Con questo articolo cerchiamo di venire incontro a chi dovesse trovarsi di fronte ad un drammatico inconveniente che può verificarsi in casa: il wc otturato. Spesso questo problema è dovuto poichè si gettano nel sanitario, prodotti non consoni ad essere scaricati, che quindi creano un tappo all'interno della via che porta alla tubatura.

Cosa fare in caso di sanitario otturato?

Per poter risolvere l'urgenza di un sanitario intasato, senza ricorrere ad un idraulico, si possono adottare varie tecniche, più o meno impegnative, finchè non si arriva alla soluzione del problema.

Il primo passo è quello di provare con la tipica ventosa: si versa dell'acqua nello scarico e poi si applica l'arnese sulla bocca dello stesso, azionandola con forza a più riprese.

Gli strumenti per liberare il wc

Passiamo poi ad una speciale pistola ad aria, che una volta caricata tramite una piccola pompa, può sparare un getto d'aria nello scarico che dovrebbe liberarci dal problema.

Se l'otturazione non si risolve, si può provare con il liquido sgorgante: si tratta di un liquido speciale che va gettato nello scarico per provare a sciogliere il materiale che crea l'intasamento. Fare molta attenzione nel maneggiare questo tipo di liquido di natura caustica.

Esiste poi una sonda, costituita da acciaio flessibile, che va inserita nello scarico e azionata rapidamente con un trapano elettrico. Questo dispositivo arriva fino al deposito creatosi, frantumandolo.

Svitare il sifone con l'intervento dell'idraulico

Se nessuno di questi rimedi funziona, occorrerà agire direttamente alla fonte, svitando il bicchiere del sifone del sanitario per poi pulire lì dove si presenta il problema, facendo poi attenzione a riavvitare per bene il tutto.

Altri rimedi utili fai da te

Purtroppo il wc otturato è un problema che si verifica in molte case, soprattutto nelle famiglie con bambini, i quali spesso gettano all’interno del water ogni genere di sporcizia e oggetto vario. Di seguito sono illustrati altri utili rimedi che possono essere messi in pratica per liberare il proprio wc.

  • Molto spesso gli ingorghi sono provocati da un accumulo di carta igienica all’interno del water, in questo caso, prima di usare metodi più drastici, è consigliabile aspettare qualche ora, possibilmente tutto il giorno e aspettare che lo scarico si liberi da solo. In alcuni casi infatti, l’ingorgo, grazie alla forza di gravità e alla pressione dell’acqua si libera da solo.
  • E’possibile rendere più veloce il processo sopra descritto gettando nel wc una pentola di acqua bollente. In alcuni casi la temperatura elevata dell’acqua è in grado di liberare gli ingorghi. E’consigliabile eseguire sei movimenti energici dall’alato verso il basso con l’apposito spazzolino del water.
  • Nel caso in cui lo scarico dia i primi segni di ingorgo e l’acqua scende lentamente, è consigliabile intervenire immediatamente ed evitare così che l’otturazione peggiori, versando nel water mezzo bicchiere di sale grosso e poi mezzo di bicarbonato. Successivamente è utile versare una pentola di acqua bollente e tirare lo sciacquone.
  • Posizionare lo sturalavandino sopra il foro del wc e fare pressione per alcuni secondi, trascorsi i quali è necessario tirare lo sciacquone per far liberare del tutto l’occlusione.
  • Versare un bicchiere di shampoo o sapone liquido o detersivo dei piatti all’interno del water e poi tirare lo sciacquone. E’preferibile utilizzare prodotti che siano rispettosi dell’ambiente.
  • Avvolgere un vecchio asciugamano intorno alla mano, infilarla poi nel foro del wc e fare dei movimenti veloci verso l’alto e verso il basso, in modo che l’acqua eserciti una pressione sull’intasamento. E’possibile utilizzare lo spazzolino del water al posto della mano.
  • Inserire un pezzo di fil di ferro piegato all’interno del water e cercare di liberare l’ostruzione.

Quando si cerca di eliminare un’ostruzione dal water è importante chiudere il flusso d’acqua della toilette, utilizzare dei guanti protettivi per le mani e far arieggiare la stanza.



Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

I più condivisi

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di mediazione immobiliare

Il contratto di mediazione immobiliare, disciplinato dagli artt. 1754 - 1765 c.c. regola l’attività di chi intende affidarsi a un mediatore (es.agenzia immobiliare), per la compra-vendita di un'abitazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

I vari tipi di pannelli solari ed il loro costo

Negli ultimi anni, si tendono a vedere sempre più diffusamente vari impianti di pannelli solari, sia sulle abitazioni private che sugli edifici di enti pubblici. Una tendenza destinata ulteriormente a crescere, considerando la convenienza, anche economica, a produrre energia elettrica in maniera autonoma.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La voltura del gas: procedura e documenti necessari

Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

Leggi tutto...
Go to Top