A partire dal mese di maggio 2012 sarà possibile effettuare la denuncia del cambio di residenza online attraverso internet. Sarà compito dei vari comuni dare modo ai cittadini di effettuare tale operazione, attivando una sezione online dedicata a questo tipo di operazioni. Il decreto legge 5/12 vuole infatti armonizzare le disposizioni relative al regolamento anagrafico in vigore, istituendo quindi una normativa apposita relativa al cambio di residenza online in due giorni.

Grazie a questa semplificazione, sarà possibile presentare le domande di cambio di residenza online, previa sottoscrizione della stessa con firma digitale. Inoltre per avere valore, la domanda deve pervenire attraverso posta certificata, allegando copia del documento di identità.

Le operazioni per il cambio di residenza online

Il Comune di provenienza invierà i dati presi in carico del cittadino e successivamente e li lavorerà entro 5 giorni lavorativi, sempre per via telematica. Al bando l'uso di fax, tranne pochi casi eccezionali.

Una volta avvenuto questo passaggio di dati, i due Comuni hanno un massimo di 45 giorni per confermare le dichiarazioni che sono adesso in loro possesso, e magari inviare al cittadino il cambio di residenza online un comunicato che specifichi i documenti necessari a terminare la pratica; se no potrebbe scattare il silenzio-assenso. Per avere un'idea di come effettuare il servizio, è possibile consultare il sito dell'asmenet.

Potere ad Internet

Quante volte ci siamo arrabbiati davanti alle interminabili file degli uffici comunali o alle Poste o alla Banca? L’attesa snervante, con alcuni orari quasi improbabili di alcuni uffici (ma ora le cose stanno cambiando), gettavano il cittadino in preda a stress o panico per la cronica lentezza della burocrazia che ormai è diventata un vero e proprio “simbolo” dell’Italia.

Lo sviluppo incessante di Internet sta rivoluzionando anche queste pratiche, portando allo stesso tempo un risparmio di tempo e di costi, evitando quindi un prodursi di carta e altro materiale di cancelleria che porta dunque ad una migliore ottimizzazione delle risorse, soprattutto in questo periodo di spending review.

Non bisogna infatti guardare al web solo per la facilità di navigazione, la possibilità di accedere alle app oppure alla consultazione in tempi immediati delle news del giorno. Internet infatti sta entrando anche nelle Pubbliche Amministrazioni per un passaggio di consegne ormai inevitabile, anche se in Italia i tempi sono più lenti rispetto ai Paesi industrializzati. Dopo la legge del 2012, i Comuni si stanno adeguando alle nuove direttive: uno degli ultimi esempi, a cavallo tra 2014 e 2015, è del Comune di Arezzo, che ha attivato il servizio di cambio residenza direttamente on line. Un servizio che si va ad aggiungere ad altre facilitazioni sempre consultabili on line, come la risultanza anagrafica del matrimonio, i certificati di stato civile fino allo stato di famiglia.

Servizi on line: passaggi semplici e veloci

La possibilità di accedere ai servizi on line del Comune di riferimento avviene in modo molto semplice ed intuitivo. E’ sufficiente infatti registrarsi con nome utente e password e selezionare in un secondo momento il certificato di cui si ha bisogno. Ricordiamo infine alcune notifiche su questi certificati: essi hanno lo stesso valore di quelli che vengono consegnati cartacei presso gli uffici appositi; sono disponibili nell’area riservata dopo che viene fatta richiesta e il pagamento, se necessario, è stato effettuato; la maggior parte delle volte sono scaricabili solo in versione Pdf; ogni documento è riconosciuto tramite il CIU (Codice Identificativo Unico) e un timbro digitale.





Potrebbe interessarti

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

I più condivisi

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale online: come ottenerla seduti comodamente da casa

Per ottenere una visura catastale gratuita è sufficiente che l’interessato si rechi presso l’Agenzia del Territorio per una consultazione. Esiste un altro modo per prendere visione dei dati catastali richiesti: online, sempre accedendo tramite il servizio offerto dal portale dell’agenzia del territorio. È sufficiente indicare il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali e la provincia in cui è collocato l’immobile di cui si richiedono le informazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Impianti fotovoltaici. Funzioni, caratteristiche e tutte le novità del 2018

È davvero così conveniente? È la domanda più comune quando si parla di fotovoltaico. Oggi è inoltre possibile rivedere l’energia prodotta e non consumata e ricavare degli importanti vantaggi economici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Acea: procedura e dati necessari

Acea Energia è la società del Gruppo AceaElectrabel che fornisce ai clienti finali energia elettrica, gas e servizi correlati.

Leggi tutto...
Go to Top