Le soluzioni abitative offerte dal mondo edilizio odierno sono numerose: dalle case monofamiliari o plurifamiliari agli appartamenti veri e propri o alle ville a schiera o semplici. Un tipo di abitazione molto in voga attualmente è quella della casa a schiera.

La casa a schiera è un'abitazione che prevede più unità abitative, solitamente di natura monofamiliare, che sono poste una a fianco all'altra. La casa a schiera è spesso provvista di un piccolo giardino o di un orticello e al suo interno può avere una scala che conduce ai diversi piani della stessa.

Il termine di queste tipologie di abitazioni deriva proprio dal modo in cui vengono costruiti gli alloggi, ovvero a schiera. Ogni singola abitazione delle case a schiera viene separata dall'altra mediante muri ciechi comuni e collocati sull'allineamento di confine delle singole unità abitative.

La casa a schiera è generalmente sviluppata in altezza e profondità, in modo tale da agevolare l'aumento dei piani; ecco perché presenta un aspetto della facciata molto stretto. La casa a schiera può inoltre diventare “casa bottega”, se sulla facciata dell'edificio è presente una vetrata.

Appartengo alle case a schiera anche le rispettive autorimesse, che però andranno censite separatamente ai fini catastali. L'eventuale presenza di un'autorimessa di posti auto, anche se scoperti, o di altre zone scoperta di pertinenza, saranno di pertinenza della singola unità immobiliare residenziale con vincolo registrato e trascritto, attraverso un modello reperibile presso l'Amministrazione Comunale di residenza.

Se infine sono presenti magazzini, uffici o altre unità con destinazione d'uso diversa da quella residenziale, l'edificio perde la dicitura di “casa a schiera”.

Caratteristiche strutturali

Con il termine casa a schiera si definisce un insieme di case allineate e confinanti che sono generalmente adibite all’uso di una singola famiglia e proprio per questo vengono definite monofamiliari. In passato questa particolare tipologia di costruzione aveva al pian terreno una zona che era destinata ad uso lavorativo, al primo piano si sviluppava invece l’unità abitativa della famiglia, suddivisa in vari ambienti di dimensioni variabili.

L’accesso alla casa vera e propria era esterno e si trovava al primo piano, le costruzioni moderne invece possono avere addirittura una doppia entrata, la prima al piano terra e la seconda al primo piano, inoltre i vari piani sono generalmente collegati tra loro da scale che si trovano all’interno dell’unità. Questa tipologia di costruzione può essere quindi considerata una testimonianza del passato e acquista così un valore storico culturale.

Le prime case a schiera sono state costruite intorno nell’ottocento e le loro caratteristiche tecniche hanno subito delle modificazioni con il passare degli anni. Questo genere di costruzioni permette di utilizzare lo spazio in altezza, generalmente i vari piani in cui l’unità abitativa può essere suddivisa non sono molto grandi, ma permettono comunque alla famiglia che vi risiede di avere un’abitazione confortevole e funzionale.

La loro edificazione permette inoltre ai costruttori di poter realizzare opere edilizie che non sono in contrasto con l’assetto dell’ambiente in cui si trovano e che rispettano il paesaggio che le circonda. Negli ultimi tempi la maggior parte di queste costruzioni sono sviluppate su tre livelli, quello che si trova al pian terreno è generalmente utilizzato come sala hobby, magari dove si trova la televisione, un divano confortevole, il camino e un angolo cottura, uno spazio ideale dove ricevere gli ospiti e organizzare delle feste.

Quando si decide di acquistare una casa la scelta tra le varie soluzioni è abbastanza ampia, ma è di fondamentale importaza scegliere quella che è in grado di soddisfare le proprie esigenze abitative. Un ruolo fondamentale nella scelta della casa ideale è rappresentato dai materiali con cui l’edificio è costruito. In base al materiale da costruzione un’abitazione può essere più o meno duratura nel tempo, flessibile ed ecosostenibile. Negli ultimi tempi sono sempre più numerose le costruzioni di questo genere che grazie alla presenza di particolari strutture, permettono di sfruttare le energie rinnovabili.




Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Plusvalenza prima casa

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Sedie pieghevoli di design, come sceglierle per la nostra casa

sedie pieghevoli di design

Molte persone vi fanno poca attenzione, tuttavia nell’arredamento di una casa anche la scelta delle sedie da inserire nei suoi diversi ambienti risulta importante. Infatti, spesso si tende ad essere attenti all’abbinamento e allo stile di mobili, tavoli, librerie col design di una sala in cui dovranno essere inseriti, ma le sedie invece, erroneamente, risultano sovente poco considerate. Ve ne sono diverse tipologie, da quelle rigide semplici alle sedie pieghevoli di design.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi anche...

Validità della SCIA: tutto sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Validità della SCIA

In merito ai lavori edilizi, al fine di evitare l’enorme piaga dell’abusivismo edilizio sono stati realizzati dallo Stato italiano determinati atti amministrativi utili a regolarizzare le opere sugli immobili e la loro corretta costruzione. Oltre alla DIA Ordinaria e alla Super DIA, alcune regioni italiane applicano la SCIA.

Leggi anche...

Bollettino MAV: cos’è e come pagarlo, segui la nostra guida

bollettino mav

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Go to Top