Per moltissime persone, le case in montagna rappresentano oramai il luogo ideale dove trascorrere la propria meritata vacanza, all’insegna del relax, e perché no, anche del benessere. Infatti secondo una recente indagine sono tante le persone che optano per questo luogo, anzi pare che la percentuale dei turisti sia aumentata considerevolmente negli ultimi due anni a questa parte, nonostante nel nostro Bel Paese la crisi economica continua considerevolmente.

Per favorire dunque, una permanenza comoda e indimenticabile, ecco qui di seguito qualche piccola indicazione che potrebbe tornare utile ad ognuno.

Perché scegliere una casa in montagna?

Molti preferiscono il mare, altri si buttano sulla campagna, mentre tu hai deciso di rilegarti su una vetta alta per non scendere più. Una casa in montagna ti fa godere la natura da un punto di vista estremamente verde. Pensi mai al vasto campionario erbaceo che circonda la tua casa? E a tutti gli insetti che vi abitano? Nel preciso momento in cui decidi di acquistare una casa in montagna, devi valutare con molta attenzione la posizione. Scegli un luogo che non sia eccessivamente lontano rispetto alla tua casa in città: staccare la spina non significa necessariamente fare tanti chilometri da dove si risiede abitualmente. Tra l’altro la montagna ti mette in comunicazione con la natura, il paesaggio incontaminato e il clima, che rappresentano dei benefici impagabili. Con l’arrivo della stagione invernale, i colori del cielo cambiano e ti invitano ad una suggestione che solo in determinati momenti dell’anno puoi apprezzare. Ma sono solo questi i motivi validi per cui è bene scegliere una casa in montagna? No, perché la montagna offre una serie di attività sportive il cui sfondo può essere solo quello ultra pendente e alto. La montagna è la meta ideale per gli sport all’aria aperta e per chi ama gli itinerari turistici. Se ami la neve e le sfide potresti per esempio buttarti sullo Snowboard o sugli Scii, se sei un appassionato dell’odore di umido e dell’erba sotto i piedi potresti invece optare per una passeggiata o per un’avventurosa escursione. Se sei affezionato alla tua macchina fotografica, i boschi offrono dei soggetti molto interessanti e inaspettati, che aspettano solo il giusto scatto. Esiste però anche la variante secondo cui la casa in montagna può essere concepita non come una seconda casa, ma come la tua prima e unica scelta. La montagna è sicuramente il luogo ideale per far crescere i tuoi figli, lasciandoli liberi di giocare all’aria aperta durante tutte le stagioni. Esplorare i sentieri a piedi o in bicicletta stimola molto più la fantasia che stare fissi e lobotomizzati di fronte ad uno schermo. La montagna, al di là di quello che si possa dire, è un luogo adatto anche ai più anziani: se vuoi far godere al tuo vecchio la sua pensione lontano dai rumori e dal caos della città, perché non la montagna? Leggere un buon libro sotto l’albero al seguito di un pisolino è sempre stata un’attività rinfrescante ed estiva. La montagna offre ogni genere di clima e se accorpato ad una casa il cui arredamento supporta ogni evenienza, tornare in città sarà solo un vano ricordo.

Ecco come valorizzare gli spazi interni

Per far si che la casa sia accogliente il più possibile, calda, comoda, gli interni devono essere rivestiti in legno, almeno una parete deve essere rivestita in pietra, non deve poi mancare il caminetto protagonista indiscusso, gli arredi devono essere in stile rustico.

Queste sono le caratteristiche fondamentali che una casa di montagna deve possedere.

Ma se la proprietà non dovesse presentare le caratteristiche appena illustrate, non importa, sicuramente mettendo in atto alcuni consigli uniti al proprio buon gusto, potranno restituire senza alcun dubbio, lo spirito del luogo.

Un aspetto sul quale si può tranquillamente intervenire sono gli arredi, sia per gli interni che per gli esterni. Anche in appartamenti non propriamente grandi ma di dimensioni contenute, è consigliabile inserire mobili in legno di abete.

Per le pareti è bene utilizzare tinte dai toni chiari e non scuri, e via libera a tappeti, tende e rivestimenti tessili.

Inoltre, lampade da terra, abat jour e lampade con candele andranno ad enfatizzare la zona living. Per poter avere un’impronta prettamente montana, questi oggetti sono d’obbligo. Ma ci sono altri oggetti che non devono assolutamente mancare in una casa in montagna. Ecco quali sono:

  • Stufe e camini: anche se nell’abitazione sono stati introdotti i radiatori, il caminetto o la stufa a pellet non deve assolutamente mancare: un gesto che riempirà subito di atmosfera la propria casa;
  • memorie del luogo: una collezione di immagini storiche insite in quel posto o un poster raffigurante le maggiori vette della zona, sono tutti dettagli che suscitano interesse da chi le osserva;
  • tappeti all’ingresso di casa: al ritorno dalle piste, è bene sistemare all’ingresso della porta un buon tappeto cosicchè si eviterà di infangare le varie stanze della casa. Un oggetto sicuramente non indispensabile, ma utile;
  • piumoni e tantissimi cuscini colorati: questo dettaglio non deve passare inosservato. Infatti predisporre tanti cuscini in diversi punti della casa, l’abitazione sembrerà ancora più accogliente;
  • fiori: anche se nel periodo invernale i fiori freschi non sono proprio ideali, si potrebbe optare per i fiori secchi. Per chi ha buon gusto e tante idee creative, può creare da sé una buona composizione floreale. Sistemarle all’ingresso o in un angolo della casa ancora anonimo. Il risultato sarà impeccabile.

E allora se l’intenzione è quella di acquistare una casa in montagna, oppure trascorrere qualche giorno in questo luogo subliminale, è bene affidarsi a dei professionisti di settore. Una vasta scelta di immobili è disponibile nelle zone delle Bergamasco, molto ambite come mete turistiche visitando www.immobiliarepercassi.it/case-montagna-val-seriana un consulente sarà a propria disposizione per fornire ulteriori informazioni in merito.





Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La caparra: confirmatoria o penitenziale

La caparra corrisponde alla somma di denaro che si versa nel momento della proposta immobiliare, tale importo è versato in anticipo rispetto al rogito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come montare una grondaia

La grondaia è un canale di scolo necessario a far confluire l'acqua piovana (o la neve) dal tetto a terra, così da evitare deterioramenti dei punti in cui potrebbe crearsi un grave accumulo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top