Le soluzioni abitative offerte dal mondo edilizio odierno sono numerose: dalle case monofamiliari o plurifamiliari agli appartamenti veri e propri o alle ville a schiera o semplici. Un tipo di abitazione molto in voga attualmente è quella della casa a schiera.

La casa a schiera è un'abitazione che prevede più unità abitative, solitamente di natura monofamiliare, che sono poste una a fianco all'altra. La casa a schiera è spesso provvista di un piccolo giardino o di un orticello e al suo interno può avere una scala che conduce ai diversi piani della stessa.

Il termine di queste tipologie di abitazioni deriva proprio dal modo in cui vengono costruiti gli alloggi, ovvero a schiera. Ogni singola abitazione delle case a schiera viene separata dall'altra mediante muri ciechi comuni e collocati sull'allineamento di confine delle singole unità abitative.

La casa a schiera è generalmente sviluppata in altezza e profondità, in modo tale da agevolare l'aumento dei piani; ecco perché presenta un aspetto della facciata molto stretto. La casa a schiera può inoltre diventare “casa bottega”, se sulla facciata dell'edificio è presente una vetrata.

Appartengo alle case a schiera anche le rispettive autorimesse, che però andranno censite separatamente ai fini catastali. L'eventuale presenza di un'autorimessa di posti auto, anche se scoperti, o di altre zone scoperta di pertinenza, saranno di pertinenza della singola unità immobiliare residenziale con vincolo registrato e trascritto, attraverso un modello reperibile presso l'Amministrazione Comunale di residenza.

Se infine sono presenti magazzini, uffici o altre unità con destinazione d'uso diversa da quella residenziale, l'edificio perde la dicitura di “casa a schiera”.

Caratteristiche strutturali

Con il termine casa a schiera si definisce un insieme di case allineate e confinanti che sono generalmente adibite all’uso di una singola famiglia e proprio per questo vengono definite monofamiliari. In passato questa particolare tipologia di costruzione aveva al pian terreno una zona che era destinata ad uso lavorativo, al primo piano si sviluppava invece l’unità abitativa della famiglia, suddivisa in vari ambienti di dimensioni variabili.

L’accesso alla casa vera e propria era esterno e si trovava al primo piano, le costruzioni moderne invece possono avere addirittura una doppia entrata, la prima al piano terra e la seconda al primo piano, inoltre i vari piani sono generalmente collegati tra loro da scale che si trovano all’interno dell’unità. Questa tipologia di costruzione può essere quindi considerata una testimonianza del passato e acquista così un valore storico culturale.

Le prime case a schiera sono state costruite intorno nell’ottocento e le loro caratteristiche tecniche hanno subito delle modificazioni con il passare degli anni. Questo genere di costruzioni permette di utilizzare lo spazio in altezza, generalmente i vari piani in cui l’unità abitativa può essere suddivisa non sono molto grandi, ma permettono comunque alla famiglia che vi risiede di avere un’abitazione confortevole e funzionale.

La loro edificazione permette inoltre ai costruttori di poter realizzare opere edilizie che non sono in contrasto con l’assetto dell’ambiente in cui si trovano e che rispettano il paesaggio che le circonda. Negli ultimi tempi la maggior parte di queste costruzioni sono sviluppate su tre livelli, quello che si trova al pian terreno è generalmente utilizzato come sala hobby, magari dove si trova la televisione, un divano confortevole, il camino e un angolo cottura, uno spazio ideale dove ricevere gli ospiti e organizzare delle feste.

Quando si decide di acquistare una casa la scelta tra le varie soluzioni è abbastanza ampia, ma è di fondamentale importaza scegliere quella che è in grado di soddisfare le proprie esigenze abitative. Un ruolo fondamentale nella scelta della casa ideale è rappresentato dai materiali con cui l’edificio è costruito. In base al materiale da costruzione un’abitazione può essere più o meno duratura nel tempo, flessibile ed ecosostenibile. Negli ultimi tempi sono sempre più numerose le costruzioni di questo genere che grazie alla presenza di particolari strutture, permettono di sfruttare le energie rinnovabili.




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi anche...

Documenti Mutuo: la documentazione di solito richiesta per un preventivo mutuo

Prima di iniziare a girovagare tra agenzie immobiliari e visite negli appartamenti in vendita dei privati, è bene ottenere qualche preventivo per il mutuo per essere certi che l'istituto di credito eroghi l'importo necessario per l'acquisto di una nuova casa. Quasi tutte le banche, online o meno, consentono di avere un preventivo in base alla propria situazione patrimoniale.

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top