La differenza tra condizionamento e climatizzazione non sempre è percepibile e ancor più se si pensa che le macchine termiche che stanno alla base dei due differenti meccanismi sono identiche, almeno esteriormente.

Nel gergo comune non si fa alcuna differenza tra climatizzatori e condizionatori ed entrambi vengono utilizzati in maniera indiscriminata ma in realtà tra i due c'è un enorme distinzione, che andremo a vedere tra poco.

Nel seguente articolo, dopo aver analizzato le differenze tra condizionamento e climatizzazione e, di conseguenza tra condizionatori e climatizzatori, vedremo quanti tipi di condizionatori e climatizzatori esistono e in base a quale criteri è opportuno effettuare una scelta.

Cosa s'intende per condizionamento dell'aria e come funzionano i condizionatori

L'obiettivo principale del processo di condizionamento dell'aria è di realizzare e mantenere determinate temperature mediante il raffreddamento di un fluido.
Alla base del processo di condizionamento ci sono i condizionatori che lavorano in modo decisamente semplice. Attraverso un condizionatore si può rinfrescare l'aria di un certo ambiente ma i suoi filtri e il suo meccanismo interno non permettono nè di impostare la temperatura nè di purificare o deumidificare l'aria.
In sostanza, con il processo di condizionamento può essere solo abbassata la temperatura interna di una stanza o di un certo ambiente rinfrescando l'aria e permettendo così di godere di momenti di autentico refrigerio, anche durante i mesi più caldi dell'anno.
Su www.mondosplit.com è possibile trovare un vasto elenco di condizionatori fissi e portatili, tutti accuratamente descritti per guidare l'utente verso la scelta più adatta a quelle che sono le proprie esigenze e necessità. Tantissimi articoli interessanti introdurranno anche i più inesperti verso il mondo, per molti sconosciuto, dei condizionatori e climatizzatori.

Cosa s'intende per climatizzazione

La climatizzazione è un processo più complesso rispetto al condizionamento per il semplice fatto che consiste in un controllo sincronico e dipendente di quattro diversi fattori che si possono realizzare in un certo ambiente:

  • la temperatura;
  • il livello di umidità;
  • il movimento;
  • la qualità dell'aria.

Un buon climatizzatore deve saper tenere sotto controllo tutti e quattro questi elementi.

Seppure esteticamente il climatizzatore è identico ad un condizionatore, il suo funzionamento interno è molto più complesso e sofisticato. Il ventilatore spinge l'aria calda all'interno della macchina, questa viene fatta passare vicino a tubi freddi e fatta raffreddare e fino a qua il meccanismo è identico al condizionatore, in più viene depurata, da cattivi odori grazie all'ausilio di filtri presenti all'interno del dispositivo, e deumidificata.

Il processo di de-umidificazione ha luogo perché l'aria calda nel momento in cui viene raffreddata produce umidità e si condensa sotto forma di goccioline che vengono raccolte all'interno di un apposito contenitore presente all'interno del climatizzatore. L'acqua raccolta verrà poi espulsa attraverso l'impianto idrico.
Occorre inoltre ricordare che altre due importanti differenze tra climatizzatori e condizionatori sono che i primi possono, non solo, trasformare l'aria calda in fredda ma anche il contrario prendendo così il nome di pompe di calore e il livello di temperatura desiderata può essere tranquillamente regolato. Raggiunto il livello desiderato il climatizzatore funzionerà in modo tale da mantenerlo.

Condizionatori e climatizzatori: come sceglierli

Non è semplice destreggiarsi nel mondo dei condizionatori o climatizzatori, soprattutto se non si è particolarmente esperti. Una cosa è certa, per fare una giusta scelta occorre prendere in considerazione tre elementi fondamentali:

  • la potenza del dispositivo, generalmente espressa in kw o in Btu/h. Un climatizzatore o condizionatore potente riuscirà a coprire un'area più vasta della casa e raffreddare anche più rapidamente;
  • il risparmio energetico. Quando si acquista un climatizzatore o condizionatore non è tanto la spesa iniziale quanto quella energetica. Occorre quindi puntare, come anche per gli elettrodomestici, per dispositivi a basso consumo e con una buona classe energetica. Le migliori si esprimono con A+ A++ A+++;
  • la silenziosità. Considerando che i climatizzatori così come i condizionatori vengono utilizzati dentro casa non è il massimo acquistare dispositivi che producono fastidiosi rumori. Un impianto di condizionamento perfetto dovrebbe assicurare un livello di rumorosità non superiore a 40/45 decibel (unità di misura del suono), ancora meglio se non si superano i 30. Sopra i 65 decibel il rumore inizia invece a diventare particolarmente fastidioso.

Questi tre elementi sono imprescindibili nella scelta del giusto dispositivo, detto questo ciascuno può poi decidere liberamente di optare per condizionatori fissi o portatili, mono split o multi split, a seconda delle esigenze. Su MondoSplit si possono trovare tanti interessanti articoli che trattano l'argomento e guidano l'utente nel fantastico mondo della climatizzazione e del condizionamento dell'aria.





Potrebbe interessarti

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come arredare la camera da letto? Alcuni consigli!

Dopo aver preso la decisione di acquistare o prendere in affitto un immobile, a meno che l'abitazione in questione non sia in buono stato e arredata, sono necessarie delle modifiche più o meno complesse: tubature, verniciatura, sostituzione infissi e così via. Solo dopo tutti questi lavori ci si potrà dedicare all'arredamento degli interni della vostra casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top