Dopo aver preso la decisione di acquistare o prendere in affitto un immobile, a meno che l'abitazione in questione non sia in buono stato e arredata, sono necessarie delle modifiche più o meno complesse: tubature, verniciatura, sostituzione infissi e così via. Solo dopo tutti questi lavori ci si potrà dedicare all'arredamento degli interni della vostra casa.

Dedicarsi poi all'arredamento della nuova abitazione è un'operazione molto interessante che, se fatta in un certo modo, aiuta a rendere la casa stessa più confortevole e conforme ai gusti di chi dovrà andarci ad abitare. L'arredamento d'interni è infatti una vera e propria arte creativa utile a rendere la casa originale, vivibile e a misura del futuro abitante della stessa.

Detto anche design degli interni oppure interior design, è nato proprio per la progettazione degli ambienti interni all'abitazione.

Consigli utili nella scelta

Parlare in generale di arredamento d'interni è impossibile: ogni lampade, cassettiera, decorazione da parete dev'essere giudicata nel suo contesto, non in astratto. Scegliete il giusto connubio fra funzionalità ed estetica. Questo vale per quegli spazi utili che si vivono ogni giorno, ovvero cucina, bagno, sgabuzzino e, un po' meno, camera da letto. È inutile scegliere un bellissimo arredamento se poi è scomodo: meglio qualcosa di classico ma che renda la vita più semplice.

Non sottovalutate l'illuminazione. Non è detto che ogni stanza debba avere un solo punto luce, anzi: la regola è un lampadario a soffitto e una lampada da terra. La valutazione, in ogni caso, deve tener conto delle attività che si svolgono in quella stanza.

Rivolgersi ad un arredatore

L'arredamento d'interni può essere realizzato direttamente da chi dovrà successivamente abitare l'immobile oppure da un professionista del settore: l'arredatore d'interni. Esso dovrà essere capace di valutare le caratteristiche pratiche e funzionali che l'abitazione può offrire, tenendo anche in considerazione l'aspetto puramente estetico.

L'interior design o l'architetto d'interni dovrà dunque essere in grado di creare spazi eleganti, provvisti di tutti i comfort, utilizzando in modo adeguato ed equilibrato tutti gli spazi disponibili, prestando particolare attenzione alla qualità dei materiali utilizzati.

Scegliere i mobili per arredare casa

Per decidere in merito all'arredamento degli interni, sarà necessario valutare diversi fattori; la prima cosa da tenere in considerazione è lo spazio che si ha a disposizione e che si dovrà riempire con i mobili.

Nella scelta dei mobili si dovrà inoltre seguire il gusto personale, optando per i colori e le linee che più ci piacciono, anche tendendo conto dei colori delle pareti e dei pavimenti. Per l'acquisto dei mobili utili all'arredamento della vostra casa, bisognerà invece valutare bene il budget a disposizione optando per quei negozi di arredamento per la casa che sono più vicini alle vostre esigenze economiche.

Elettrodomestici, elettronica, piante e complementi d'arredo

Dopo aver arredato la vostra abitazione con la scelta dei mobili, si potrà passare alla selezione dei casalinghi e di tutto l'apparato elettronico che si desidera acquistare.

Donano poi una fascino particolare all'ambiente, soluzioni per l'illuminazione come quelle proposte da BTicino, che permettono di personalizzare l'ambiente domestico come più lo si desidera.

Adesso fanno parte dei complementi d'arredo anche lavatrici, elettrodomestici e simili; infatti non si potrebbe vivere senza tutti questi oggetti, che aiutano a rendere la vita casalinga più comoda e a facilitare i lavori di pulizia della casa stessa.

Molto spesso gli elettrodomestici sono ad incasso e comunque si acquistano insieme ai mobili, soprattutto se si vuole recuperare spazio. Le ultime cose da scegliere saranno poi i televisori, gli impianti stereo e tutto l'apparato high tech che si vuole avere all'interno della propria abitazione.

Per completare l'opera di arredamento della vostra casa ci si potrà infine dedicare alla scelta di quadri, lampade e complementi d'arredo originali e unici, e all'acquisto di piante da interno ed esterno, soprattutto se si possiede un giardino, un balcone o una terrazza che necessitano di essere abbelliti e colorati con un po' di verde.

Guida alla scelta del materasso

La scelta del letto e del materasso più adatto alle proprie esigenze non è una decisione meramente estetica, ma coinvolge un aspetto molto più importante come la salute. La scelta di un determinato materasso può essere infatti fattore influente nella qualità del sonno; a sua volta, la qualità del sonno è strettamente collegata alla qualità della vita e al vigore psicofisico.

Il legame tra la scelta di materassi adeguati alle proprie esigenze e salute non è limitato solo al perseguimento di un sonno senza interruzioni, ma anche all’eventuale insorgenza di problemi alla colonna vertebrale.

Evidenziati quindi due aspetti importanti, vediamo come procedere. Nel momento in cui ci si reca in un negozio per la scelta del materasso, ci si troverà di fronte a varie tipologie, come i materassi in lattice, i materassi cosiddetti ortopedici, materassi a molle, materassi memory.

Tipologie di materassi: a molle, ortopedici, memory

I materassi a molle sono la tipologia più richieste diffusa a livello mondiale. Nonostante ciò, molto spesso si ignora l’esistenza di diversi tipi di molle con caratteristiche e proprietà ben precise, che incidono sensibilmente nella percezione di confort e comodità.

Sono capaci di adattarsi alla forma del corpo modellandosi alle sue forme e facendo percepire di conseguenza una sensazione di comodità. Terminiamo con i materassi cosiddetti ortopedici, con i quali si intende una tipologia di materassi rigidi e sostenuti che hanno come requisiti il mantenimento dell’ allineamento della spina dorsale, la diminuzione della pressione e regolamento della temperature del corpo.

Quando vi hanno detto che il cuore della casa è la cucina, be', vi hanno mentito. Il vero cuore della casa è la camera da letto. La cucina al massimo è il cervello. E' la vostra stanza quella che vivete di più, che personalizzate, il vostro angolo speciale da condividere col partner, con un fratello o semplicemente con un paio di bambole e qualche peluches. Dovete renderla accogliente ed invitante. Un angolo di paradiso su misura per voi...

Avete acquistato da poco casa, o vi siete trasferiti e avete intenzione di iniziare ad arredare la camera da letto? Ecco alcuni consigli, in particolari rivolti alla scelta del miglior letto dove trascorrere notti tranquille.

La scelta del letto non riguarda solo un fattore economico o estetico, ma essendo direttamente correlata con la qualità del sonno e quindi con la propria salute, deve tenere conto delle proprie esigenze e di quelle delle diverse tipologie di letti in commercio.

Letti contenitore e letti matrimoniali per la camera

Fra le diverse situazioni per arredare la camera da letto, alcune sono consigliate in caso di particolari esigenze fisiche, altre rispondono a caratteristiche di ottimizzazione degli spazi come ad esempio i letti contenitori. Riguardo a questi ultimi, la diffusione è dovuta alla tendenza nel settore edile di una progressiva diminuzione degli spazi interni, a scapito soprattutto della zona notte.

La nascita del modello con contenitore permette quindi di recuperare più spazio grazie un meccanismo di leve che consente al materasso di sollevarsi e lasciare scoperta una zona libera da riempire.
Un aspetto fondamentale nella scelta sono i materiali: un letto con contenitore realizzato con materiali non di qualità potrebbe comportare nel tempo una difficoltà di azionare il meccanismo proprio di questo tipo di letti, facendogli perdere molta della sua funzionalità; oltre al meccanismo, è importante fare attenzione al materiale con cui vengono realizzati: le strutture in legno o multistrato sono più durature infatti dei letti realizzati in truciolato.

Una tipologia altrettanto diffusa è quello matrimoniale, la cui scelta è strategica in quanto posizionato in una zona della casa riservata. Sono differenti, a partire dai materiali tra cui si può scegliere: pelle, ecco pelle, tessuto abbinati a centinaia di tonalità.

La disposizione dell'arredamento in camera

La disposizione è importante: non dovrebbe creare un ingombro eccessivo all’interno della stanza creando difficoltà di movimento o togliendo spazio a elementi importanti come comodini e armadio; una regola generale è lasciare 50 cm ai due lati del letto e fare attenzione che l’armadio non sbatta contro di esso aprendo le ante.

Il letto solitamente è ubicato a ridosso di un muro, ma se si sceglie di porlo al centro della stanza è opportuno scegliere una testata in modo da evitare la caduta dei cuscini e avere un sostegno in caso si stia seduti. La scelta coinvolge anche gli elementi che vi stanno sopra: alcuni modelli rotondi ad esempio non possono contenere la rete ma un pannello in multistrato. Una scelta opportuna, sarebbe quindi quella di acquistarlo insieme a rete e materasso in modo tale da verificarne immediatamente la compatibilità reciproca.

Per le ragazze

Il rosa è un must per le camere femminili, ma non l'unica soluzione. L'ideale è scegliere dei mobili dalla tonalità neutra, come un bianco sporco o un ciliegio chiaro, in modo che qualsiasi combinazione di colore risulti gradevole alla vista. Ricordate che i soprammobili danno un tocco di allegria, potete mettere su una mensola o sulla scrivania una foto scattata in compagnia della vostra migliore amica o del vostro cane. Un tocco di classe è dato dalle candele e dalle lanterne, molto di moda negli ultimi tempi: provate a sistemare su un ripiano una piccola lanterna bianca con una candela colorata e un paio di pietre preziose lì vicino. Il risultato sarà davvero chic e richiamerà lo stile shabby!

Per i ragazzi

La vostra camera può diventare una bat-caverna esclusiva. Non abbiate paura di lasciare in giro un pallone da calcio e la vostra mazza da hockey, per dare uno stile tutto vostro all'ambiente. Si consiglia però di non lasciare in giro la biancheria... Colori decisi come il rosso o colori vivaci come il verde daranno vivacità e dinamicità alla stanza, mantenendola sempre giovane. Potete scegliere delle tende corte che lascino entrare il sole, diversamente scegliete un lampada monocolore professionale per la vostra scrivania e un bel quadro per la parete sopra il letto, magari la locandina del vostro film preferito.

Per le coppie

Per le camere classiche: un bel letto in noce è l'ideale. Il copriletto giallo pallido, verde pastello oppure rosa cipria si abbina alla cornice romantica che avete lasciato sul comò con la foto del vostro matrimonio. Ai piedi del letto un tappeto intrecciato che richiama il colore delle pareti. Il legno intagliato incornicia perfettamente lo specchio accanto all'armadio. Per le camere moderne: meglio posizionare il letto al centro della stanza, invece che addossarlo alle pareti. Il legno nero o il metallo sono perfetti per tutti i mobili. Aggiungete dei dettagli artigianali come un acchiappa sogni appeso.

Scegliere il tappeto giusto per la casa

I tappeti sono complementi d’arredo molto diffusi e utilizzati nella maggior parte delle abitazioni. La scelta non dovrebbe essere lasciata al caso, o dipendere solo dalla combinazione di colori del tessuto; piuttosto ci sono diverse caratteristiche che rendono questi elementi più o meno adatti, a seconda della stanza in cui si dovranno posizionare.

Le dimensioni

Le dimensioni di un tappeto sono uno degli elementi fondamentali che lo caratterizzano. Un tempo si utilizzavano esclusivamente tappeti molto ampi, che consentivano di ricoprire l’intero pavimento di una stanza. Oggi questo tipo di tappeti sono sfruttati solo nelle stanze più grandi, come ad esempio un ampio soggiorno. Un tappeto grande però può risultare eccessivamente pesante, soprattutto in stanze dipinte di colori scuri e non eccessivamente luminose. Per questo si tendono a prediligere tappeti di dimensioni medio piccole, che contribuiscano a dare carattere ad una stanza, senza però prevaricare sui mobili o sugli altri complementi d’arredo presenti nell’ambiente.

Stile e colore

In commercio esistono diversi stili di tappeti, da quelli moderni e di fattura industriale, fino agli antichi modelli annodati a mano. Il fatto che un tappeto sia molto bello e di pregio non significa necessariamente che lo si possa inserire in qualsiasi stanza. Conviene sempre selezionare secondo i propri gusti, ma anche considerando lo stile delgi ambienti circostanti. Negli ambienti dagli arredi classici sono particolarmente indicati i tappeti antichi, di fattura persiana o mediorientale. I modelli più moderni sono invece adatti alle abitazioni in stile contemporaneo, cui conferiscono un tono più elegante. In alcune sitauzioni un singolo complemento d’arredo in stile contrastante a quello di tutti gli altri presenti nella stanza, può essere particolarmente piacevole, conviene però agire con cautela.

La forma

I tappeti classici sono di forma rettangolare, raramente quadrata. Sono anche i tappeti più diffusi, di varie dimensioni e misure. Nei negozi specializzati si trovano anche tappeti di forma rotonda, che hanno il pregio di dare maggiore movimento all’ambiente in cui sono posizionati. Sono adatti a qualsiasi stanza della casa, grazie anche alla possibilità di produrli in modelli molto piccoli, o anche grandi. Tra i più interessanti troviamo i tappetti rotondi Ikea; l’azienda svedese infatti propone tappeti rotondi perfetti per il bagno, o come scendiletto, così come modelli più importanti, che si possono posizionare anche in cucina, in camera da letto o in un ampio soggiorno.

Il materiale

Il materiale che meglio si presta ad annodare tappeti è la lana; sono di lana vergine gli antichi tappeti persiani, quelli nelle tipologie classiche. Sono in lana, o anche in seta, anche alcuni modelli moderni, di fattura industriale. Nonostante questo materiale sia la fonte della bellezza del tappetto, per le persone che soffrono di allergie non si tratta di quello migliore, ma neppure per chi ha figli o animali da compagnia. Il tappeto in lana, e anche quello in seta, sono difficili da pulire, necessitando dell’aiuto di ditte specializzate. In queste situazioni è meglio preferire dei tappeti in cotone, o anche in fibre sintetiche, che si possono tranquillamente lavare e pulire, senza grossi problemi.





Potrebbe interessarti

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

I più condivisi

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Volture catastali: tutto quello che c'è da sapere

Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Serrature: perché sono così importanti?

Parlare di sicurezza dell’abitazione è per noi molto importante. Dobbiamo sempre tenere in conto alcuni fattori per aumentare il livello di protezione: in questo articolo vi parleremo principalmente delle serrature e dei cilindri. È possibile installare sistemi di allarme e di videosorveglianza, acquistare e installare una porta blindata, ma anche la serratura è importantissima. Soprattutto, è importante la manutenzione, un servizio offerto dal fabbro da non sottovalutare in alcun modo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top