Rendere una casa impermeabile è possibile senza che si sia costretti a danneggiare l'ambiente circostante: le soluzioni in edilizia tecnologiche moderne sono ecologiche e permettono di non dover lottare contro la comparsa dell'umidità e della muffa. Avere una casa impermeabile significa dire addio ai disagi causati dalle infiltrazioni, le quali con il trascorrere del tempo rischiano di mettere seriamente a repentaglio il comfort abitativo di qualsiasi casa impermeabile; nelle situazioni più gravi, esse possono addirittura provocare danni strutturali. Al tempo stesso, è molto importante prevenire la proliferazione delle muffe e ostacolare la formazione della condensa, a maggior ragione in quegli ambienti come la cucina e il bagno che sono destinati a presentare un tasso di umidità molto elevato.

Impermeabilizzare vuol dire proteggere il proprio appartamento

Quella che deve essere progettata, pertanto, è un'opera di protezione, indispensabile per fare in modo che lo stato di salute di un edificio non sia compromesso. I prodotti per rendere una casa impermeabile attualmente in commercio possono essere usati negli spazi esterni, e quindi per le verande, per le terrazze, per i balconi e per i tetti, ma anche negli ambienti interni.

Le tecniche che permettono di rendere una casa impermeabile

Per l'impermeabilizzazione muro esterno, e più in generale per rendere una casa impermeabile nel suo complesso, si può fare riferimento a varie tecniche, a discrezione del costruttore: quella a freddo, quella a cappotto e quella a spruzzo sono alcune delle più comuni, ma meritano di essere menzionate anche la tecnica con resina, quella a spinga negativa (nota anche come tecnica osmotica in controspinta), quella in PVC, quella con poliurea, quella ecologica e quella con guaina ardesiata o bituminosa. Quale che sia il metodo a cui ci si affida per rendere la casa impermeabile, lo scopo da raggiungere è sempre lo stesso, e cioè garantire una protezione ottimale rispetto agli agenti atmosferici. In più, rendendo una casa impermeabile si prevengono le infiltrazioni dall'esterno verso l'interno o dall'alto verso il basso, come quelle che si verificano dal terrazzo al soffitto del piano di sotto ma anche dalle pareti, senza contare il fatto che per questo tipo di interventi sono previste delle notevoli sovvenzioni.

Quali materiali devono essere utilizzati per combattere l'umidità

casa impermeabile

Per rendere una casa impermeabile con un approccio ecologico e, quindi, sostenibile dal punto di vista ambientale è necessario usare dei materiali ad hoc, tra i quali si segnalano le membrane formate da poliolefine flessibili, senza metalli pesanti e senza plastificanti; in alternativa si può optare anche per guaine poliuretaniche a base d'acqua senza composti organici volatili. Il ventaglio di guaine utilizzabili in questo settore è molto ampio: ci sono anche quelle in polipropilene e in polietilene, che sono materiali termoplastici. L'elenco potrebbe continuare, poi, con i pannelli in cartone biodegradabile o con i geocompositi bentonitici, senza dimenticare i teli in TNT, il tessuto non tessuto, che vengono ricavati dal polietilene o dal polipropilene. E, ancora, i geotessili bentonitici e i geotessuti porosi con uno strato di bentonite di sodio naturale in mezzo. Oggi, poi, sono disponibili sul mercato anche membrane impermeabili senza bitume e realizzate con materie prime vegetali ideali per rendere la casa impermeabile.

Come si impermeabilizza un ambiente

Se la scelta del materiale è molto importante, altrettanto si può dire per la fase di preparazione della superficie, tenendo presente che nel caso in cui vi sia una precedente impermeabilizzazione è opportuno rimuoverla. La superficie deve essere pulita con la massima cura, in modo che venga realizzato un piano omogeneo tramite cui la nuova guaina possa aderire al supporto e rendere la vostra casa impermeabile.

casa impermeabile

L'importanza del clima per una casa impermeabile

Non sono di secondaria importanza le condizioni climatiche che caratterizzano il momento in cui il lavoro di impermeabilizzazione viene eseguito: nel corso della posa in opera, infatti, non deve piovere, e lo stesso dicasi anche per le ore successive. Occorre che il livello di umidità sia ridotto, e anche le temperature non possono essere estreme, né superando i 40 gradi né scendendo sotto gli 0 gradi.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

bioedilizia

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Leggi anche...

Certificazione per l'impianto elettrico: un approfondimento completo

"certificazione

Certificazione per l'impianto elettrico: con il decreto ministeriale 37 del 2008 (dm 37/8), entrato in vigore il 27 marzo, è possibile certificare l'impianto elettrico di casa, del negozio, ufficio o piccola azienda nonostante non si abbia la documentazione specifica.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top