Con la diffusione dei personal computer per uso domestico si sono modificate radicalmente le zone studio nelle case. Spesso queste ultime corrispondevano ad una scrivania per lavorare in casa o studiare. Negli ultimi anni questi locali sono però diventati sempre più simili a postazioni da ufficio, mentre pc e periferiche connesse, come stampanti e scanner, prendevano il posto di faldoni, libri e quaderni. Oggi uno dei complementi d'arredo più diffusi delle case è la sedia da ufficio.

Sedia da ufficio per uso domestico

Nonostante il nome la sedia da ufficio è oggi diffusa in moltissime case. In genere viene utilizzata nella zona studio o dove si trova il computer domestico. Sulla sedia da ufficio si lavora, si studia, si rivedono i conti di casa, si smaltisce la posta e si evadono bollette e altre incombenze. Nella zona studio si passa spesso molto tempo, per cui è bene scegliere una sedia da ufficio che sia comoda e su cui si possano passare anche diverse ore. Quando si acquista una sedia da ufficio è quindi importante provarla e sceglierla attentamente, per evitare di trovarsi poi a casa con indesiderati mal di schiena. La maggior parte delle sedie da ufficio sono dotate di ruote, per permettere di allontanarsi dalla postazione di lavoro. In commercio si trovano diversi tipi di ruote per sedie, a seconda che debbano essere utilizzate sulle piastrelle, sulla moquette o sul parquet.

Come scegliere una sedia da ufficio comoda

Le sedie da ufficio sono componenti importanti dell'arredo del locale studio o della zona della casa dedicata allo studio. L'ideale sarebbe trovare una sedia che ben si adatti al resto dell'arredamento presente nel locale. In commercio si trovano diversi tipi di sedie da ufficio, da quelle più economiche a quelle di maggiore qualità. Queste ultime sono ergonomiche e offrono spesso una seduta più confortevole e una completa regolabilità, in modo da potersi adattare alle esigenze e alle abitudini di ognuno. La seduta è regolabile in altezza e rotabile, mentre lo schienale si può alzare, abbassare e regolare in profondità. I modelli dotati di braccioli offrono ulteriori possibilità di regolare e personalizzare le posizioni. Le imbottiture delle sedie possono essere realizzate in diversi tipi di t essuto oppure in pelle, soprattutto nei modelli di qualità maggiore.

In generale, quindi, le sedie più ergonomiche permettono di evitare fastidiosi dolori o stress fisico, derivanti dallo stare seduti per diverse ore, come ad esempio mal di schiena o problemi al collo. Al tempo stesso, tuttavia, è importante scegliere bene il tessuto delle imbottiture, in quanto queste devono essere traspiranti, in particolare in estate, quando le alte temperature tendono ad essere più fastidiose per la pelle e l'organismo in generale. Da questo punto di vista, le sedie in pelle o cuoio tendono ad essere meno funzionali rispetto ad altri tessuti.

A livello di prezzi, il mercato offre diverse soluzioni: da quelle più economiche a quelle più costose e di prestigio. Di conseguenza, si può partire dalle 150 Euro per arrivare anche alle 3.000 Euro, per quei prodotti con materiali ergonomici di altissima qualità e dotati di soluzioni innovative per il comfort. Tra queste, ad esempio, troviamo la seduta in "Memory Foam", un materiale con cui si realizzano materassi e sedili di piloti, o ancora cuscini di supporto per la zona lombare e cervicale.

Abbinare la sedia con l'arredo

La sedia da ufficio diventa una componente importante della zona studio ed è quindi essenziale che sia ben assortita con il resto dell'arredamento presente. Le strutture delle sedie da ufficio sono tutte molto simili, ma ne esistono in metallo o ricoperte in plastica, generalmente grigia o nera. A fare la differenza maggiore è però la fantasia e il tessuto che ricopre l'imbottitura sulla seduta e sullo schienale. Le sedie in pelle si abbinano bene ad ogni tipo di arredamento: una calda pelle marrone si adatta perfettamente ad un ambiente classico, mentre il nero dà un tocco elegante e moderno che si sposa con arredi contemporanei. Molti modelli di sedie da ufficio sono invece ricoperte in tessuto. Se ne trovano facilmente di ogni colore o con varie fantasie, in modo da poter decidere se abbinarle al resto degli altri complementi d'arredo, come tende o tappeti, oppure scegliere uno stacco cromatico più netto.

Comunque, tra i materiali più utilizzati, troviamo l'acciaio, che permette rigidità, lunga durata e capacità di sopportare anche considerevoli pesi, ma anche l'alluminio, che fornisce leggerezza e semplicità alla struttura. Il tutto è contraddistinto da uno stile ed un design curato ma versatile, che permette di abbinare la sedia all'arredamento complessivo della stanza. Esistono poi anche modelli bicolore ed in tessuto similpelle, che forniscono un tocco di fantasia ed eleganza all'intero ambiente dove sono collocati, ma al tempo stesso sono molto pratici per un'eventuale pulizia.



Potrebbe interessarti

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Onorario del notaio: a quanto ammonta?

 

Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Installazione citofono: procedure e attrezzature

Quando si acquista casa, c'è sempre qualche lavoretto di installazione e ristrutturazione da compiere. Oltre ai lavori di messa in posa di piastrelle e porte, di pittura delle pareti, ci sono tante altre operazioni da fare, soprattutto di natura elettrica; una di queste è, ad esempio, quella di installare il citofono.

Leggi tutto...

Leggi anche...

A2A Bollette: un nuovo servizio di energia

A2A Energia è un sinonimo di semplificazione per molte piccole preoccupazioni della nostra vita. Attraverso i suoi sportelli A2A Energia mette a disposizione dei clienti un efficiente servizio operativo ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, utile per terminare le operazioni commerciali o per richiedere le più varie informazioni.

Leggi tutto...
Go to Top