La grondaia è un canale di scolo necessario a far confluire l'acqua piovana (o la neve) dal tetto a terra, così da evitare deterioramenti dei punti in cui potrebbe crearsi un grave accumulo. In determinate zone della terra la scarsità di acqua ha spesso portato all’uso dei tetti e delle relative grondaie per raccogliere l’acqua piovana, o la neve sciolta, in un contenitore e riutilizzarla successivamente per irrigare o addirittura per l’uso domestico (previa bollitura).

Seppure le forme e i materiali impiegati possono variare molto, la maggior parte dei tetti del mondo è solitamente più o meno obliqua. Ovviamente l’usanza di costruire le coperture degli edifici in tal modo è data dalla necessità di proteggere le strutture sottostanti dagli agenti atmosferici. Primi fra tutti pioggia e neve. Ecco perchè ti consigliamo di seguire questa guida su come montare una grondaia.
Una forma piatta, o ancor peggio concava, farebbe accumulare l’acqua piovana o la neve sulla propria superficie. Nei casi più gravi questo potrebbe portare addirittura ad un cedimento strutturale. L’altra faccia della medaglia di un simile sistema di costruzione è la raccolta e conseguente caduta della pioggia lungo il perimetro dei tetti. Proprio per evitare ciò viene in aiuto l’uso della grondaia.

E' possibile sfruttare la grondaia anche per portare l'acqua al giardino o all'orto. Chi volesse realizzare o modificarne una ha di fronte a sè un lavoro non troppo facile, in quanto bisogna lavorare in equilibrio su scale di vario tipo. Altra difficoltà è certamente quella di mantenere una regolare pendenza lungo tutta la struttura della grondaia di modo da far confluire l’acqua ed evitare ristagno.

Vedremo più avanti come le grondaie richiedano, oltre allo sforzo iniziale per la loro costruzione, anche una regolare manutenzione per evitare si otturino, o che diventino ostello per nidi di uccelli e altri animali. Ecco ora la nostra guida per scoprire come montare una grondaia.

Materiali per costruirne una

Sai come montare una grondaia? Essa è costituita da segmenti lunghi quattro metri, realizzati fondamentalmente nei segueti materiali: rame, pvc, lamiera verniciata, lamiera laccata. Bisogna ponderare bene la scelta del materiale, in quanto ognuno hai suoi pregi e i suoi difetti. Il rame ad esempio è molto costoso, ma non arruginisce, così come il pvc; quest'ultimo è inoltre più leggero della lamiera, consigliata in quanto facilmente lavorabile e sostituibile al rame poichè può assumere lo stesso aspetto.

Strumenti per la realizzazione

come montare una grondaia

Per lavorare col rame e col metallo è indispensabile una sega da ferro, o meglio ancora una forbice da lamiera. Per prevenire che si formi la ruggine nelle zone in cui si è staccata la vernice a causa della lavorazione, è importante passare vernice antiruggine o del silicone. Prima di applicare qualunque prodotto, comunque va pulita per bene la zona della futura grondaia, passandoci del semplice alcool.

Dopo aver tagliato i pezzi e capito come montare una grondaia, è importante ripulire la zona con della carta vetrata, così da rendere la superficie liscia. Ora per procedere ad unire i vari pezzi, sfruttiamo il silicone trasparente.

Ora che sai come montare una grondaia ecco come applicarla al muro

come montare una grondaia

Una volta capito come montare una grondaia e averla creata, essa, va applicata al muro o al tetto attraverso delle staffe di sostegno, posizionate a circa 60 cm l'una dall'altra. Facendo attenzione ad utilizzare dei supporti adatti a sorreggerne non solo il peso, che ovviamente varia a seconda dei materiali impiegati, ma anche il peso di eventuali accumuli di acqua.

La difficoltà principale, come accennavamo in precedenza, consiste nel fatto di lavorare ad una certa altezza. Nel migliore dei casi ci troveremo almeno ad un piano da terra. Altezza non certo da sottovalutare in sicurezza. All’uopo suggeriamo in primis di non affrontare mai simili lavori in solitaria. Chiedete sempre a qualcuno di assistervi. Questo non solo renderà il lavoro più sicuro, ma anche più piacevole. Infine suggeriamo di utilizzare scale ben collaudate e di sicuro appoggio. Se possibile, soprattutto dal secondo piano in poi, suggeriamo inoltre di utilizzare una imbragatura di sicurezza, per evitare spiacevoli cadute, che trasformerebbero il banale lavoro su una grondaia in un evento funereo per voi e la vostra famiglia.

A questo punto va individuato il punto in cui vogliamo far confluire l'acqua, così da poter collegare i vari segmenti con il pezzo necessario allo scarico. Terminiamo l'opera incollando i tappi necessari a chiudere il "circuito".

A questo punto la grondaia è quasi pronta: bisogna solo aspettare che si asciughi il silicone, e poi si procederà a sistemare i tubi di scarico dell'acqua lungo la verticale, fissandoli in degli anelli distanziatori applicati sul muro ogni 2 metri. Ove possibile sarebbe consigliabile, non appena certi che il silicone si sia asciugato, testare la grondaia riversando acqua sul tetto, ad esempio aiutandosi con una pompa da giardino.

Speriamo che il nostro articolo su come montare una grondaia vi sia stato utile!




Potrebbe interessarti

Detrazione sull'affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita di un immobile: ecco la nostra guida

Plusvalenza nella vendita di un immobile

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Calcolo del valore di un immobile: come si effettua?

Calcolo del valore di un immobile

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi anche...

Recupero edilizio, quali gli interventi compresi nel Bonus Ristrutturazione

RISTRUTTURAZIONE min

Per incentivare il miglioramento delle strutture abitative private e condominiali, il Governo italiano in questi anni ha ideato e avviato diverse iniziative, tra le quali il cosiddetto Bonus Ristrutturazione. Questo consente di ottenere il rimborso di una quota delle spese effettuate per lavori di ristrutturazione, riguardanti un’abitazione principale oppure le seconde case o, ancora, di parti comuni di edifici condominiali. In tali lavori di ristrutturazione sono compresi anche quelli connessi al recupero edilizio.

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette: quel che c'è da sapere

domiciliazione bancaria

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Go to Top