Capita un giorno, quando si risiede in un'abitazione vecchia oppure quando si vuole dare un nuovo aspetto alla casa dove si sta già da diversi anni, di voler effettuare dei lavori di ristrutturazione della stessa. Magari il desiderio si era già presentato da molto tempo, tuttavia non si avevano ancora le possibilità economiche per effettuare simili interventi di edilizia. Il tutto permette non solo di riammodernare i vari impianti usurati dal tempo, ma anche dare un tocco più personale all'abitazione e trasformarla secondo i propri gusti.

Inoltre, sono tantissime le persone che decidono di adeguare una casa alle misure antisismiche più moderne e riqualificarla a livello energetico, per renderla sicura e con sistemi che permettono di ridurre la dispersione di calore ed ottimizzare gli impianti di riscaldamento. Tutto questo favorirà anche un considerevole risparmio economico per la famiglia che vi abita. Ma cosa è conveniente modificare a tal fine o quali i consigli migliori per questo genere di interventi? Proviamo a fornire qualche indicazione.

Ristrutturare e migliorare le parti fondamentali della casa

Prima di far eseguire dei lavori estetici alla propria dimora, è sempre un ottima cosa riammodernare gli impianti fondamentali di essa e quindi quelli idraulici ed elettrici, soprattutto quando questi sono molto vecchi. Sarebbe un peccato infatti tinteggiare la casa e, in seguito, dover fare interventi urgenti per perdite d'acqua che rovinano pareti o pavimenti. Inoltre, migliorare tali impianti significa anche utilizzare materiali più tecnologici, che fanno risparmiare su bollette e forniture.

Come già accennato, è possibile sfruttare questo genere di lavori anche per rendere la casa più sicura dal punto di vista sismico e, al tempo stesso, riqualificarla a livello energetico, dotandola di impianti di riscaldamento più efficienti, pannelli fotovoltaici e riducendone la dispersione di calore e di energia. In questo senso, un aiuto importante è fornito anche dallo Stato, attraverso delle detrazioni fiscali che si possono richiedere per tali interventi.

Ricordiamo, ad esempio, la possibilità di detrarre il 50% delle spese complessive inerenti interventi edilizi sulle abitazioni private, a cui si abbina un ulteriore 50% per l'acquisto di mobili od elettrodomestici. Inoltre, per coloro che vogliono anche rendere migliore e più efficiente la casa dal punto di vista energetico, la detrazione fiscale di cui si può usufruire raggiunge il 65% per le spese relative a questo genere particolare di lavori.

Rivedere l'estetica della casa

Uno dei principali interventi che si tendono ad effettuare da questo punto di vista è la tinteggiatura delle diverse camere dell'abitazione. Spesso, ci si stanca facilmente di vedere per anni gli stessi colori alle pareti o magari vederli deteriorati dal tempo e di conseguenza si vuole cambiarli. Soprattutto per gli ambienti più intimi ed utilizzati, come ad esempio le stanze da letto, quelle dei bambini o il soggiorno. In questi casi, si consigliano sempre tinte calde, ma non vivaci o eccessive, che potrebbero essere fuori luogo.

Anche il pavimento ha la sua importanza nell'estetica di una casa, in quanto ne determina lo stile e quindi l'atmosfera generale della stessa. Al giorno d'oggi, tante sono le possibili scelta a disposizione: dal marmo al parquet, passando per il gres porcellanato. Ciascuno di questi materiali ha i suoi aspetti positivi e negativi. Ad esempio, il marmo possiede una certa facilità di lavaggio ed una lunga durata, ma potrebbe essere percepito troppo freddo a livello estetico. Il parquet, invece, rappresenta un materiale caldo, ma molto delicato e che necessita di molta attenzione.

In questi casi, così come per eventuali lavori sull'illuminazione della casa o la scelta dei sanitari del bagno, le scelte sono molto personali e dipendono dai gusti dei loro proprietari. Tuttavia, è fondamentale tener presente anche eventualmente i consigli offerti da professionisti e che lavorano in questo settore da anni. In questo caso, è sempre bene affidarsi a ditte e personale con esperienza e affidabilità riconosciuta.

In quest'ottica, infatti, è consigliabile individuare quelle società che abbiano già svolto dei lavori di ristrutturazione ottimali ad amici o parenti, piuttosto che scegliere una ditta qualsiasi. Inoltre, meglio contattarne una che sia anche costosa, ma che utilizzi materiali di buona qualità, piuttosto che quella che faccia risparmiare di più, ma che effettui lavori tendenzialmente approssimativi e quindi rischiare nuovi interventi manutentivi dopo pochi mesi.

Il problema degli infissi 

Spesso quando si parla di ristrutturazione inerente alle mura domestiche si cade in errore quando si inizia a discutere degli infissi. In molti pur di risparmiare qualche decina di euro commettono l’insano errore di usufruire di materiali quanto mai discutibili e dopo qualche anno vedono iniziare i problemi: infiltrazioni, assenza di isolamento acustico e termico e quant’altro. 
In molti, non sanno, che esiste un materiale assolutamente economico ma dalle elevatissime prestazioni: il PVC. 

Il Polivinile di Cloruro, infatti, è un materiale termoplastico che viene utilizzato dopo esser stato riscaldato fino a 200° e quindi modellato in base alle esigenze. Una volta raffreddato lo stesso viene tagliato e saldato al fine di poter dare vita a a porte e finestre che poi rifiniscono le nostre abitazioni. 

Ad oggi è uno dei materiali più utilizzati al mondo in quanto estremamente duttile in quanto viene miscelato con infinite sostanze per più utilizzi. 

Ma da dove proviene? Il Polivinile di cloruro, a differenza di quello che si possa pensare, è un polimero estremamente semplice nella composizione: è infatti composto dal 53% di cloro (che proviene dal sale da cucina) e dal 43% da idrogeno e carbonio. 

L’utilizzo del PVC offre innumerevoli vantaggi. Ecco quindi una piccola lista di quelli che sono i pro più ‘importanti’ e riconosciuti: 

  • Il PVC offre prestazioni altissime a fronte di costi comunque contenuti; 
  • È un materiale stabile, longevo e quindi duraturo nel tempo; 
  • Offre isolamento termico e acustico; 
  • In ottica di smaltimento è molto igienico e facilmente riciclabile; 
  • È resistente alle intemperie e quindi agli agenti atmosferici. Anche al fuoco è estremamente resistente.  

Detto questo, e riconosciute le qualità del PVC, vi invitiamo a fare una saggia scelta nel momento in cui si decide di ristrutturare case. È ovvio che in base alle esigenze le scelte possono ricadere su altre opzioni ma a dettare legge, ovviamente, sono le condizioni economiche. 
In caso di finanze floride, infatti, il suggerimento migliore che possiamo darvi è quello di informarvi circa le smart windows che negli ultimi stanno sbaragliando qualsivoglia concorrenza viste anche le numerose agevolazioni a riguardo. 
Cosa sono? Sono infissi altamente tecnologici che regolano la propria opacità in base ai raggi solari e all’inclinazione degli stessi al fine di assicurare una temperatura media all’interno di una stanza senza l’intervento ‘fisico’ dell’uomo. 



Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

I più condivisi

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Crisi dei subprime: facciamo chiarezza

La crisi dei mutui subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

DIA: le modalità per la dichiarazione in comune

La DIA, o Denuncia di inizio delle attività, è un documento che va presentato presso ufficio tecnico del comune nel quale si intendono effettuare determinati tipi di lavori edili. La normativa che regola i campi di applicazione, l’iter per la consegna e le tempistiche per il suo accoglimento è sancita dal D.P.R. 380/2001, che prende il nome di Testo Unico per l’edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Montare bastoni delle tende: sai come fare?

Un operazione che spesso ci si ritrova da fare a casa è quella di montare i bastoni delle tende; per applicarli al meglio è necessario però sapere come fare ed avere a disposizione l'attrezzatura adatta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposte reddito locazione: aliquote e prassi dei versamenti

La locazione di un immobile, dovrebbe comportare obbligatoriamente la stipula e la successiva registrazione di un contratto d'affitto, con il conseguente versamento delle imposte dei redditi da locazione. 

Leggi tutto...
Go to Top