Dopo avervi parlato dei depuratori per l'acqua, oggi ci concentriamo su un altro oggetto utile per la casa. Con l’arrivo della stagione invernale e l’abbassamento generale delle temperature, in casa si tende a stare con stufe e caloriferi accesi. Tuttavia, alcune volte può capitare che questi ambienti caldi facciano diventare l’aria eccessivamente secca e respirarla per lunghi periodi porti ad avere alcune problematiche, quali ad esempio tosse, occhi arrossati, naso chiuso, gola secca ed anche l’insorgenza di eventuali allergie. A questo punto si rende necessario ristabilire un buon grado di umidità nella casa, è quindi arrivato il momento di scegliere un umidificatore

Innanzitutto si potrebbe far arieggiare maggiormente la casa, aprendo le finestre delle varie stanze per alcuni minuti al giorno oppure mantenere una temperatura congrua in ciascuna di esse (in una camera da letto attorno ai 16-18°, mentre nel soggiorno circa 18-20°). Se anche questo non fornisse apprezzabili risultati, allora si può far ricorso all’acquisto di un umidificatore o apparecchi che umidifichino gli ambienti. Andiamo a conoscere di quali elementi bisogna tener conto per scegliere un umidificatore che sia buono e soprattutto efficace.

Tipologie di prodotto

Tra gli umidificatori più comuni possiamo:

  • scegliere un umidificatore a ebollizione: il loro funzionamento è molto semplice, infatti il serbatoio dell’apparecchio contiene degli elettrodi che, col passaggio della corrente elettrica, si surriscaldano, facendo riscaldare anche l’acqua, da qui poi l’emissione di vapore nell’ambiente circostante. Il vantaggio di questo genere di prodotto è il costo davvero minimo, tuttavia gli elettrodi tendono ad usurarsi facilmente con l’uso e i consumi elettrici sono più alti rispetto ad altre soluzioni.
  • scegliere un umidificatore a evaporazione: questo è un tipo di modello che prevede l’umidificazione dell’ambiente circostante attraverso l’uso di una ventola. Questa attira l’aria e la fa passare in uno specifico filtro umido, arricchendola quindi di particelle d’acqua. Tale apparecchio tende a consumare poco e può limitare la presenza di polvere e batteri nell’aria, però il filtro deve essere cambiato con una certa frequenza.
  • scegliere un umidificatore a ultrasuoni: risulta essere una tipologia di ultima generazione e che utilizza delle vibrazioni prodotte da un sistema ad ultrasuoni per poter umidificare l’aria. Tale modello tende a consumare poca energia e non è soggetto a particolare usura, in quanto non presenta parti di tipo meccanico. Tuttavia, non si può utilizzare come diffusore di essenze o profumi.

Scegliere un umidificatore: dimensioni e prezzi

scegliere un umidificatore 2

Tra gli elementi di cui bisogna tener conto prima di scegiere un umidificatore vi sono senz’altro le dimensioni ed i prezzi. Per quanto riguarda le prime, la scelta ideale sarebbe un apparecchio da 2-3 chilogrammi al massimo. Infatti, un modello di umidificatore leggero (meno di un chilogrammo) potrebbe evidenziare un po’ di instabilità e ridotta resistenza, mentre uno pesante (a partire da 5 chilogrammi) potrebbe essere scomodo da spostare ed anche ingombrante.

Per quanto concerne invece i prezzi, gli umidificatori tendono a non essere molto costosi. Infatti si va dai circa 25 agli 80 Euro per quelli a ebollizione, mentre per quelli ad ultrasuoni si può arrivare anche a spendere circa 130 Euro. D’altronde, su quelli maggiormente costosi possono incidere anche i diversi accessori annessi all’apparecchio acquistato, che lo rendono più completo rispetto alla tipologia più semplice.

Di seguito ti riportiamo alcune offerte di Amazon tra cui scegliere un umidificatore

Compra su Amazon

Umidificatore Ambiente Ultrasuoni TaoTronics, Purificatore d'Aria, Grande Capacità 4L

Prezzo su Amazon.it: € 39
Compra su Amazon

Homasy Umidificatore Ambiente Bambini 2,5L, Umidificatore Ultrasuoni

Prezzo su Amazon.it: € 34
Compra su Amazon

VicTsing 150ml Diffusore di Oli Essenziali, Diffusore di Aromi con Modalità Sonno

Prezzo su Amazon.it: € 19

Scegliere un umidificatore: autonomia e prestazioni

perchè scegliere un umidificatore

Altri due fattori a cui prestare attenzione per scegliere un umidificatore sono la loro autonomia e le prestazioni. In questo caso, per autonomia si intende la durata teorica di funzionamento di tale apparecchio espressa in un dato valore. Quest’ultimo è connesso alla dimensioni del serbatoio e quindi alla quantità d’acqua che esso può contenere. I vari apparecchi possono differire molto in alcuni casi. Ad esempio, un modello ad ultrasuoni offre una capacità di 4 litri e può durare tra le 12 e le 15 ore, mentre uno ad ebollizione, con la medesima capacità, dura dalle 9 alle 11 ore.

Per prestazioni, invece, si intende la quantità massima di vapore che l’apparecchio può emettere ogni ora ed è espressa appunto in millimetri per ora (ml/h). Tale misura risulta importante, in quanto incide sulla capacità di copertura di una certa metratura di un ambiente. scegliere un umidificatore da 200 ml/h copre stanze minori di 20 mq, mentre uno da 400 ml/h risulta efficace per ambienti anche fino a 60 mq. In questi casi, la metratura degli ambienti da coprire risulta fondamentale nella scelta dell’apparecchio.  




Potrebbe interessarti

Detrazione sull'affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita di un immobile: ecco la nostra guida

Plusvalenza nella vendita di un immobile

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Calcolo del valore di un immobile: come si effettua?

Calcolo del valore di un immobile

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi anche...

Recupero edilizio, quali gli interventi compresi nel Bonus Ristrutturazione

RISTRUTTURAZIONE min

Per incentivare il miglioramento delle strutture abitative private e condominiali, il Governo italiano in questi anni ha ideato e avviato diverse iniziative, tra le quali il cosiddetto Bonus Ristrutturazione. Questo consente di ottenere il rimborso di una quota delle spese effettuate per lavori di ristrutturazione, riguardanti un’abitazione principale oppure le seconde case o, ancora, di parti comuni di edifici condominiali. In tali lavori di ristrutturazione sono compresi anche quelli connessi al recupero edilizio.

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette: quel che c'è da sapere

domiciliazione bancaria

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Go to Top