Con questo articolo cerchiamo di venire incontro a chi dovesse trovarsi di fronte ad un drammatico inconveniente che può verificarsi in casa: il wc otturato. Spesso questo problema è dovuto poichè si gettano nel sanitario, prodotti non consoni ad essere scaricati, che quindi creano un tappo all'interno della via che porta alla tubatura.

Cosa fare in caso di sanitario otturato?

Per poter risolvere l'urgenza di un sanitario intasato, senza ricorrere ad un idraulico, si possono adottare varie tecniche, più o meno impegnative, finchè non si arriva alla soluzione del problema.

Il primo passo è quello di provare con la tipica ventosa: si versa dell'acqua nello scarico e poi si applica l'arnese sulla bocca dello stesso, azionandola con forza a più riprese.

Gli strumenti per liberare il wc

Passiamo poi ad una speciale pistola ad aria, che una volta caricata tramite una piccola pompa, può sparare un getto d'aria nello scarico che dovrebbe liberarci dal problema.

Se l'otturazione non si risolve, si può provare con il liquido sgorgante: si tratta di un liquido speciale che va gettato nello scarico per provare a sciogliere il materiale che crea l'intasamento. Fare molta attenzione nel maneggiare questo tipo di liquido di natura caustica.

Esiste poi una sonda, costituita da acciaio flessibile, che va inserita nello scarico e azionata rapidamente con un trapano elettrico. Questo dispositivo arriva fino al deposito creatosi, frantumandolo.

Svitare il sifone con l'intervento dell'idraulico

Se nessuno di questi rimedi funziona, occorrerà agire direttamente alla fonte, svitando il bicchiere del sifone del sanitario per poi pulire lì dove si presenta il problema, facendo poi attenzione a riavvitare per bene il tutto.

Altri rimedi utili fai da te

Purtroppo il wc otturato è un problema che si verifica in molte case, soprattutto nelle famiglie con bambini, i quali spesso gettano all’interno del water ogni genere di sporcizia e oggetto vario. Di seguito sono illustrati altri utili rimedi che possono essere messi in pratica per liberare il proprio wc.

  • Molto spesso gli ingorghi sono provocati da un accumulo di carta igienica all’interno del water, in questo caso, prima di usare metodi più drastici, è consigliabile aspettare qualche ora, possibilmente tutto il giorno e aspettare che lo scarico si liberi da solo. In alcuni casi infatti, l’ingorgo, grazie alla forza di gravità e alla pressione dell’acqua si libera da solo.
  • E’possibile rendere più veloce il processo sopra descritto gettando nel wc una pentola di acqua bollente. In alcuni casi la temperatura elevata dell’acqua è in grado di liberare gli ingorghi. E’consigliabile eseguire sei movimenti energici dall’alato verso il basso con l’apposito spazzolino del water.
  • Nel caso in cui lo scarico dia i primi segni di ingorgo e l’acqua scende lentamente, è consigliabile intervenire immediatamente ed evitare così che l’otturazione peggiori, versando nel water mezzo bicchiere di sale grosso e poi mezzo di bicarbonato. Successivamente è utile versare una pentola di acqua bollente e tirare lo sciacquone.
  • Posizionare lo sturalavandino sopra il foro del wc e fare pressione per alcuni secondi, trascorsi i quali è necessario tirare lo sciacquone per far liberare del tutto l’occlusione.
  • Versare un bicchiere di shampoo o sapone liquido o detersivo dei piatti all’interno del water e poi tirare lo sciacquone. E’preferibile utilizzare prodotti che siano rispettosi dell’ambiente.
  • Avvolgere un vecchio asciugamano intorno alla mano, infilarla poi nel foro del wc e fare dei movimenti veloci verso l’alto e verso il basso, in modo che l’acqua eserciti una pressione sull’intasamento. E’possibile utilizzare lo spazzolino del water al posto della mano.
  • Inserire un pezzo di fil di ferro piegato all’interno del water e cercare di liberare l’ostruzione.

Quando si cerca di eliminare un’ostruzione dal water è importante chiudere il flusso d’acqua della toilette, utilizzare dei guanti protettivi per le mani e far arieggiare la stanza.





Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro Enel: scopri la procedura per richiederlo

Il subentro è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Leggi tutto...
Go to Top