Una delle noie che maggiormente affligge ognuno di noi è quella di passare la notte a sentire un rubinetto che perde. Proviamo a dare qualche consiglio su come fare a risolvere questo annoso problema, e riuscire così a riparare un rubinetto che perde.

Quando un rubinetto perde, significa che c'è da sostituire la guarnizione in gomma. A questo punto dunque, è bene chiudere il rubinetto generale dell'acqua e procedere con le operazioni.

Come procedere alla riparazione passo passo senza idraulico

Tirata via la vite e sfilata via la manopola, individuate il corpo di ottone del rubinetto che perde. Bisogna smontare uno dei due dadi che lo compongono, ovvero quello posto più in basso.

Va afferrata saldamente la ghiera cromata che copre il rubinetto e poi svitata, eventualmente proteggendola con un panno affinchè non si righi; fatto questo bisogna lasciare scoperto il corpo del rubinetto togliendo la ghiera dall'alto.

Ora possiamo quindi togliere il dado che stava in basso. Tolto il gruppo dalla sua sede, è opportuno verificare se la meccanica del rubinetto funziona bene: girando il perno un piccolo pistone fa in modo che la guarnizione prema sul fondo del rubinetto che perde: a questo punto togliamo il gommino vecchio smontando la vite che lo blocca o semplicemente disincastrandolo, e ne inseriamo uno nuovo delle dimensioni identiche.

Rimontare il tutto, facendo attenzione

Adesso è possibile rimontare il tutto stringendo leggermente la manopola per tornare nuovamente ad avere un rubinetto funzionante, con conseguente felicità di chi può tornare a dormire in pace.

Cosa fare se c'è un rubinetto che perde

Con il passare del tempo è del tutto normale un rubinetto che perde o che inizi a dare i primi segni di cedimento, che spesso sono rappresentati da un fastidioso gocciolio d’acqua, che mette a dura prova la resistenza dei nervi. Un rubinetto miscelatore monocomando presenta una struttura interna diversa da uno tradizionale, quindi la sua riparazione dovrà seguire degli step diversi da quelli spiegati precedentemente.

All’interno del rubinetto che perde è presente una cartuccia che serve a miscelare l’acqua ed è proprio questa la parte che dovrà essere sostituita. Per raggiungerla e sostituirla è necessario quindi smontare la parte alta del rubinetto. Nella parte inferiore della leva c’è un un foro di piccole dimensioni, che può essere più facilmente visibile con l’aiuto di una lampada. Al suo interno è presente una vite, che può essere a brugola, piatta o a stella.

Rubinetto che perde

In alcuni casi il foro può essere chiuso da un piccolo metallo che indica la temperatura dell’acqua, rossa per quella calda e blu per quella fredda, che deve essere rimosso per poter poi svitare la vite. Con l’ausilio del cacciavite giusto bisognerò poi sfilare la vite e liberare così la leva del monocomando, dopo queste operazioni si renderà visibile la cartuccia che deve essere sostituita.

E’ importante sapere che quando si svolgono questo genere di riparazioni è necessario chiudere il rubinetto generale che regola il flusso dell’acqua, altrimenti si rischia di allagare la propria abitazione. La cartuccia ha la forma di un cilindro di plastica di 4 cm e può essere bloccata in sede da una ghiera, da delle piccole vite oppure essere stata inserita a pressione.

L’acquisto della cartuccia di ricambio deve avvenire solo dopo averla smontata e portata come campione nel negozio che si occupa della vendita di articoli idraulici. Grazie alla vecchia cartuccia il venditore potrà vedere la marca e il modello e consigliarvi l’acquisto del pezzo di ricambio giusto per voi.

Una volta acquistata la nuova cartuccia sarà necessario semplicemente inserirla nella sua sede, avvitare le eventuali viti o la ghiera e inserire di nuovo le vite che fissano la leva del monocomando. L’operazione di cambio della cartuccia non è molto difficile ma nel caso in cui troviate delle difficoltà è preferibile chiamare un idraulico esperto, onde evitare di aggravare ulteriormente la situazione.

Riparare un rubinetto a manopole tradizionali

Anche se sempre con meno frequenza, in alcune case potremmo avere ancora i rubinetti con le manopole tradizionali. In questo tipo di rubinetti, una manopola gestisce il flusso di acqua calda e l’altra il flusso di acqua fredda. 

In genere quando un rubinetto di questo tipo perde o le manopole tendono a bloccarsi, basterà sostituire i vitoni posti nelle manopole. Spesso sarà difficile individuare quale delle due manopole è compromessa, quindi vi consigliamo di sostituirle entrambe. Questa parte, detta generalmente “vitone” è il cuore del funzionamento ed è colui che regola il flusso d’acqua. Questo componente molto importante nono è invece presente nei miscelatori, che hanno, come abbiamo visto prima, la cosiddetta pasticca. 

Il primo passo da compiere per la sostituzione è quello di comprare il pezzo nuovo in un rivenditore autorizzato, come le ferramenta o i negozi di termoidraulica. Sarà sufficiente avere con sé il numero di serie del prodotto (spesso leggibile sul rubinetto stesso) oppure mostrare una foto del modello, e il personale saprà procurarti il vitone corrispondente. 

Per la sostituzione ci serviranno un cacciavite a taglio, una chiave esagonale da 17 o 19 (la maggior parte dei modelli utilizzano queste misure) ed eventualmente un taglierino.  

Procediamo quindi allo smontaggio delle parti interessate. Per prima cosa togliamo la copertura presente sulla manopola per rendere visibile la vite sottostante (se necessario utilizziamo il cacciavite), e a quel punto svitiamola utilizzando il cacciavite. A questo punto sarà visibile, dopo aver tolto le coperture, il vitone che andremo a rimuovere utilizzando la chiave esagonale della grandezza esatta per le nostre esigenze. 

A quel punto potremo rimuovere il vecchio componente e avvitare il nuovo vitone e rimontare tutte le coperture precedentemente rimosse. Basterà effettuare le stessa operazione sulla seconda manopola per avere il rubinetto di nuovo perfettamente funzionante. 

Ecco spiegato come sistemare un rubinetto che perde se non volete chiamare un idraulico.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Deposito cauzionale affitto: ecco come funziona

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Provvigione dell'agenzia immobiliare per l'affitto: ecco come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

I più condivisi

Poltrone da esterno di design, quali le tipologie esistenti

poltrone da esterno di design

Il poter avere a disposizione un bel giardino o un ampio terrazzo rappresenta il sogno di tante persone al giorno d’oggi. Uno spazio in cui poter ospitare un bel cane, far giocare i propri bambini o semplicemente rilassarsi nelle calde giornate estive o organizzare qualche divertente party con amici o parenti. Tuttavia, come qualsiasi altro ambiente di casa, esso deve essere arredato in maniera consona, con un’adeguata scelta di tavoli e poltrone da esterno di design o anche semplici, in base ai propri gusti.

Tende a rullo per esterni: scopriamo quali sono e le tipologie esistenti

tende a rullo da esterni

In ufficio oppure in casa, è divenuto sempre più importante installare delle tendeper proteggersi dai raggi solari (soprattutto nelle luminose e calde giornate estive), ma anche per mantenere una certa riservatezza degli ambienti da occhi indiscreti. E, negli ultimi anni, a questa funzione pratica di protezione, si è aggiunta anche quella estetica, grazie anche alla creazione di tante tonalità e tessuti differenti, che permettono di scegliere tipologie di tende di vario genere.

Contratti di locazione commerciale

bioedilizia

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi anche...

Comunicazione in Questura del Contratto di Locazione

Il decreto legislativo 70/2011 ha introdotto numerose novità nel campo degli affitti: con la sua entrata in vigore, dal 7 Aprile è venuto a cadere infatti l’obbligo per gli affittuari di inviare una comunicazione alla Questura sulla locazione, purché quest'ultima sia debitamente registrata e non riguardi l’esercizio di un’attività imprenditoriale. Diverso invece il discorso se la parte interessata sia un cittadino extracomunitario, fuori dai confini dell’Unione Europea.

Leggi anche...

Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Go to Top