La differenza tra condizionamento e climatizzazione non sempre è percepibile e ancor più se si pensa che le macchine termiche che stanno alla base dei due differenti meccanismi sono identiche, almeno esteriormente.

Nel gergo comune non si fa alcuna differenza tra climatizzatori e condizionatori ed entrambi vengono utilizzati in maniera indiscriminata ma in realtà tra i due c'è un enorme distinzione, che andremo a vedere tra poco.

Nel seguente articolo, dopo aver analizzato le differenze tra condizionamento e climatizzazione e, di conseguenza tra condizionatori e climatizzatori, vedremo quanti tipi di condizionatori e climatizzatori esistono e in base a quale criteri è opportuno effettuare una scelta.

Cosa s'intende per condizionamento dell'aria e come funzionano i condizionatori

L'obiettivo principale del processo di condizionamento dell'aria è di realizzare e mantenere determinate temperature mediante il raffreddamento di un fluido.
Alla base del processo di condizionamento ci sono i condizionatori che lavorano in modo decisamente semplice. Attraverso un condizionatore si può rinfrescare l'aria di un certo ambiente ma i suoi filtri e il suo meccanismo interno non permettono nè di impostare la temperatura nè di purificare o deumidificare l'aria.
In sostanza, con il processo di condizionamento può essere solo abbassata la temperatura interna di una stanza o di un certo ambiente rinfrescando l'aria e permettendo così di godere di momenti di autentico refrigerio, anche durante i mesi più caldi dell'anno.
Su www.mondosplit.com è possibile trovare un vasto elenco di condizionatori fissi e portatili, tutti accuratamente descritti per guidare l'utente verso la scelta più adatta a quelle che sono le proprie esigenze e necessità. Tantissimi articoli interessanti introdurranno anche i più inesperti verso il mondo, per molti sconosciuto, dei condizionatori e climatizzatori.

Cosa s'intende per climatizzazione

La climatizzazione è un processo più complesso rispetto al condizionamento per il semplice fatto che consiste in un controllo sincronico e dipendente di quattro diversi fattori che si possono realizzare in un certo ambiente:

  • la temperatura;
  • il livello di umidità;
  • il movimento;
  • la qualità dell'aria.

Un buon climatizzatore deve saper tenere sotto controllo tutti e quattro questi elementi.

Seppure esteticamente il climatizzatore è identico ad un condizionatore, il suo funzionamento interno è molto più complesso e sofisticato. Il ventilatore spinge l'aria calda all'interno della macchina, questa viene fatta passare vicino a tubi freddi e fatta raffreddare e fino a qua il meccanismo è identico al condizionatore, in più viene depurata, da cattivi odori grazie all'ausilio di filtri presenti all'interno del dispositivo, e deumidificata.

Il processo di de-umidificazione ha luogo perché l'aria calda nel momento in cui viene raffreddata produce umidità e si condensa sotto forma di goccioline che vengono raccolte all'interno di un apposito contenitore presente all'interno del climatizzatore. L'acqua raccolta verrà poi espulsa attraverso l'impianto idrico.
Occorre inoltre ricordare che altre due importanti differenze tra climatizzatori e condizionatori sono che i primi possono, non solo, trasformare l'aria calda in fredda ma anche il contrario prendendo così il nome di pompe di calore e il livello di temperatura desiderata può essere tranquillamente regolato. Raggiunto il livello desiderato il climatizzatore funzionerà in modo tale da mantenerlo.

Condizionatori e climatizzatori: come sceglierli

Non è semplice destreggiarsi nel mondo dei condizionatori o climatizzatori, soprattutto se non si è particolarmente esperti. Una cosa è certa, per fare una giusta scelta occorre prendere in considerazione tre elementi fondamentali:

  • la potenza del dispositivo, generalmente espressa in kw o in Btu/h. Un climatizzatore o condizionatore potente riuscirà a coprire un'area più vasta della casa e raffreddare anche più rapidamente;
  • il risparmio energetico. Quando si acquista un climatizzatore o condizionatore non è tanto la spesa iniziale quanto quella energetica. Occorre quindi puntare, come anche per gli elettrodomestici, per dispositivi a basso consumo e con una buona classe energetica. Le migliori si esprimono con A+ A++ A+++;
  • la silenziosità. Considerando che i climatizzatori così come i condizionatori vengono utilizzati dentro casa non è il massimo acquistare dispositivi che producono fastidiosi rumori. Un impianto di condizionamento perfetto dovrebbe assicurare un livello di rumorosità non superiore a 40/45 decibel (unità di misura del suono), ancora meglio se non si superano i 30. Sopra i 65 decibel il rumore inizia invece a diventare particolarmente fastidioso.

Questi tre elementi sono imprescindibili nella scelta del giusto dispositivo, detto questo ciascuno può poi decidere liberamente di optare per condizionatori fissi o portatili, mono split o multi split, a seconda delle esigenze. Su MondoSplit si possono trovare tanti interessanti articoli che trattano l'argomento e guidano l'utente nel fantastico mondo della climatizzazione e del condizionamento dell'aria.





Potrebbe interessarti

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Moratoria e sospensione rate del mutuo: dodici mesi di respiro per chi è in difficoltà

Oggettivamente sono pochi coloro che, finiti gli studi e intrapresa la carriera lavorativa, possono godere del possesso di uno o più immobili. A maggior ragione chi non è in possesso nemmeno della prima casa si vede giustamente costretto a contrarre il famigerato mutuo con le banche al fine di dire ‘questa è casa mia’. Ma piuttosto che fossilizzarsi sulle eventuali espressioni verbali che possono essere più o meno significative lo stesso fatto di non pagare mensilmente ‘canoni’ affittuari senza riuscire ad avere riscontri futuri è un grande passo. Ma cosa è un mutuo? 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Leggi tutto...
Go to Top