La tua passione è il giardinaggio e hai intenzione di realizzare il tuo personale impianto di irrigazione a goccia? In quest'articolo parleremo, attraverso passaggi essenziali, di quali sono le modalità per garantirvi un impianto efficace e di buona qualità.

Conoscere l'irrigazione a goccia

È importante sapere la quantità di acqua da somministrare per ogni pianta, e quando e dove farlo. Questa è una procedura fondamentale per avere un buon impianto di irrigazione. È necessario garantire un'irrigazione decisamente frequente, il tutto attraverso una quantità che sia calibrata e che eviti qualsiasi spreco. Ciò, è propedeutico al fine di ottenere un terreno che sia ossigenato, in modo che le piante si sviluppino in modo regolare.

È molto semplice realizzare il proprio impianto di irrigazione, sia che sia di grandi che di piccole dimensioni, a seconda delle proprie esigenze.

La componente fondamentale del vostro impianto sarà la centralina per l'irrigazione programmata. Questo meccanismo permette di stabilire a livello automatico e personalizzare a proprio piacimento la frequenza e la capacità delle irrigazioni. Attraverso questa centralina, l'acqua viene canalizzata attraverso i microirrigatori e i gocciolatori, in modo da assicurare un flusso d'acqua continuo. È possibile regolare la quantità di acqua da irrigare, in base alle diverse necessità delle piante e del terreno.

Dove acquistare tutto il materiale occorrente? Ci si può recare presso un negozio di articoli di giardinaggio e agricoltura ben fornito oppure acquistare il tutto comodamente online su tanti e-commerce disponibili, come ad esempio: https://www.gogoverde.it/irrigazione/microirrigazione-e-gocciolatori.html

Il risparmio d'acqua

Questo tipo di impianto di irrigazione è in grado, non solo di risparmiare tempo, ma anche della risorsa fondamentale per la vostra irrigazione: l'acqua. Infatti, la pressione necessaria del sistema, per irrigare l'acqua, rispetto agli impianti più tradizionali.

Quindi è possibile anche stabilire la pressione da utilizzare. Nei terreni argillosi è consigliabile utilizzare una pressione più bassa, in quanto l'acqua penetra meno nel terreno a differenza dei terreni sabbiosi. In tal modo non verrà sprecata neanche una goccia dell'acqua che utilizzerete.

Ovviamente un'irrigazione che sia troppo elevata o troppo scarsa, provoca danni alle proprie piante. Attraverso un impianto di irrigazione a goccia è possibile scegliere le modalità di irrigazione in base a tutti fattori variabili che fanno parte della pianta, ovvero il terreno, il clima, eccetera.

Piante in vaso

impianto-irrigazione-goccia.jpg

Sia in casa, che sul terrazzo, il vaso rimane l'habitat più utilizzato per le piante di tipo domestico. L'irrigazione a goccia è proprio il metodo più indicato per questo tipo di pianta. Questo, perché è una modalità in grado di ovviare anche ai problemi di spostamenti e di risistemazione dei vasi. Infatti è possibile creare una o anche più linee di irrigazione, scegliendone i diversi tempi e quantità di acqua da somministrare. È molto importante che le caratteristiche dei gocciolatori siano particolarmente mirate in base alla disposizione del tempo e dello spazio.

Come realizzare il vostro pianto di irrigazione

Installare un impianto a goccia è molto semplice, seguendo le fasi che vi descriveremo di seguito, facendo attenzione a tutti i passaggi.

Con il programmatore elettronico, installato insieme al riduttore di pressione, applicato al rubinetto, l'acqua viene indirizzata o da un tubo di media larghezza o, in altri casi, attraverso un tubo capillare di grandezza più piccola. Attraverso il raccordo automatico filettato è possibile collegare il tubo al programmatore.

Con il tubo collettore di media larghezza è possibile costruire un impianto di irrigazione per i balconi più grandi. Se, invece, utilizzerete il tubo capillare più piccolo, allora dovrete stabilire il collegamento per ogni singolo gocciolatore.

Attraverso la fustella fora tubo potrete applicare dei fori, del diametro che volete, in modo da effettuare un collegamento perfetto tra il tubo collettore e tutti i tubi capillari. Fatto ciò, bisogna avvitare e regolare i microirrigatori.

In seguito, i tubi capillari vanno tagliati a misure. Una volta applicati i fori nel tubo collettore, bisogna collegare ogni spezzone in corrispondenza delle derivazioni che intenderete utilizzare, attraverso il raccordo a 2 vie. Potrete anche utilizzare per ogni tubo capillare un rubinetto, in modo da regolare al meglio la portata d'acqua di ogni derivazione.

Successivamente bisogna collegare i goccialatori al tubo capillare, sistemandoli in corrispondenza delle piante che bisogna irrigare, conducendo il percorso del tubo attraverso dei picchetti. Una volta effettuata l'installazione, è necessario solo aprire impostare il programmatore e, ovviamente, aprire il rubinetto.

I microirrigatori vengono posizionati su dei picchetti, regolabili in altezza con delle astine, per collegarli al tubo collettore, attraverso il tubo capillare, sempre utilizzando l'utile fustella fora tubo. Sono disponibili diversi modelli, per esaudire qualsiasi tipo di esigenza, distribuendo la quantità di acqua giusta, nell'area desiderata, innaffiando con una pioggia delicata, simile a quella naturale.

È molto importante che, prima delle gelate invernali, bisogna sconnettere il programmatore dal rubinetto e posizionarlo all' interno di un ambiente chiuso, ricordandosi di togliere le batterie, per poi gettarle nei contenitori adatti al loro smaltimento.

Una volta finita la stagione, potrete smontare i gocciolatori, per poi lavarli. Saranno pronti per la prossima primavera, per garantire un'irrigazione precisa ed efficiente. I gocciolatori sono ripristinabili senza alcun tipo di attrezzo particolare.



Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi anche...

Diritti dell'usufruttuario: quali sono le caratteristiche?

L'usufrutto è il diritto di un soggetto di poter godere di un bene, e dei redditi che ne derivano, di proprietà di altri. L'usufrutto comporta una limitazione, ovvero il divieto di alterare la destinazione economica del bene oggetto del diritto di usufrutto. Questo istituto implica una serie di diritti dell'usufruttuario, come anche dei doveri.

Leggi anche...

Le tendenze 2019 per il bagno di casa

L’anno passato, di grande interesse presso gli arredatori di interni e i numerosi designers, era stato il considerare qualsiasi oggetto all’interno della propria casa un qualcosa di non invasivo, di minimale, che non desse troppo nell’occhio. Geometrie pure, colori primari e open space sono state le parole chiave del design 2018.

Leggi anche...

Caro bollette: come risolvere il problema con ScelgoZero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Go to Top