Per zerbino si intende un piccolo tappeto solitamente di forma rettangolare, da posizionare all’ingresso della propria abitazione o della propria attività, sul pianerottolo per intenderci. La funzione principale del tappeto in questione è quella di consentire agli ospiti di pulire le proprie scarpe prima di accingersi ad entrare, soprattutto durante le giornate di pioggia e fango, e proprio per questo sono realizzati in materiale molto resistente.

Inoltre possono esercitare la funzione di biglietto da visita, specialmente se si tratta di zerbini personalizzati, che riportano una frase simpatica di benvenuto oppure il logo o il marchio dell’azienda, fungendo anche da pubblicità per gli avventori.

Quali fattori considerare quando si deve scegliere lo zerbino per la casa

Il primo fattore da considerare quando ci si accinge a scegliere lo zerbino è il materiale di realizzazione, infatti in commercio ne esistono di diverse tipologie. Per scegliere lo zerbino da posizionare all’esterno, è meglio optare per uno zerbino realizzato in gomma oppure in cocco, in grado di resistere maggiormente allo sporco e all’umidità; o ancora in ghisa, per un tocco di eleganza rustica. Se dovete scegliere uno zerbino da interno, invece, si può optare per materiali come la fibra di cotone, che rende lo zerbino meno resistente all’utilizzo costante, ma al contempo più elegante.

Un altro fattore da considerare è la dimensione. Generalmente, gli zerbini da esterno hanno una dimensione di 60x40 cm, ma è possibile anche trovare degli zerbini di 90x60 cm, ed inoltre si può acquistare il materiale a metro e realizzare uno zerbino di una dimensione a piacere. Per trovare la dimensione adatta, ovviamente è necessario misurare la porta, prima di scegliere lo zerbino. Lo zerbino da esterno deve, ad esempio, essere compreso entro gli stipiti; bisogna poi considerare la profondità dell’area, considerando anche lo spessore del tappeto. La forma dello zerbino, invece, è solitamente rettangolare, ma è possibile trovare anche dei modelli a mezzaluna da posizionare avanti alla propria porta.

Come pulire il tappetino scelto per il proprio appartamento

scegliere lo zerbino

Lo zerbino ovviamente va pulito e mantenuto igienizzato poiché, se è sporco, la sua funzionalità è compromessa, e invece di catturare lo sporco può depositarlo sotto le scarpe e quindi far sì che si sposti in casa. Prima di scegliere lo zerbino bisogna considerare che ogni settimana va pulito e sbattuto energicamente, mentre una volta al mese bisogna effettuare operazioni di pulizia più profonde. La pulizia del tappeto varia, a seconda della tipologia dello stesso. Ad esempio, se volete scegliere lo zerbino in gomma, va sbattuto prima per rimuovere i residui, e se vi sono dei particolari in rilievo è necessario anche utilizzare una spazzola piccola che riesca ad infilarsi nelle fessure, oppure un’aspirapolvere dal beccuccio piccolo. Successivamente, è necessario immergerlo in una soluzione composta da due terzi di ammoniaca ed un terzo d’acqua per diverse ore. In seguito, è necessario risciacquarlo e lasciarlo asciugare.

Se avete intenzione di scegliere lo zerbino in cocco, invece, può essere cosparso di sale grosso e successivamente deterso con uno spazzolone per pavimenti imbevuto di sale e aceto. Un’altra opzione è quella di cospargere il tappeto con del bicarbonato, e successivamente aspirare con l’aspirapolvere. Questa soluzione è la più indicata per chi deve scegliere lo zerbino, considerando che ha degli animali, dato che il bicarbonato cattura gli odori. Altrimenti, è possibile utilizzare degli appositi prodotti presenti in commercio per la pulizia del tappeto.




Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

tasse sulla prima casa

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi anche...

Casa ecosostenibile: quanto si risparmia realmente?

casa ecosostenibile

Dagli anni ’70 - quando in Germania si sviluppò l’approccio progettuale e culturale della bio-edilizia e della casa eco (Baubiologie) – a oggi, di strada se n’è fatta molta in edilizia per il risparmio energetico e la salvaguardia dell’ambiente.

Leggi anche...

Il riscaldamento della piscina: come risparmiare?

Chi possiede una piscina nella propria abitazione o nel cortile o giardino adiacente ad essa, deve anche occuparsi e tenere in considerazione l'aspetto legato al riscaldamento . Un efficiente servizio di questo genere, può infatti accrescerne le sue potenzialità.

Go to Top