La grondaia è un canale di scolo necessario a far confluire l'acqua piovana (o la neve) dal tetto a terra, così da evitare deterioramenti dei punti in cui potrebbe crearsi un grave accumulo. In determinate zone della terra la scarsità di acqua ha spesso portato all’uso dei tetti e delle relative grondaie per raccogliere l’acqua piovana, o la neve sciolta, in un contenitore e riutilizzarla successivamente per irrigare o addirittura per l’uso domestico (previa bollitura).

Seppure le forme e i materiali impiegati possono variare molto, la maggior parte dei tetti del mondo è solitamente più o meno obliqua. Ovviamente l’usanza di costruire le coperture degli edifici in tal modo è data dalla necessità di proteggere le strutture sottostanti dagli agenti atmosferici. Primi fra tutti pioggia e neve.
Una forma piatta, o ancor peggio concava, farebbe accumulare l’acqua piovana o la neve sulla propria superficie. Nei casi più gravi questo potrebbe portare addirittura ad un cedimento strutturale. L’altra faccia della medaglia di un simile sistema di costruzione è la raccolta e conseguente caduta della pioggia lungo il perimetro dei tetti. Proprio per evitare ciò viene in aiuto l’uso della grondaia.

E' possibile sfruttare la grondaia anche per portare l'acqua al giardino o all'orto. Chi volesse realizzare o modificarne una ha di fronte a sè un lavoro non troppo facile, in quanto bisogna lavorare in equilibrio su scale di vario tipo. Altra difficoltà è certamente quella di mantenere una regolare pendenza lungo tutta la struttura della grondaia di modo da far confluire l’acqua ed evitare ristagno.

Vedremo più avanti come le grondaie richiedano, oltre allo sforzo iniziale per la loro costruzione, anche una regolare manutenzione per evitare si otturino, o che diventino ostello per nidi di uccelli e altri animali.

Materiali per costruirne una

E' costituita da segmenti lunghi quattro metri, realizzati fondamentalmente nei segueti materiali: rame, pvc, lamiera verniciata, lamiera laccata. Bisogna ponderare bene la scelta del materiale, in quanto ognuno hai suoi pregi e i suoi difetti. Il rame ad esempio è molto costoso, ma non arruginisce, così come il pvc; quest'ultimo è inoltre più leggero della lamiera, consigliata in quanto facilmente lavorabile e sostituibile al rame poichè può assumere lo stesso aspetto.

Strumenti per la realizzazione

Per lavorare col rame e col metallo è indispensabile una sega da ferro, o meglio ancora una forbice da lamiera. Per prevenire che si formi la ruggine nelle zone in cui si è staccata la vernice a causa della lavorazione, è importante passare vernice antiruggine o del silicone. Prima di applicare qualunque prodotto, comunque va pulita per bene la zona della futura grondaia, passandoci del semplice alcool.

 Dopo aver tagliato i pezzi per costruire la grondaia, è importante ripulire la zona con della carta vetrata, così da rendere la superficie liscia. Ora per procedere ad unire i vari pezzi, sfruttiamo il silicone trasparente.

Applicare la grondaia al muro

Una volta creata la grondaia, va applicata al muro o al tetto attraverso delle staffe di sostegno, posizionate a circa 60 cm l'una dall'altra. Facendo attenzione ad utilizzare dei supporti adatti a sorreggerne non solo il peso, che ovviamente varia a seconda dei materiali impiegati, ma anche il peso di eventuali accumuli di acqua.

La difficoltà principale, come accennavamo in precedenza, consiste nel fatto di lavorare ad una certa altezza. Nel migliore dei casi ci troveremo almeno ad un piano da terra. Altezza non certo da sottovalutare in sicurezza. All’uopo suggeriamo in primis di non affrontare mai simili lavori in solitaria. Chiedete sempre a qualcuno di assistervi. Questo non solo renderà il lavoro più sicuro, ma anche più piacevole. Infine suggeriamo di utilizzare scale ben collaudate e di sicuro appoggio. Se possibile, soprattutto dal secondo piano in poi, suggeriamo inoltre di utilizzare una imbragatura di sicurezza, per evitare spiacevoli cadute, che trasformerebbero il banale lavoro su una grondaia in un evento funereo per voi e la vostra famiglia.

A questo punto va individuato il punto in cui vogliamo far confluire l'acqua, così da poter collegare i vari segmenti con il pezzo necessario allo scarico. Terminiamo l'opera incollando i tappi necessari a chiudere il "circuito".

A questo punto la grondaia è quasi pronta: bisogna solo aspettare che si asciughi il silicone, e poi si procederà a sistemare i tubi di scarico dell'acqua lungo la verticale, fissandoli in degli anelli distanziatori applicati sul muro ogni 2 metri. Ove possibile sarebbe consigliabile, non appena certi che il silicone si sia asciugato, testare la grondaia riversando acqua sul tetto, ad esempio aiutandosi con una pompa da giardino.



Potrebbe interessarti

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

I più condivisi

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Risoluzione contratto di locazione: cosa fare

La cessazione di un contratto di locazione può avvenire sia per motivi fisiologici, come la naturale scadenza dell’affitto, o per motivi inerenti al proprietario o all’inquilino. Talvolta, per quanto riguarda invece gli esercizi commerciali, sono proprio i canoni d’affitto ad essere i motivi principali della cessazione del contratto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

WC otturato: come posso liberarlo?

Con questo articolo cerchiamo di venire incontro a chi dovesse trovarsi di fronte ad un drammatico inconveniente che può verificarsi in casa: il wc otturato. Spesso questo problema è dovuto poichè si gettano nel sanitario, prodotti non consoni ad essere scaricati, che quindi creano un tappo all'interno della via che porta alla tubatura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Leggi tutto...
Go to Top