Con l’arrivo della stagione invernale e l’abbassamento generale delle temperature, in casa si tende a stare con stufe e caloriferi accesi. Tuttavia, alcune volte può capitare che questi ambienti caldi facciano diventare l’aria eccessivamente secca e respirarla per lunghi periodi porti ad avere alcune problematiche, quali ad esempio tosse, occhi arrossati, naso chiuso, gola secca ed anche l’insorgenza di eventuali allergie. A questo punto si rende necessario ristabilire un buon grado di umidità nella casa. 

Innanzitutto si potrebbe far arieggiare maggiormente la casa, aprendo le finestre delle varie stanze per alcuni minuti al giorno oppure mantenere una temperatura congrua in ciascuna di esse (in una camera da letto attorno ai 16-18°, mentre nel soggiorno circa 18-20°). Se anche questo non fornisse apprezzabili risultati, allora si può far ricorso all’acquisto di un umidificatore o apparecchi che umidifichino gli ambienti. Andiamo a conoscere di quali elementi bisogna tener conto per scegliere un umidificatore che sia buono e soprattutto efficace.

Tipologie di prodotto

Tra gli umidificatori più comuni abbiamo:

  • Umidificatori a ebollizione: il loro funzionamento è molto semplice, infatti il serbatoio dell’apparecchio contiene degli elettrodi che, col passaggio della corrente elettrica, si surriscaldano, facendo riscaldare anche l’acqua, da qui poi l’emissione di vapore nell’ambiente circostante. Il vantaggio di questo genere di prodotto è il costo davvero minimo, tuttavia gli elettrodi tendono ad usurarsi facilmente con l’uso e i consumi elettrici sono più alti rispetto ad altre soluzioni.
  • Umidificatori a evaporazione: questo è un tipo di modello che prevede l’umidificazione dell’ambiente circostante attraverso l’uso di una ventola. Questa attira l’aria e la fa passare in uno specifico filtro umido, arricchendola quindi di particelle d’acqua. Tale apparecchio tende a consumare poco e può limitare la presenza di polvere e batteri nell’aria, però il filtro deve essere cambiato con una certa frequenza.
  • Umidificatori a ultrasuoni: risulta essere una tipologia di ultima generazione e che utilizza delle vibrazioni prodotte da un sistema ad ultrasuoni per poter umidificare l’aria. Tale modello tende a consumare poca energia e non è soggetto a particolare usura, in quanto non presenta parti di tipo meccanico. Tuttavia, non si può utilizzare come diffusore di essenze o profumi.

Dimensioni e prezzi

Tra gli elementi di cui bisogna tener conto prima di acquistare un umidificatore vi sono senz’altro le dimensioni ed i prezzi. Per quanto riguarda le prime, la scelta ideale sarebbe un apparecchio da 2-3 chilogrammi al massimo. Infatti, un modello di umidificatore leggero (meno di un chilogrammo) potrebbe evidenziare un po’ di instabilità e ridotta resistenza, mentre uno pesante (a partire da 5 chilogrammi) potrebbe essere scomodo da spostare ed anche ingombrante.

Per quanto concerne invece i prezzi, gli umidificatori tendono a non essere molto costosi. Infatti si va dai circa 25 agli 80 Euro per quelli a ebollizione, mentre per quelli ad ultrasuoni si può arrivare anche a spendere circa 130 Euro. D’altronde, su quelli maggiormente costosi possono incidere anche i diversi accessori annessi all’apparecchio acquistato, che lo rendono più completo rispetto alla tipologia più semplice.

Di seguito ti riportiamo alcuno ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Umidificatore Ambiente Ultrasuoni TaoTronics, Purificatore d'Aria, Grande Capacità 4L

Prezzo su Amazon.it: € 39
Compra su Amazon

Homasy Umidificatore Ambiente Bambini 2,5L, Umidificatore Ultrasuoni

Prezzo su Amazon.it: € 34
Compra su Amazon

VicTsing 150ml Diffusore di Oli Essenziali, Diffusore di Aromi con Modalità Sonno

Prezzo su Amazon.it: € 19

Autonomia e prestazioni

immagine per umidificatore

Altri due fattori a cui prestare attenzione nell’acquisto di un umidificatore sono la loro autonomia e le prestazioni. In questo caso, per autonomia si intende la durata teorica di funzionamento di tale apparecchio espressa in un dato valore. Quest’ultimo è connesso alla dimensioni del serbatoio e quindi alla quantità d’acqua che esso può contenere. I vari apparecchi possono differire molto in alcuni casi. Ad esempio, un modello ad ultrasuoni offre una capacità di 4 litri e può durare tra le 12 e le 15 ore, mentre uno ad ebollizione, con la medesima capacità, dura dalle 9 alle 11 ore.

Per prestazioni, invece, si intende la quantità massima di vapore che l’apparecchio può emettere ogni ora ed è espressa appunto in millimetri per ora (ml/h). Tale misura risulta importante, in quanto incide sulla capacità di copertura di una certa metratura di un ambiente. Un umidificatore da 200 ml/h copre stanze minori di 20 mq, mentre uno da 400 ml/h risulta efficace per ambienti anche fino a 60 mq. In questi casi, la metratura degli ambienti da coprire risulta fondamentale nella scelta dell’apparecchio.  





Potrebbe interessarti

Contratto uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

Immagine usata nell'articolo Contratto uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

 

Con il contratto uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Crisi subprime: facciamo chiarezza su questo argomento

Immagine per Crisi subprime

La crisi subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi tutto...

Mutuo ipotecario: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento

acquistare casa con il mutuo ipotecario

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposte reddito locazione: aliquote e prassi dei versamenti

La locazione di un immobile, dovrebbe comportare obbligatoriamente la stipula e la successiva registrazione di un contratto d'affitto, con il conseguente versamento delle imposte dei redditi da locazione. 

Leggi tutto...
Go to Top