A partire dal mese di maggio 2012 sarà possibile effettuare la denuncia del cambio di residenza online attraverso internet. Sarà compito dei vari comuni dare modo ai cittadini di effettuare tale operazione, attivando una sezione online dedicata a questo tipo di operazioni. Il decreto legge 5/12 vuole infatti armonizzare le disposizioni relative al regolamento anagrafico in vigore, istituendo quindi una normativa apposita relativa al cambio di residenza online in due giorni.

Grazie a questa semplificazione, sarà possibile presentare le domande di cambio di domicilio online, previa sottoscrizione della stessa con firma digitale. Inoltre per avere valore, la domanda deve pervenire attraverso posta certificata, allegando copia del documento di identità.

Le operazioni per il cambio di residenza online: cambia casa con la tua famiglia dal pc

Il Comune di provenienza invierà i dati presi in carico del cittadino e successivamente e li lavorerà entro 5 giorni lavorativi, sempre per via telematica. Al bando l'uso di fax, tranne pochi casi eccezionali.

Una volta avvenuto questo passaggio di dati, i due Comuni hanno un massimo di 45 giorni per confermare le dichiarazioni che sono adesso in loro possesso, e magari inviare al cittadino il cambio di residenza online un comunicato che specifichi i documenti necessari a terminare la pratica; se no potrebbe scattare il silenzio-assenso. Per avere un'idea di come effettuare il servizio, è possibile consultare il sito dell'asmenet.

Potere ad Internet: col computer ci si sposta di condominio 

cambio di residenza online

Quante volte ci siamo arrabbiati davanti alle interminabili file degli uffici comunali o alle Poste o alla Banca? L’attesa snervante, con alcuni orari quasi improbabili di alcuni uffici (ma ora le cose stanno cambiando), gettavano il cittadino in preda a stress o panico per la cronica lentezza della burocrazia che ormai è diventata un vero e proprio “simbolo” dell’Italia.

Lo sviluppo incessante di Internet sta rivoluzionando anche queste pratiche, portando allo stesso tempo un risparmio di tempo e di costi, evitando quindi un prodursi di carta e altro materiale di cancelleria che porta dunque ad una migliore ottimizzazione delle risorse, soprattutto in questo periodo di spending review.

Non bisogna infatti guardare al web solo per la facilità di navigazione, la possibilità di accedere alle app oppure alla consultazione in tempi immediati delle news del giorno. Internet infatti sta entrando anche nelle Pubbliche Amministrazioni per un passaggio di consegne ormai inevitabile, anche se in Italia i tempi sono più lenti rispetto ai Paesi industrializzati. Dopo la legge del 2012, i Comuni si stanno adeguando alle nuove direttive: uno degli ultimi esempi, a cavallo tra 2014 e 2015, è del Comune di Arezzo, che ha attivato il servizio di cambio di residenza online. Un servizio che si va ad aggiungere ad altre facilitazioni sempre consultabili on line, come la risultanza anagrafica del matrimonio, i certificati di stato civile fino allo stato di famiglia.

Servizi on line: passaggi semplici e veloci con il pc

cambio di residenza online

La possibilità di accedere ai servizi on line del Comune di riferimento avviene in modo molto semplice ed intuitivo. E’ sufficiente infatti registrarsi con nome utente e password e selezionare in un secondo momento il certificato di cui si ha bisogno. Ricordiamo infine alcune notifiche su questi certificati: essi hanno lo stesso valore di quelli che vengono consegnati cartacei presso gli uffici appositi; sono disponibili nell’area riservata dopo che viene fatta richiesta e il pagamento, se necessario, è stato effettuato; la maggior parte delle volte sono scaricabili solo in versione Pdf; ogni documento è riconosciuto tramite il CIU (Codice Identificativo Unico) e un timbro digitale.

I documenti necessari al cambio di casa

Per presentare la domanda di cambio di residenza online, innanzitutto è obbligatorio utilizzare il CUD ministeriale dell’attuale dichiarazione anagrafica. Si può scaricare questo modello direttamente dal portale di Roma Capitale.

In allegato alla dichiarazione di residenza, chi richiede il cambio di domicilio dovrà inoltre presentare la dichiarazione sostitutiva integrata delle informazioni necessarie all’anagrafe per verificare la veridicità della dichiarazione presentata.

Questo è l’unico formato in cui l’anagrafe può accettare la domanda. Le richieste redatte in carta libera o in diversi formati non saranno prese in considerazione. Vediamo ora le modalità di presentazione della domanda. Sarà necessario presentare il modulo relativo al cambio di casa online agli uffici anagrafici del municipio associato al territorio seguendo uno di questi due passaggi:

cambio di residenza online

  • Inviare la richiesta tramite PEC o via mail, con allegato una fotocopia di un documento di identità;
  • Inviare il modulo con una raccomandata inserendo insieme alla lettera la fotocopia di un documento di identità.

Nel caso in cui la nuova residenza è già abitata da un’altra unità familiare è fondamentale che un rappresentante maggiorenne dichiari di essere a conoscenza del cambio di residenza online e quindi del nuovo ingresso. Se il rappresentante non si rende disponibile a fare questa dichiarazione sarà impossibile continuare con la procedura di cambio di residenza online.

Per quanto riguarda invece gli appartenenti a comunità, laiche o religiose, dovranno mostrare una dichiarazione redatta dal capo della convivenza nella quale conferma una nuova residenza nella comunità. Inoltre, tutti i documenti richiesti dovranno essere presentati in formato originale e non tramite fotocopia.

Una volta completata la procedura di cambio residenza online si procederà con l’aggiornamento della scheda elettorale, il libretto della macchina e altri documenti che, a livello burocratico, riportano l’indirizzo di residenza.




Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi anche...

Recupero edilizio, quali gli interventi compresi nel Bonus Ristrutturazione

RISTRUTTURAZIONE min

Per incentivare il miglioramento delle strutture abitative private e condominiali, il Governo italiano in questi anni ha ideato e avviato diverse iniziative, tra le quali il cosiddetto Bonus Ristrutturazione. Questo consente di ottenere il rimborso di una quota delle spese effettuate per lavori di ristrutturazione, riguardanti un’abitazione principale oppure le seconde case o, ancora, di parti comuni di edifici condominiali. In tali lavori di ristrutturazione sono compresi anche quelli connessi al recupero edilizio.

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Go to Top