Arredare casa con stile è un compito impegnativo, ma con i dovuti accorgimenti può garantire risultati impeccabili: è per questo motivo che abbiamo deciso di chiedere consiglio allo staff di Arredamenti Pomezia Mariobianchimobili.com, che dal 1951 si occupa di ambienti casalinghi a Roma e dintorni. Quali sono, allora, le accortezze a cui è necessario far riferimento per migliorare la resa estetica del proprio appartamento?

Il mood giusto

Prima di tutto, è essenziale individuare un mood appropriato e che sia coerente in tutti gli ambienti della casa, per assicurare un'atmosfera gradevole. A tale scopo, c'è bisogno di scelte di stile decise, anche per quello che riguarda i colori, che si ripetano in tutti i locali.

Ma come possiamo comprendere quale sia il nostro stile? Molti di noi infatti possiedono dei gusti variegati, preferiscono più colori che spesso non stanno bene tra di loro, oppure oggetti dai colori sgargianti o dalle forme particolari che non sempre stanno su ogni mobile della casa.
Insomma, riuscire a dare ordine ai propri gusti è difficile come dare ordine ai propri pensieri, soprattutto perché quando si tratta di arredare la propria casa bisogna riuscire a creare equilibrio.

Forse il modo migliore per capirvi meglio è seguire una piccola guida alla scoperta di voi stessi e di cosa, presumibilmente, vi rende felici.

Ecco i miei consigli:

  • Pensate a qualcosa che non vi faccia stancare, magari ripensando a ciò che vi piaceva fare da bambini o a ciò che apprezzavate, magari i colori che più vi piacevano o gli oggetti per cui andavate matti, qualunque essi siano;
  • Pensate all’atmosfera che desiderate creare, tante volte durante l’adolescenza avrete probabilmente pensato a come cambiare la vostra camera per renderla più personale, per cambiarne l’atmosfera, partite da quest’atmosfera che desiderate creare e da lì procedete a ritroso cercando di capire che genere di colori, mobili e tessuti risultano coerenti con essa;
  • Scattate una foto agli oggetti che vi piacciono e che volete assolutamente nella vostra casa, per quando possano stare male insieme probabilmente un professionista riuscirà a trovare il nodo che tiene insieme il tutto;
  • Fate una lista di tutto ciò che vorreste fosse nella vostra casa a giornata finita, indipendentemente dal prezzo che spesso ci spinge a non sognare in grande, partendo da questi potreste trovare facilmente il vostro stile partendo dal designer che vi ha ispirati;
  • Pensate al vostro viaggio dei sogni e a ciò che rende famoso quel luogo in tutto il mondo, basti pensare all’eleganza di Parigi o ai colori caldi di Barcellona, questo potrebbe affascinarvi ed indirizzarvi;
  • concentratevi su ciò che non vi piace, spesso comprendere ciò che non vogliamo alla fine ci aiuta a vedere più nitidamente quello che ci piace.
    Son sicura che seguendo anche solo alcune di queste direttive riuscirete a trovare lo stile migliore e ad essere soddisfatti della vostra casa e, una volta tornati da lavoro, con la stanchezza sulle spalle, amerete l’atmosfera e tutto ciò che vi circonda, soprattutto perché lo avete creato voi con tempo, cura ed attenzione.

L'idea di casa

Per trovare lo stile migliore è necessario pensare alle proprie abitudini all'interno del contesto domestico e a quali esigenze devono essere soddisfatte. Per esempio, per un living conviviale e aperto in cui accogliere gli ospiti, si può pensare di addossare i vari elementi di arredo contro le pareti.

Lo spazio

La ricerca dello spazio è altrettanto importante, a maggior ragione nel caso in cui si abbia a che fare con una location dalla metratura limitata. Per questo, di tanto in tanto vale la pena di rimuovere quello che non serve più. Non si tratta di svuotare le stanze, ma solo di dire addio al superfluo per raggiungere il migliore equilibrio e la massima armonia possibile.

La disposizione degli elementi

Ogni dettaglio va studiato con cura, a cominciare dalla disposizione dei vari arredi e oggetti che, insieme, devono dare vita a una vera e propria scenografia che sia funzionale e al tempo stesso decorativa. Per avere un'idea più efficace della resa finale, si può anche pensare di scattare una foto.

I materiali

I materiali che assicurano i risultati migliori sono quelli più autentici, come per esempio le fibre naturali e il legno. I dettagli in pelle sono preziosi ed eleganti, ma ovviamente molto dipende dallo stile che si ha in mente.

L'equilibrio tra i vuoti e i pieni

Non sempre si presta la dovuta attenzione all'equilibrio che ci deve essere tra i pieni e i vuoti: eppure è indispensabile pianificare una composizione ben studiata, affinché l'effetto estetico sia uniforme.

Nascondere i difetti

Non esiste casa senza difetti, ed è per questo che ci si deve impegnare nel celare o provare a mascherarli. Per neutralizzare le pecche dell'abitazione è sufficiente fare in modo che l'attenzione si concentri altrove. Per esempio, se si ha a che fare con un pavimento rovinato o con le fughe scure, può essere utile ricorrere a uno o più tappeti che, in un certo senso, lo vestano.

Il verde in casa

Lo stile di un appartamento non può prescindere dalla presenza del verde: anche se lo spazio a disposizione è poco, le piante sono sempre indispensabili per dare un tocco di colore. Che siano succulente o grasse, quel che conta è che rompano la monotonia del contesto.

Ottimizzare gli spazi

Quando gli ingombri sono eccessivi, è consigliabile ricorrere a soluzioni di storage a vista che permettono di sopperire alla mancanza di spazi. Le coperte e i cuscini, per esempio, possono trovare posto all'interno di un cesto, che oltre a essere funzionale verrà ritenuto un autentico elemento decorativo.

I colori

La scelta dei colori a volte può essere drammatica, e molti interior designer suggeriscono di non superare il numero tre. Al massimo tre tonalità cromatiche, dunque, per un comfort visivo che non stressi gli occhi. Una volta individuate le nuance su cui si vuole puntare, non bisogna far altro che stabilire quale sarà quella dominante e organizzare la loro presenza con criterio, sempre esprimendo creatività e fantasia.





Potrebbe interessarti

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposta di registro contratti di locazione: una rapida spiegazione!

In materia di locazioni e di acquisto di immobili da adibire per vari usi, da quello abitativo a quello di natura commerciale, oltre alla stipula di un contratto d'affitto o di compravendita, è necessario pagare delle tasse e diversi tipi di imposte.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Impianti fotovoltaici. Funzioni, caratteristiche e tutte le novità del 2018

È davvero così conveniente? È la domanda più comune quando si parla di fotovoltaico. Oggi è inoltre possibile rivedere l’energia prodotta e non consumata e ricavare degli importanti vantaggi economici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top