Tutti le aree della casa quando necessitano di essere arredate, presentano delle sfide di progettazione; ma quella che desta maggiori difficoltà è il salotto: si tratta della stanza dove probabilmente si trascorre la maggior parte del tempo in assoluto, quindi, la sua progettazione può risultare particolarmente difficile. Come si può, allora, progettare un piccolo salotto che sia al contempo confortevole ma che lasci abbastanza spazio necessario a non far mancare posti a sedere? Tra le varie possibilità a disposizione, si possono adottare tantissime soluzioni per arredare, rendere accoglienti e decorare dei mini salotti mantenendo, però, alta la qualità dello stile e del gusto. Sicuramente, navigando su Internet, è possibile trovare tantissime occasioni d’acquisto per quanto riguarda una moltitudine di complementi d’arredo di design e pratiche idee d’arredo 100% Made in Italy; un esempio ne è il sito di Verdelilla Home.

Consigli utili per arredare il nostro soggiorno

Vediamo qui di seguito insieme alcuni consigli pratici che ci aiuteranno a non dover rinunciare ad un soggiorno chic nonostante le dimensioni dalla nostra stanza siano ridotte. Ecco i “trucchi” da utilizzare:

  • Utilizza specchi e carta da parati, creeranno un punto focale, e consentiranno di avere nella camera una maggiore luce a favore dell’aumento della profondità. Se è possibile, posizionate il suddetto specchio di fronte ad una finestra; lo specchio rifletterà la vista esterna, dando l'impressione di una finestra aggiuntiva.
  • Anche in questo caso, se vi è possibile, scegliete dei mobili provvisti di contenitori per limitare il disordine nella stanza; un esempio può essere un ottomano che assume anche le funzioni di un tavolino. Lungo il perimetro della vostra stanza, posizionate un piccolo cassettone oppure una piccola credenza, invece di scegliere una semplice console, per aumentare le basi d’appoggio a disposizione.
  • Scegliete mobili che siano di piccole dimensioni, i negozi d’antiquariato sono un ottimo posto in cui ricercare mobili di dimensioni ridotte, perché una volta la dimensione media della stanza adibita a salotto era piuttosto piccola. Cercate divani, sedili e sedie minute.
  • Guardate in alto, il vostro tetto. Se il vostro piccolo salotto possiede soffitti alti, potrete sfruttare appieno lo spazio extra. Infatti, lo spazio verticale aiuterà a dare l'impressione che la vostra stanza sia molto più ampia e più grande.
  • Riducete le dimensioni del divano. In alcuni spazi un divano di una certa grandezza non va proprio bene; provate a sceglierne uno più piccolo con linee pulite e, possibilmente, le gambe a vista.
  • Proprio a questo proposito optate per un divano backless, infatti, in uno spazio aperto a volte la posizione migliore per il divano non è quella solita, vicino alla parete, ma è più indicata se posto in mezzo alla stanza. Un divano backless è un'alternativa che garantisce molto chic e può anche essere utilizzato da entrambi i lati, un bel vantaggio quando si hanno le opzioni di seduta abbastanza limitate. Inoltre, se un giorno si desidera usarlo in una stanza più grande potrete adottarlo come se fosse un divisorio tra due aree del grande salotto.
  • Aggiungete del verde: viva le piante. Come per la carta da parati e per gli specchi, anche le piante rappresentano un modo meraviglioso per aggiungere profondità ad un salotto di piccole dimensioni. Infatti, dotare una stanza di una lussureggiante vegetazione vi consentirà di ammorbidire gli angoli; l’uso delle piante è particolarmente efficace negli angoli e accanto le sedie ed i divani, oppure dietro gli stessi.
  • Quando si possiede uno spazio veramente piccolo, potrebbe non essere possibile dotare l’ambiente di un numero sufficiente di posti a sedere, perciò, un trucco per aggirare questo ostacolo potrebbe essere quello di fornirsi di alcune sedie pieghevoli o di una serie di sgabelli impilabili che si possono riporre in un armadio oppure sotto il letto e facili da estrarre quando servono.
  • Dotare un salotto di un divano non deve necessariamente rappresentare una regola, infatti, chi lo dice che un salotto deve avere un divano a tutti i costi? Quindi, se lo spazio è troppo ristretto, provate a sostituire il sofà con due, tre o anche quattro poltrone da posizionare attorno ad un bel tavolino da caffè.

Colori e materiali adatti

Se volete trovare il colore adatto per il vostro piccolo soggiorno dovrete optare per tutta una serie tonalità neutre che possono essere miscelate in modo molto funzionale con degli arredi dal design semplice e disegni monocromi da applicare al muro.

Dopo avere scelto il colore neutro che fa per voi, accostate le vostre pareti intonacate ad una realizzata in legno; in questo modo vi garantirete una stanza dall’atmosfera piacevole, calda e accogliente.

Infine, in una stanza monocromatica inserite uno stacco di colore che conferirà al vostro ambiente vitalità ed ottimismo; una buona alternativa è rappresentata dal colore giallo, che sia utilizzato per un divano in pelle, per un paio di cuscini di camoscio, per un tappeto moderno oppure per una tenda damascata.





Potrebbe interessarti

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tutti i bonus fiscali per la casa nel 2019

Buone notizie per chi progetta il rinnovo di casa propria nei prossimi mesi: la Legge Finanziaria ha prorogato per tutto il 2019 i Bonus Casa, ovvero le agevolazioni fiscali che permettono di ottenere importanti vantaggi economici quando si svolgono determinati lavori sul proprio immobile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Leggi tutto...
Go to Top