I canoni dell'arredamento moderno mettono continuamente in discussione la disposizione di componenti all'interno di una stanza, così da stravolgere l'equilibrio del contesto abitativo. Questa è la ragione principale che ha spinto i professionisti del settore a sperimentare tutte le possibili soluzioni utili all'ammodernamento globale dell'arredo interno di un'abitazione privata, fornendo ai coinquilini alternative di qualità e funzionali ad ogni specifica esigenza.

Ad esempio può essere utile trasformare un ripostiglio poco utilizzato in una vera e propria lavanderia, capace di contenere tutti gli elettrodomestici e i servizi indispensabili per le operazioni di lavaggio quotidiano.   

Come trasformare un ripostiglio in lavanderia

Per prima cosa occorre valutare con attenzione - grazie anche all'aiuto di un esperto - ogni metro quadrato della superficie di una determinata stanza, in modo tale da averne una corretta planimetria d'insieme e poter sfruttare lo spazio a disposizione nella maniera più congeniale possibile. Possono essere presi in esame alcuni interventi di ristrutturazione preventivi, come ad esempio l'abbattimento dei muri, l'utilizzo di porte scorrevoli e a scomparsa, la posa in opera di pavimentazioni moderne e l'installazione di oggetti che garantiscono una maggiore razionalizzazione dello spazio.

Una volta eseguiti i lavori di restyling nella stanza interessata, per trasformare il ripostiglio in una lavanderia innovativa e all'avanguardia è opportuno procedere con la realizzazione di un progetto vero e proprio. Può essere utile nominare un architetto che possa prendersi la responsabilità di trasformare, in modo oculato e professionale, il vano prescelto in una vera e propria lavanderia attrezzata e superaccessoriata.

Per quanto riguarda invece le tipologie di elettrodomestici, si possono consultare una miriade di cataloghi dedicati all'arredo presenti online, come ad esempio quelli offerti dal portale maisonplus.com. La piattaforma digitale si occupa, da anni, della vendita allargata di componenti d'arredo di altissima utilità come mobili per il bagno, rubinetterie, docce, mobili per ripostigli, lavatoi e della distribuzione di tanti altri prodotti innovativi utili per il completamento delle operazioni di arredo in un determinato contesto domestico. Ad esempio sono funzionali alla causa i mobili a colonna, su cui inserire lavatrice ed asciugatrice per ottimizzare lo spazio.

Tutti i potenziali clienti che desiderano rivoluzionare l'assetto di un ripostiglio, fino a farlo diventare una moderna e funzionale lavanderia dotata di tutti i comfort e servizi, possono quindi usufruire di un’ampia e variegata gamma di opportunità. I prodotti presenti sullo scaffale sono da individuare in una stretta selezione di materiale di alto pregio, fabbricato dalle più moderne aziende presenti in commercio capaci di rispondere a reali esigenze di mercato.

Organizzare una lavanderia in un ripostiglio: cosa non può mancare

Avere in casa un ripostiglio in cui organizzare la lavanderia è un grande vantaggio ed è molto importante arredarla in maniera funzionale con tutti gli elettrodomestici necessari a fare il bucato e sistemare i prodotti per la pulizia dello stesso.

Come arredare la lavanderia

La prima cosa da ricordare è, specie se si ha poco spazio, di optare per un arredo lineare e poco ingombrante che ci consenta con non troppi elementi di arredare una lavanderia graziosa e coordinata con il resto della casa. Il primo passo per avere una lavanderia funzionale è identificare quali sono gli elementi d'arredo maggiormente indispensabili. Vediamo, quindi, cosa scegliere per avere una piccola lavanderia comoda e funzionale:

  • Iniziamo dal lavatoio che non può proprio mancare nella lavanderia seppure fosse una stanza molto piccola. Se ne trovano molti tipi in commercio: in ceramica o in resina, ad incastro e con mobile coprilavatrice incorporato o da esterno, ecc. In caso di una camera piccola, la soluzione più comoda è il lavatoio multi funzione che abbia il mobile in cui conservare tutti i prodotti per l’igiene della casa e con il coprilavatrice integrato in maniera da avere in un solo blocco d’arredo già due elementi necessari. Quando si parla di lavatoio si deve fare attenzione alla rubinetteria relativa, che comprende rubinetti più alti e con un corpo più lungo di quelli usati nei normali lavabi, specialmente se si arreda la zona con un mobiletto soprastante.
  • Il mobile lavatrice è una soluzione ottimale soprattutto quando abbiamo a disposizione un ambiente ristretto. Dato che una lavatrice nel bel mezzo della stanza potrebbe risultare un pugno in un occhio, si può optare, appunto, per un mobile coprilavatrice. Sul mercato ce ne sono di tanti modelli. Per una piccola lavanderia, quello ideale non prevede delle ante davanti al cestello della lavatrice perché potrebbero risultare poco agevoli nell’apertura dello sportello. Invece. comprende un mobile multifunzione sviluppato in altezza con degli scaffali in cui riporre la biancheria pulita o altro. Naturalmente un discorso a parte merita il coprilavatrice da esterno che deve avere la struttura resistente e il materiale più è l’alluminio.
  • Il cesto portabiancheria è un elemento di grande praticità, necessario per organizzare la lavanderia. Per avere un cesto dei panni sporchi che sia anche un elemento d’arredo basterà scegliere uno che abbia un design carino come ad esempio quelli in vimini con il coperchio che congiungono perfettamente sia funzionalità che stile. Per le stanze piccolissime si può decidere per portabiancheria salvaspazio con le ruote o di forma allungata da nascondere al lato di un mobile.



Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

tassa di registro

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

rogito notarile

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Plusvalenza prima casa

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Leggi anche...

Caparra penitenziale: quali differenze con la confirmatoria?

         caparra penitenziale

La caparra corrisponde alla somma di denaro che si versa nel momento della proposta immobiliare, tale importo è versato in anticipo rispetto al rogito.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top