Arredare casa con stile è un compito impegnativo, ma con i dovuti accorgimenti può garantire risultati impeccabili: è per questo motivo che abbiamo deciso di chiedere consiglio allo staff di Arredamenti Pomezia Mariobianchimobili.com, che dal 1951 si occupa di ambienti casalinghi a Roma e dintorni. Quali sono, allora, le accortezze a cui è necessario far riferimento per migliorare la resa estetica del proprio appartamento?

Il mood giusto

Prima di tutto, è essenziale individuare un mood appropriato e che sia coerente in tutti gli ambienti della casa, per assicurare un'atmosfera gradevole. A tale scopo, c'è bisogno di scelte di stile decise, anche per quello che riguarda i colori, che si ripetano in tutti i locali.

L'idea di casa

Per trovare lo stile migliore è necessario pensare alle proprie abitudini all'interno del contesto domestico e a quali esigenze devono essere soddisfatte. Per esempio, per un living conviviale e aperto in cui accogliere gli ospiti, si può pensare di addossare i vari elementi di arredo contro le pareti.

Lo spazio

La ricerca dello spazio è altrettanto importante, a maggior ragione nel caso in cui si abbia a che fare con una location dalla metratura limitata. Per questo, di tanto in tanto vale la pena di rimuovere quello che non serve più. Non si tratta di svuotare le stanze, ma solo di dire addio al superfluo per raggiungere il migliore equilibrio e la massima armonia possibile.

La disposizione degli elementi

Ogni dettaglio va studiato con cura, a cominciare dalla disposizione dei vari arredi e oggetti che, insieme, devono dare vita a una vera e propria scenografia che sia funzionale e al tempo stesso decorativa. Per avere un'idea più efficace della resa finale, si può anche pensare di scattare una foto.

I materiali

I materiali che assicurano i risultati migliori sono quelli più autentici, come per esempio le fibre naturali e il legno. I dettagli in pelle sono preziosi ed eleganti, ma ovviamente molto dipende dallo stile che si ha in mente.

L'equilibrio tra i vuoti e i pieni

Non sempre si presta la dovuta attenzione all'equilibrio che ci deve essere tra i pieni e i vuoti: eppure è indispensabile pianificare una composizione ben studiata, affinché l'effetto estetico sia uniforme.

Nascondere i difetti

Non esiste casa senza difetti, ed è per questo che ci si deve impegnare nel celare o provare a mascherarli. Per neutralizzare le pecche dell'abitazione è sufficiente fare in modo che l'attenzione si concentri altrove. Per esempio, se si ha a che fare con un pavimento rovinato o con le fughe scure, può essere utile ricorrere a uno o più tappeti che, in un certo senso, lo vestano.

Il verde in casa

Lo stile di un appartamento non può prescindere dalla presenza del verde: anche se lo spazio a disposizione è poco, le piante sono sempre indispensabili per dare un tocco di colore. Che siano succulente o grasse, quel che conta è che rompano la monotonia del contesto.

Ottimizzare gli spazi

Quando gli ingombri sono eccessivi, è consigliabile ricorrere a soluzioni di storage a vista che permettono di sopperire alla mancanza di spazi. Le coperte e i cuscini, per esempio, possono trovare posto all'interno di un cesto, che oltre a essere funzionale verrà ritenuto un autentico elemento decorativo.

I colori

La scelta dei colori a volte può essere drammatica, e molti interior designer suggeriscono di non superare il numero tre. Al massimo tre tonalità cromatiche, dunque, per un comfort visivo che non stressi gli occhi. Una volta individuate le nuance su cui si vuole puntare, non bisogna far altro che stabilire quale sarà quella dominante e organizzare la loro presenza con criterio, sempre esprimendo creatività e fantasia.



Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

I più condivisi

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Risoluzione contratto di locazione: cosa fare

La cessazione di un contratto di locazione può avvenire sia per motivi fisiologici, come la naturale scadenza dell’affitto, o per motivi inerenti al proprietario o all’inquilino. Talvolta, per quanto riguarda invece gli esercizi commerciali, sono proprio i canoni d’affitto ad essere i motivi principali della cessazione del contratto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Negozi di Mobili a Milano: info e contatti

Di seguito riportiamo una serie di consigli su dove acquistare i mobili del vostro appartamento o del vostro ufficio a Milano. La città Lombarda propone in questo molti spunti utili, interessanti ed economici. Presenti anche i riferimenti ufficiali di ogni struttura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento bollette: cosa succede dopo la scadenza?

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti.

Leggi tutto...
Go to Top