Lo stucco viene anche usato per dare un aspetto più gradevole a superfici grezze. Lo stucco lucido viene invece impiegato con pigmenti vari per imitare le superfici marmoree. Generalmente, stuccare il muro è la fase che precede la tinteggiatura. Se il lavoro non viene fatto bene, al termine si potrebbero riscontrare dei difetti che svaniscono tutto l’impegno. Quindi è opportuno preparare in maniera adeguata la superficie da trattare utilizzando gli attrezzi giusti e lo stucco più adatto. Se si decide di fare da sè il lavoro di stuccatura e tinteggiatura, è utile informarsi sulle procedure così come viene illustrato in questo articolo.

Composizione dello stucco

Lo stucco mescolato con resine e colle viene utilizzato in edilizia anche come elemento di giuntura tra due elementi architettonici. Spesso i fori nel muro di casa sono causati da movimenti della parete stessa.

Tipologie di materiali

Esistono vari tipi di stucco in base all’utilizzo: lo stucco in pasta, è molto facile da usare in quanto già pronto. Si usa per otturare piccoli fori e crepe sottili; lo stucco in polvere, è più impegnativo poiché ha bisogno di essere miscelato per essere utilizzato. La miscelatura non è facile, infatti, l’uso è consigliato agli esperti del mestiere che sanno ottenere la densità giusta.
Lo stucco può essere di colore bianco o grigio. Il vantaggio dello stucco bianco è che può essere colorato con delle tinte. Lo stucco grigio è adatto per i muri esterni.

Attrezzi utili

Quando si decide di stuccare una parete, bisogna procurarsi degli attrezzi specifici ognuno dei quali si utilizza per un’azione precisa. Oltre allo stucco, preferibilmente già pronto, il set degli attrezzi è costituito da:

  • un raschietto: ha una forma triangolare e serve ad asportare l’intonaco rovinato;
  • la spatola: in realtà ha un doppio uso, quello di levare via lo stucco vecchio e di applicare il nuovo. Inoltre si può utilizzare per miscelarli durante la preparazione. Per avere un’idea, esistono spatole di varie grandezze, tutte con un manico di legno e una lamina sottile;
  • spatola larga: è una variante della spatola precedente, solo che è più adatta per effettuare una stuccatura poiché ha una lama rettangolare ed è grande fino a 20 cm. Si può usare una spatola larga per rimuovere o fissare l’intonaco in punti alti della parete o sui soffitti;
  • frattone: nel caso in cui si deve stuccare una parete molto grande, è opportuno utilizzare questo attrezzo in quanto è più grande e più maneggevole. A volte viene usato anche come piano per appoggiare lo stucco necessario;
  • cazzuola: viene utilizzata per preparare grandi quantità di stucco, contenuto in secchi di plastica, e per applicarlo velocemente lanciandolo direttamente sulla parete. Subito dopo si spiana e si leviga;
  • carta abrasiva: meglio se a grana fine e adatta per i muri, serve per levigare lo stucco in eccesso.

Consigli pratici per stuccare un muro

Diamo dunque qualche consiglio per stuccare le possibili aperture delle pareti. Per prima cosa è importante sgrassare la crepa, servendosi di una soluzione a base di ammoniaca e allargarla leggermente con una spatola. E’ d’uopo allargare la fessura per pulirla dalla polvere e dai frammenti di calce.

Per stuccare la fessura potete scegliere un prodotto di riempimento pronto per l’uso o servirvi di un prodotto in polvere che deve essere combinato con l’acqua. Una volta preparata la soluzione, applicatela pure con una spatola (levigando anche la superficie che circonda la fessura in modo da evitare un forte contrasto nel muro).

Si consiglia di ripassare due volte il prodotto per stuccare bene il foro (dopo aver atteso il tempo necessario all’essiccazione della prima passata). Quando il prodotto si è solidificato, occorre limare la fessura con un abrasivo.

Nel momento in cui si prenda in considerazione una riparazione di un foro piuttosto profondo, occorre riempire il buco con del giornale o del cartone. Il prodotto da scegliere in questo caso per stuccare la parete è il gesso, che deve essere mescolato fino ad ottenere la giusta consistenza.





Potrebbe interessarti

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Comunicazione in Questura del Contratto di Locazione

Il decreto legislativo 70/2011 ha introdotto numerose novità nel campo degli affitti: con la sua entrata in vigore, dal 7 Aprile è venuto a cadere infatti l’obbligo per gli affittuari di inviare una comunicazione alla Questura sulla locazione, purché quest'ultima sia debitamente registrata e non riguardi l’esercizio di un’attività imprenditoriale. Diverso invece il discorso se la parte interessata sia un cittadino extracomunitario, fuori dai confini dell’Unione Europea.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Verniciare ringhiera: guida passo passo

Il balcone può essere considerato il punto della casa che più da adito ad aspettative nei confronti di chi viene a visitarci. E' infatti la parte che si mostra al pubblico e che serve a dare la prima impressione di quello che poi si trova all'interno.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il bollettino MAV: cos’è e come pagarlo

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Leggi tutto...
Go to Top