Riflettere sull'entità dello sforzo e quindi su come fare un trasloco. Il dilemma è sempre fra fai da te e ditta specializzata. Di base quello che muove la scelta è il costo dell'operazione: ma che prezzo ha un lavoro faticoso, pesante e di scarsa qualità fatto da noi a confronto dell'efficienza e qualità di un'operazione specializzata?

La differenza nelle operazioni si nota subito. Innanzitutto, le ditte hanno mezzi adatti al ruolo, mentre il privato sarebbe costretto ad affittare furgoni e a chiedere aiuto ad amici e conoscenti per rinfoltire la forza lavoro. In secondo luogo, la consapevolezza del lavoro permette ai professionisti di ridurre le possibilità di rovinare i mobili, cosa che non può essere garantita da un lavoro approssimativo.

Come fare un trasloco: chiedere il preventivo 

Chiaramente se avete molte cose da portare con voi, il nostro consiglio è di evitare il fai da te e di affidare il tutto a un’azienda specializzata. Immaginate di vivere in una grande città come Milano e di dover cambiare casa! Caos, traffico e difficoltà negli spostamenti renderebbero il vostro trasloco un incubo; in questo caso la soluzione migliore è certamente quella di affidarsi a una ditta di traslochi Milano.

Per quanto concerne la ricerca della ditta a cui affidare il proprio trasloco, il suggerimento è sempre quello di chiedere più preventivi in maniera tale da poter confrontare non solo i prezzi ma anche i servizi offerti. Il costo, infatti, non è l’unica variabile da considerare nella selezione di questa o di quell’azienda; è sempre bene anche valutare i servizi che ci vengono messi a disposizione in modo tale da scegliere quelli che più si addicono alle nostre esigenze.

Chi contattare?

Quando si pensa a come fare un trasloco vanno inoltre informate le Poste, per il cambio di indirizzo, e le Società e l'Amministratore, se si vive in condominio, del trasferimento dei servizi di: energia elettrica, gas, acqua, telefono.

Bisogna avvisare anche il Comune, l'anagrafe e gli Enti, per eventuali altri oneri da risolvere; l'idraulico per accertamenti nella nuova casa, andrà prenotato per il tardo pomeriggio o per il giorno successivo al trasloco. Quando infine si lascia la vecchia casa, si deve: chiudere acqua e gas, effettuare tutte le letture e abbassare l'interruttore generale dell'Enel.

Come fare un trasloco: i mobili di casa

Tra due parti di mobili da affiancare, è consigliabile interporre una coperta oppure un cartone grande, a meno che le parti non siano perfettamente lisce e quindi messe a contatto direttamente.

Come fare un trasloco nonostante la burocrazia 

immagine per come fare un trasloco

Per l'acqua, bisognerà avvisare con tre settimane di anticipo; se si vive in condominio, non servono disdette perché l'acqua è condominiale. Per contratti privati, sarà necessario recarsi presso il Comune di residenza e compilare l'apposito modulo. Si dovrà dare disdetta solo se il nuovo inquilino non farà il trapasso entro 60 giorni.

Se il trasferimento di casa coinvolge piante ed animali?

Si potrebbe anche decidere di portare gli animali da parenti, amici o pensioni apposite; ciò consentirebbe la totale libertà d'azione durante il trasloco. Come fare un trasloco in questo caso?

Scatole per il trasloco: quali scegliere?

Preparare le scatole e gli scatoloni per il trasloco può essere più veloce e semplice di quanto si pensi se si pensa a come fare un trasloco e a come si utilizzano i materiali e i metodi corretti.
Oltre a rivolgersi ad una ditta specializzata, il miglior consiglio che possiamo darvi è quello di pianificare tutto nei minimi dettagli: un po’ faticoso, è vero, ma risparmierete molto del vostro tempo una volta arrivati nel vostro nuovo appartamento.

Per prima cosa assicuratevi di avere scatole e scatoloni di ogni misura, carta da giornale, imballaggio pluriball che serve per proteggere gli oggetti più delicati e vecchie lenzuola utili per coprire i mobili.

Per quanto riguarda le scatole, le dimensioni più utilizzate perché ottimali sono le 30 x 40 cm o le 40 x 50 cm e vi consigliamo di acquistare quelle a doppia onda per gli oggetti più pesanti in quanto più resistenti e quelle a singola onda per gli oggetti meno pesanti e “importanti”.

In genere, le ditte specializzate forniscono scatole molto resistenti e sono anche disponibili ad occuparsi personalmente dell’imballaggio, inoltre può convenire rivolgersi a loro per via delle agevolazioni in termini di costo.

Naturalmente non possiamo dirvi con certezza quante scatole vi occorreranno, ma possiamo dire con certezza che spesso la quantità di oggetti posseduta è nettamente superiore rispetto al previsto e quindi è sempre meglio  abbondare e magari conservarle e non rischiare di trovarsi senza.

Imballaggio: alcuni consigli utili su come fare un trasloco

trasloco11

La preparazione delle scatole è forse il momento più lungo ma può essere un buon pretesto per organizzarsi bene.
La prima fase potremmo definirla “di pulizia”, cambiare casa, infatti, può essere un buon momento per eliminare tutto quello che non viene utilizzato spesso o che non serve proprio più.

Il consiglio, infatti, è quello di iniziare a dare un’occhiata anche con un mese di anticipo e verificare quali oggetti si vogliono dare in beneficenza, vendere o regalare agli amici, finendo per ottenere una selezione di oggetti da portare nella nuova casa.
La seconda fase coincide con quella del riempimento delle scatole ed il consiglio è quello di fare un quantitativo di scatole per ogni stanza e di iniziare soprattutto dai locali meno utilizzati.

La terza fase viene spesso sottovalutata ma è forse la più importante, una volta giunti nella nuova casa, infatti, dovreste già far scaricare le scatole e depositarle nelle rispettive stanze e farli porre al centro in modo tale di potervi muovere tranquillamente i giorni successivi.
Procedete, ovviamente, per necessità e quindi iniziate svuotando gli scatoloni contenenti gli oggetti di utilizzo quotidiano.




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi anche...

Documenti Mutuo: la documentazione di solito richiesta per un preventivo mutuo

Prima di iniziare a girovagare tra agenzie immobiliari e visite negli appartamenti in vendita dei privati, è bene ottenere qualche preventivo per il mutuo per essere certi che l'istituto di credito eroghi l'importo necessario per l'acquisto di una nuova casa. Quasi tutte le banche, online o meno, consentono di avere un preventivo in base alla propria situazione patrimoniale.

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top