gli impianti su tetto piano o posti in giardino, 0,44 € per gli impianti con i pannelli fissati sulle tegole, 0,49 € per gli impianti solari con i pannelli inseriti al posto delle tegole ( integrati architettonicamente ).
  • per gli impianti superiori a 3kWp sino a 20 kWp una cifra di 0,38 € per ogni kWh prodotto per gli impianti su tetto piano o posti in giardino, 0,42 € per gli impianti con i pannelli fissati sulle tegole, 0,46 € per gli impianti solari con i pannelli inseriti al posto delle tegole ( integrati architettonicamente ).
  • per gli impianti superiori a 20kWp una cifra di 0,36 € per ogni kWh prodotto per gli impianti su tetto piano o posti in giardino, 0,40 € per i pannelli fotovoltaici su tegole, 0,44 € per i pannelli messi al posto delle tegole.

Chiunque poi provveda ad effettuare lavori che contribuiscano a ridurre ulteriormente il consumo energetico, sarà notevolmente premiato attraverso l'incremento di tali tariffe per un massimo del 30%.

Meno attesa per ottenere incentivi

Non è più necessario dunque attendere indefiniti periodi in attesa della conferma della vittoria di un bando per ottenere il finanziamento: appena l'impianto fotovoltaico è allacciato alla rete del gestore elettrico, basta inviare la richiesta di finanziamento a Conto Energia.

Il gestore è obbligato a comperare l'energia prodotta dal nostro impianto per 20 anni, al prezzo pattuito nel momento del contratto. Questa cifra è esente da tassazione, per impianti fino a 20 Kwp.

Dopo la scadenza dei 20 anni, l'energia prodotta può essere usata per scopi privati.

Le novità sullo Stop incentivi per suoli agricoli

Il futuro decreto legge sulle liberalizzazioni che presto verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale prevede che non potranno usufruire degli incentivi fotovoltaico utili a produrre energia elettrica rinnovabile gli impianti a terra e collocati su terreni agricoli; per chi decide di collocarli sui propri tetti le agevolazioni invece permangono.

Questa decisione è stata presa perché si ritiene poco opportuna e adeguata anche a livello economico la costruzione di tali tipologie di impianti in zone adibite ad uso agricolo tenendo presente i valori degli incentivi previsti dal Decreto legislativo numero 28 del 3 marzo 2011.

In questi casi i guadagni legati agli incentivi sarebbero infatti totalmente solo di circa tre quarti. Coloro che hanno già iniziato i lavori di installazione degli impianti fotovoltaici su terreni agricoli, possono ottenere ugualmente gli incentivi solo nei casi in cui l'impianto stesso abbia il cosiddetto titolo abilitativo o che ne abbia fatto richiesta entro un anno dall'introduzione del decreto sulle liberalizzazioni.

Per le serre, i pannelli dovranno essere di quantità non superiore alla metà del terreno adibito a serra consentendo così almeno il 50% di luce necessaria alla crescita delle piante presenti al suo interno.

Il Titolo abitativo per gli incentivi per suoli agricoli

Il titolo abilitativo non è altro che la Dia o la Scia che viene erogata dal Comune o dalla Provincia di residenza secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo numero 387 del 2003.

Il titolo abitativo viene anche definito autorizzazione unica e chi fa richiesta dell'incentivo fotovoltaico anche per terreni agricoli deve possederlo entro la data di introduzione del decreto.

Assicurazione sui pannelli

In Italia la diffusione del fotovoltaico è stata molto rapida, soprattutto a causa del meccanismo del Conto Energia che ha avuto un ruolo di primo piano, ma anche grazie alle caratteristiche climatiche del Bel Paese. Una evoluzione che ha portato alla necessità di proteggere un investimento considerevole come quello di un impianto, tanto nelle zone caratterizzate da eventi atmosferici più a rischio (come il Nord Italia), che in quelle in cui il pericolo di furti si presenta con una maggiore frequenza (per il Centro e Sud Italia). La domanda crescente di questo tipo di tutela ha spinto alcune compagnie tradizionali a proporre delle soluzioni specifiche, ma ha anche portato alla nascita di compagnie specializzate nel settore energetico, con un occhio di riguardo proprio alle fonti di energia rinnovabile.

Le compagnie tradizionali e l’integrazione alle polizze casa

Nel caso di compagnie tradizionali, molto spesso l’assicurazione viene vista come una specie di integrazione alle polizze casa, che non prevedevano coperture anche per i pannelli, mentre nel secondo caso si tratta sempre di soluzioni a sé che possono aggiungersi alle polizze casa eventualmente presenti. In ogni caso una polizza di assicurazione per il fotovoltaico può essere stipulata senza dover avere anche una polizza casa, ma la sua copertura rimane specifica e limitata al solo impianto, in tutto o nelle sue parti, a seconda di quanto riportato nel contratto di assicurazione. In alcuni casi al momento dell’installazione viene offerta la possibilità di stipulare una polizza di assicurazione, ed in altri viene imposta alla banca che eroga il finanziamento. In linea di principio non c’è la possibilità di ottenere degli sconti seguendo le tipologie di assicurazione “consigliate” e per risparmiare è sempre meglio cercare di ottenere più preventivi.

Assicurazioni online

Questi possono essere ottenuti comodamente con le assicurazioni online, come nel caso delle polizze specifiche dedicate al settore energetico, ma in ogni caso è bene parlare anche con un consulente, così da accertarsi di ottenere la copertura di cui si ha effettivamente bisogno, in quanto il prezzo (e il tipo di tutela) cambia notevolmente a seconda delle dimensioni dell’impianto, delle caratteristiche del tetto su cui è stato posto (più o meno inaccessibile), dalle condizioni climatiche, ecc. L’attenzione dovrebbe essere posta sulle assicurazioni che consentono di effettuare una scelta di tipo “modulare” così da inserire solo il tipo di copertura di cui si ha effettivamente bisogno, e che rappresenta anche il solo modo, almeno ad oggi, con cui ottenere un risparmio sul costo finale. Si può risparmiare anche con l’applicazione della franchigia, ma solo se gli importi indicati sono bassi altrimenti il rapporto rischio/ risparmio rimane eccessivamente elevato.

Per quanto riguarda invece la scelta della copertura bisognerebbe includere una buona parte di rischi “diretti” come i danni causati da eventi atmosferici o atti vandalici, tentativi di furto o manomissione, terremoto o alluvioni, danni meccanici, furto e incendio (per la componente del furto si possono ottenere sconti considerevoli se vengono installati i sistemi di antifurto specifici), e se possibile aggiungere la responsabilità civile. Se si usufruisce anche dei vantaggi legati allo scambio sul posto allora vanno inclusi anche i rischi indiretti, ovvero la perdita economica per l’interruzione di produzione di energia da parte dell’impianto.

Tra le compagnie di assicurazione di tipo tradizionale che prevedono soluzioni specifiche di assicurazione per il fotovoltaico ci sono Zurich e Reale Mutua, mentre tra le polizze specifiche ci sonoTuaenergia e Morgan&Morgan, che comunque prevedono soluzioni ampiamente modulabili che vanno dalla classica all risk a soluzioni più personalizzate. In ogni caso bisogna fare attenzione alle clausole di esclusione e ai limiti massimi indennizzabili.

 

 





Potrebbe interessarti

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ufficio del Catasto

L’ufficio del catasto è un registro pubblico di documenti contenenti i dati catastali di un immobile. Vediamo alcune tipologie di documenti che possiamo reperire all’ufficio del catasto:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top