Quello che manca è sempre il tempo. Ma finalmente è arrivato il week end e non avete più scuse. Dovete fare un pò di manutenzione alla casa e soprattutto dovete montare quei due o tre mobili comprati durante la settimana appena terminata. Ebbene, mettetevi comodi e leggetevi la guida di oggi.

Per montare una mensola nel migliore dei modi, occorre non solo pazienza e precisione, ma anche molta accortezza nel reperire i materiali adatti e nella fase di costruzione. I lavori domestici stanno diventando per i padroni di casa un’occasione per arrangiarsi da soli in questi problemi risparmiando così i soldi della chiamata di uno specialista del settore.

Strumenti per montare una mensola

Matita, viti, tasselli, Martello, trapano (consigliamo da 9.6 V), punte da trapano per muro e per legno, livella.

Prima di cominciare, va verificato che la parete che stiamo per bucare non sia di un muro portante (difficilmente forabile) o contenga cavi e tubi. Esistono degli apparecchi appositi, denominati cercacavi, che svolgono questa funzione.

Usando una livella (le più comode sono quelle abolla d’aria) e una riga, fate un segno con la matita nello spazio in cui dovrà poggiare la base della mensola. A circa 10-15 cm di distanza (per sicurezza prendete comunque la misura del foro sulla base della mensola) segnate con una riga verticale la posizione dove andranno fissati i supporti. In caso la mensola superi il metro, è opportuno fissare 2 supporti.

Fissare la mensola alla parete

Appoggiate ora il supporto alla parete, facendo attenzione che il bordo superiore sia sistemato sulla riga orizzontale della mensola e segnate con la matita la posizione in cui andranno inserite le viti, lungo il segno verticale.
Ora con il trapano predisposto a forare il muro, trapanate dei fori adatti ai tasselli che state usando (i migliori sono il modello Fisher, dal nome del suo inventore).

Ora sistemate la base facendo corrispondere i fori con quelli praticati sul muro, e avvitate saldamente (in alcuni casi è opportuno frapporre delle rondelle fra la vite e la base della mensola).

Poggiare il ripiano

Dopo aver fissato tutte le viti alla parete, sistemate la mensola. Si può scegliere di fare dei buchi con il trapano ai lati del ripiano per fissare con le viti il ripiano stesso alle staffe di appoggio: in questo caso bisogna sempre fare i segni con la matita in modo che le staffe possano coincidere con i buchi da fare, sistemare la mensola su un tavolo e lavorare quindi con il trapano non sbagliando la punta per il foro da fare.

NB: è entrata nell'uso comune la denominazione di mensola per identificare il ripiano di legno su cui poggiamo il materiale. In realtà la mensola propriamente detta è la " L " che qui chiamiamo base o supporto, mentre il nome esatto di ciò che chiamiamo mensola è "ripiano".

L’importanza della livella

In tutto questo bisognerà usare spesso la livella che ci accompagnerà nel nostro lavoro per fare in modo che il ripiano installato non sia storto ma dritto: infatti quando si sono fissati i supporti e prima di fissare le viti, bisogna appoggiare la livella per capire se si sta procedendo nella giusta maniera: se i supporti sono allineati, di conseguenza anche il ripiano apparirà messo bene orizzontalmente e al quel punto si potranno stringere le viti dei supporti.

Per questi motivi, se si decide il “fai da te” per i lavori domestici, è bene prima acquistare o farsi dare in prestito una livella per eseguire un lavoro ben fatto: questo strumento è infatti indispensabile per la buona riuscita del come montare un ripiano.

La comodità dei lavori domestici “fai da te”

In tempi di crisi economica, un bilancio familiare è messo a dura prova dai conti e dalle spese quotidiane, che tra bollette, spesa, affitto, mutuo e quant’altro assorbe quasi tutto lo stipendio dei lavoratori. In ragione di questo, molte persone si stanno arrangiando da sole per provvedere da sè ai lavori domestici da fare in casa, come può essere come montare un ripiano ma anche cambiare la guarnizione di un rubinetto o di un lavandino, sistemare il piano della vasca da bagno, sostituire le lampadine scariche o dipingere alcuni elementi di casa (ad esempio i termosifoni) che hanno perso il colore vivo di un tempo.

D’altronde il ragionamento è semplice: se per questi “piccoli” problemi si dovesse chiamare lo specialista di riferimento (pittore, idraulico, elettricista) il conto delle spese aumenterebbe enormemente mettendo a serio rischio il bilancio familiare. Arrangiarsi in tutti i lavori domestici è una grandissima qualità e permette quindi di risparmiare un bel gruzzolo di soldi per future ed eventuali spese, come ad esempio l’ammodernamento o la ristrutturazione della propria casa.





Potrebbe interessarti

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Documenti per le volture Eni: sai cosa ti occorre?

Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Leggi tutto...
Go to Top