La scala è un elemento di arredo fondamentale per gli interni, che deve essere scelto accuratamente e tenendo conto dello spazio disponibile all'interno della stanza. In vendita esistono infatti una grande moltitudine di modelli, progettati per rispondere alle esigenze di spazio di ogni acquirente e capaci di adattarsi alle esigenze di ogni stile. 

Sul sito Fontanotshop.com in particolare, è possibile visionare numerosi modelli di scale per esterni e per interni, scale anche in ferro e in legno, tutte caratterizzate da un design moderno e facilmente adattabile a tutti gli stili di arredamento esistenti (i clienti possono scegliere infatti tra vari colori e materiali, modelli adatti per le strutture di grandi dimensioni e modelli appositamente studiati per eliminare i problemi di spazio degli immobili, variamente rifiniti e adatti alle esigenze estetiche di ogni acquirente).

I diversi tipi di scale per interni

Una prima differenza fondamentale deve essere fatta in ordine ai diversi modelli adatti per gli interni, che si possono innanzitutto dividere in due grandi categorie: le scale in muratura e quelle prefabbricate. Le scale in muratura sono in genere costruite durante la realizzazione dell'immobile, ma è comunque possibile realizzarle in qualsiasi momento (non per forza contemporaneamente alla costruzione della casa). Si caratterizzano per la solidità e per la flessibilità che offrono nella scelta dei rivestimenti (le scale in muratura possono essere rivestite infatti con il gres, con il legno, con il marmo e con la pietra).

Le scale prefabbricate invece, la seconda tipologia frequentemente adottata, sono piuttosto pratiche e comode, si possono facilmente adattare agli ambienti di piccole dimensioni e sono molto personalizzabili anche dal punto di vista estetico (sono infatti realizzabili in una grande varietà di colori, materiali e finiture). Le scale in muratura da questo punto di vista sono meno flessibili, ma entrambi i modelli si presentano eleganti e facilmente abbinabili ai vari stili di arredamento.

I modelli più usati per gli interni

Tra le varie tipologie di scale esistenti per gli interni spiccano a sua volta i seguenti modelli:

  • a giorno
  • a chiocciola
  • retrattili
  • le miniscale

Tra le scale più usate configurano tuttavia i modelli a giorno e le scale a chiocciola. Le scale a chiocciola sono molto adatte per coloro che hanno problemi di spazio, proprio perché si sviluppano su se stesse e riproducono una particolare forma circolare (da ciò deriva il nome del modello, definito appunto a "chiocciola").

Si tratta comunque di una soluzione il cui utilizzo potrebbe risultare scomodo ad alcune persone (come ad esempio anziani con problemi motori), soprattutto rispetto alle scale a giorno che sono in genere più ampie e particolarmente adatte per le grandi strutture.

Gli acquirenti che non amano i modelli a chiocciola possono comunque optare per le miniscale, appositamente studiate per ridurre al minimo l'ingombro delle scale e ottimizzare lo spazio disponibile nella stanza (anche le miniscale non sono molto adatte a coloro che hanno problemi motori, proprio perché i gradini si presentano in genere piccoli e stretti). Anche le miniscale ovviamente possono essere realizzate a chiocciola, per ridurre al minimo l'ingombro. Considerando l'ampia scelta disponibile in vendita può sembrare difficile scegliere il modello più adatto per la propria casa, ma nella scelta bisogna semplicemente ponderare i seguenti aspetti:

  • disponibilità di spazio
  • stile di arredamento prevalente
  • esigenze personali (come la presenza di anziani e bambini in casa).

Se la stanza è arredata in stile moderno, ad esempio, è preferibile optare per una scala in legno, anche in kit. Coloro che devono collocare una scala in un'ambiente rustico invece, possono optare per le scale a pioli, molto adatte per le stanze piccole. Se non si ha a disposizione molto spazio nella stanza può risultare comoda anche una scala a chiocciola, tutto dipende dalle proprie esigenze di spazio (le scale a chiocciola si possono sviluppare su diverse forme: circolare, quadrata, rettangolare o elicoidale). Se la stanza in cui si desidera collocare la scala è molto grande invece, si può scegliere tra un vasto assortimento di modelli, come ad esempio le scale a giorno e le scale retrattili. 

Le scale a giorno (chiamate anche scale a rampa), sono delle scale a vista prefabbricate, possono essere realizzate con vari materiali e con forme diverse, che vanno dalle forme semplici (dritte e lineari) alle forme più complesse e moderne (le c.d forme elicoidali). Le scale retrattili, o quelle rientranti a "scomparsa", sono invece dei modelli che permettono di ottimizzare al massimo lo spazio disponibile attraverso la scomparsa della scala dopo averla usata (possono essere a parete o a soffitto, e anche questi sono piuttosto personalizzabili per quanto riguarda materiali e colori).
I modelli retrattili più frequentemente usati sono quelli con azionamento manuale ad opera del cliente, che permette di "eliminare" la scala quando non è necessaria.

I vari tipi di materiali per il rivestimento delle scale

Per quanto riguarda i materiali invece, è possibile scegliere tra moderne scale per interni in legno, in acciaio e in vetro, con caratteristiche diverse in base al modello (ognuno di questi presenta rifiniture e ringhiere diverse, per conformarsi alle esigenze personali dell'acquirente).
La scelta del materiale dovrà essere dettata soprattutto dai propri gusti personali, tenendo conto che le scale in legno e in vetro meglio si adattano agli stili moderni e classici, mentre quelle in acciaio sono particolarmente adatte agli stili più stravaganti, come lo stile industriale o lo stile eclettico, ma possono essere benissimo usate anche per altri stili di arredamento (in molti modelli si trovano più materiali combinati, ad esempio scale in acciaio e legno).

Tra le scale più moderne troviamo i seguenti modelli:

  • scale sospese
  • scale in muratura
  • scale in kit

Le scale sospese, chiamate anche scale a sbalzo, sono dei modelli salvaspazio.

Si tratta di scale moderne i cui gradini vengono fissati direttamente a muro (le scale vengono dunque saldate nella struttura, e spesso questi modelli si presentano privi di ringhiera).
Per i clienti più esigenti è possibile acquistare anche dei modelli in kit, si tratta di scale montabili direttamente dal cliente senza l'ausilio di un operaio specializzato (la confezione contiene in genere un manuale d'istruzioni, che consente all'acquirente di installare le componenti della scala autonomamente).





Potrebbe interessarti

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Vendere casa prima dei 5 anni

Il termine plusvalenza indica un incremento di valore di beni immobili (ad esempio abitazioni) e di valori mobiliari (ad es. azioni) entro un periodo di tempo determinato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cosa fare (e non fare) in caso di fuga di gas

Gli incidenti domestici sono molto più probabili di quello che si pensi. Occorre stabilire delle priorità e soprattutto ricordarsi di delineare delle zone di pericolo da curare in maniera particolare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Documenti per le volture Eni: sai cosa ti occorre?

Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Leggi tutto...
Go to Top