Molto spesso nelle nostre abitazioni le prese elettriche vengono a trovarsi estremamente distanti dal punto in cui vogliamo utilizzarle, costringendoci a spostare mobili o quant'altro o ad utilizzare prolunghe. Per evitare cavi sparsi per casa, può essere utile andarsi a creare delle nuove prese elettriche: consigliamo questa soluzione solo a chi è già un buon conoscitore di bricolage e sia dotato di un minimo di competenze nell'ambito dell'elettricità.

Occorrente per montare una presa elettrica

Il materiale indispensabile, da acquistare in qualsiasi negozio di elettronica è il seguente:

  • una presa di corrente 10/16 Ampere
  • una scatola portafrutto
  • una placca
  • tre cavi elettrici (uno per il neutro, uno per la fase e uno per lo scarico a terra di colore giallo-verde) della lunghezza pari alla distanza fra punto di partenza e punto di arrivo, aumentato del 20%
  • tubo corrugato con un diametro di almeno 30 mm
  • gesso in polvere

Inoltre serviranno una matita, una riga, uno scalpello un martello.

Procedimento

Procediamo dunque con le operazioni, ricordando di staccare subito la corrente.

Innanzitutto va individuata la scatola di derivazione da cui occorre far partire la linea di alimentazione della presa elettrica; è possibile anche utilizzare come punto di partenza un'altra presa elettrica già esistente abbastanza vicina al punto in cui dobbiamo installare la nuova.

Ora va tracciata una linea che unisca il punto di partenza appena individuato con il punto in cui andrà installata la nuova presa elettrica. Con martello e scalpello creiamo la traccia nel muro di larghezza idonea al lavoro che stiamo per effettuare.

 

Inserire il corrugato

Inseriamo a questo punto il tubo corrugato dal punto di partenza fin dentro la presa che dobbiamo installare. Se avanza del tubo evitiamo ancora di tagliarlo poichè va inserito ora nella scatola portafrutto, facendolo fuoriscire di almento 15 cm.
Bisogna ora bagnare con acqua la traccia che abbiamo fatto e la sede della scatola porta frutto; creiamo un impasto di acqua e gesso per murare il corrugato e la scatola, ultimando il lavoro con una pezza per rifinire meglio i punti in cui abbiamo abbondato: non devo notarsi troppa differenza con l'intonaco già esistente (alla fine dei lavori si può dare una mano di tempera facendo tornare il muro nelle stesse condizioni di partenza).

Ora possiamo passare i fili, dopo aver tagliato il corrugato in eccesso: bisogna quindi collegare con dei morsetti i fili da derivare alla nuova presa, dopodichè il gioco è fatto!

Inteervento dell'elettricista

E' bene ricordare che il procedimento può essere eseguito solo da chi ha già dimestichezza con gli impianti di corrente e sempre dopo aver staccato l'energia elettrica. Negli altri casi, meglio chiedere il supporto di un elettricista.

Le diverse tipologie di spine elettriche

Sul mercato esistono diverse prese di corrente (la prima fu brevettata più di 100 anni fa, esattamente nel 1904), che prendono il nome secondo la zona geografica: abbiamo così quelle americane, francesi, italiane, tedesche che cercheremo di elencare sinteticamente di seguito:

  • Americana a due contatti: ha due contatti paralleli ma non presenta quello di terra. Molto utilizzata nell’America Settentrionale.
  • Americana con contatto di terra: simile a quella precedente, con la differenza della presenza del contatto a terra cilindrico. E’ in grado di sopportare 15A.
  • Europea a 2 poli: nota anche come eurospina, è la più usata in tutto il mondo. Ha due contatti cilindrici con le seguenti dimensioni: 19 mm di interasse e 4 di diametro. Non presenta la messa a terra.
  • Britannica a tre poli: questa presa presenta tre contatti circolari collocati in una forma a triangolo, per una corrente fino a 5A. E’ utilizzata maggiormente in alcuni Paesi dell’Asia, come India o Sri Lanka.
  • Tedesca a due poli con i contatti a terra laterali: già il nome indica la particolarità di questa spina, con la distanza tra i due contatti pari a 19 millimetri. In Italia viene definita “presa Siemens”, anche se tradizionalmente prende il nome di “schuko”.
  • Britannica a tre poli: la variante rispetto a quella precedentemente descritta è la forma dei contatti, a rettangolo. Viene considerato un sistema molto sicuro ed è utilizzato, oltre che ovviamente nel Regno Unito, in tutti quei Paesi che anticamente sono stati colonie della Gran Bretagna.
  • Israeliana a tre poli: utilizzata solo in Israele, presenta tre contatti più lunghi rispetto alle altre spine e sono disposti non a triangolo, ma a forma della lettera Y.
  • Italiana a tre poli: la particolarità di questa presa è il rivestimento in isolante di parte dei contatti di fase e neutro.
  • Svizzera a tre poli: questa spina è simile al modello italiano ma con una differenza sostanziale. Il contatto a terra è disposto in modo verticale.
  • Danese a tre poli: modello simile a quello tedesco. In questo caso, però, per la messa a terra viene utilizzato un solo perno anzichè le due linguette che invece sono presenti nella spina elettrica tedesca.

Oltre questi modelli, ne esistono poi altri che non prendono direttamente il nome del Paese di riferimento.





Potrebbe interessarti

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale online: come ottenerla seduti comodamente da casa

Per ottenere una visura catastale gratuita è sufficiente che l’interessato si rechi presso l’Agenzia del Territorio per una consultazione. Esiste un altro modo per prendere visione dei dati catastali richiesti: online, sempre accedendo tramite il servizio offerto dal portale dell’agenzia del territorio. È sufficiente indicare il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali e la provincia in cui è collocato l’immobile di cui si richiedono le informazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Leggi tutto...
Go to Top