Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Sono altrettanti, poi, i portali che consentono di accendere un mutuo online oltre a confrontare i piani di ammortamento di diversi istituti di credito o di differenti tipologie di tasso (variabile, fisso, rata costante, misto).

Come calcolare il mutuo online

Di seguito un elenco di link utili che offrono la possibilità di calcolare il mutuo online:

  • Mutui Online consente il calcolo rata paragonando i migliori mutui disponibili al momento selezionati mediante alle richieste dell’utente (capitale, durata, tipologia tasso, ecc…). Mutui Online offre un servizio gratuito e senza impegno; sul sito è infatti possibile richiedere online delucidazioni relative al mutuo che più interessa.
  • Tele Mutuo permette di visualizzare online il mutuo e il relativo piano di ammortamento con ilcalcolo della rata composto dal capitale residuo e dagli interessi.
  • Miglior Mutuo si presenta come un motore di ricerca del mutuo online poiché consente all’utente di compilare una form in base alla quale il sito propone il calcolo rata di mutui offerti da differenti istituti di credito. Il preventivo e il calcolo rata online è gratuito.
  • Calcolo Rata Mutuo consente di effettuare il calcolo della rata del mutuo online inserendo l'importo erogato, la durata ed il TAN del mutuo e la frequenza del pagamento della rata.
  • Mutuo Banca possibilità di risparmio per chi chiede il mutuo online. Il sito offre il servizio di calcolo rata per il mutuo a titolo gratuito, confrontando i prodotti di ben 40 banche.

Calcolo rata mutuo online

Importo del mutuo:
Numero di rate del mutuo( 30 anni= 360 rate mensili):
Tasso interesse annuale: (ex. 8.5% = 8.5)

Il sito Buon Consiglio propone, compilando una form online, il calcolo della rata di mutuo e del piano dimostrativo di ammortamento del mutuo.

Idea News permette all'utente di consultare la funzionededicata al "mutuo calcola rata" dopo aver inserito nei vari campi le seguenti informazioni: il tasso d'ingresso, il numero delle rate su cui deve essere applicato il tasso d'ingresso, il tasso a regime, la periodicità della rata, la durata del rimborso in anni, l'importo totale (in lire o in euro) del finanziamento, o in alternativa l'importo della rata (in lire o in euro) che considerate di poter pagare.

In ogni caso la funzione "mutuo: calcola rata" disponibile online è indicativa, è sempre bene poi rivolgersi di persona o contattare telefonicamente gli istituti di credito per ulteriori delucidazioni.

Da cosa è composta la rata del mutuo

Quando si clicca sulla funzione “Calcola mutuo oline”, si deve per prima cosa avere consapevolezza di quello che significherà il valore riportato.

La tassa del mutuo è costituita da due elementi: il valore del tasso Euribor. I tassi Euribor e Bce sono i tassi di riferimento relativi all'economia e alla situazione bancaria europea: il primo è calcolato in base alla media dei tassi quotati dalle maggiori banche d'Europa mentre il secondo è un valore stabilito dalla Banca Centrale Europea ed è soggetto a maggiori variazioni.

Lo spread, invece, è il margine di profitto delle banche sul prestito. Anche il valore di questo parametro subisce veloci variazioni nel tempo.

Il concetto di “variazione” porta ad un'altra diversificazione: ovvero mutuo variabile e fisso. La differenza sta nel fatto che, mentre in quello variabile le rate sono fortemente influenzate dalle oscillazioni di mercato, nel secondo queste sono immutabile, dando l'indubbio vantaggio di poter prevedere meglio il comportamento del proprio portafogli nel tempo ma anche, d'altro canto, lo svantaggio di non essere influenzate dall'inflazione e dalla variazione del potere d'acquisto.

In ogni caso, è necessario farsi consigliare da un professionista del settore che saprà consigliare la scelta più efficiente a seconda delle proprie esigenze.

 



Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Credito d'imposta: chi ne ha diritto

Con “credito d'imposta” si intende una serie di agevolazioni fiscali rivolte sia alle imprese che a persone fisiche. Anche per quest'anno, lo Stato – nel tentativo di ridare nuova linfa vitale dall'economia del paese – ha messo a disposizione un cospicuo finanziamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La ristrutturazione completa della casa: verso la fine di un incubo

Si dice che tasse e morte siano le sciagure peggiori; probabilmente c'è qualcosa di vero, ma la certezza assoluta è che tra i primi tre gradini del podio rientri a pieno titolo la ristrutturazione completa della propria casa. È uno shock che non vorremmo mai affrontare, lo proroghiamo nel tempo, lo esorcizziamo ma quando proprio è necessario, anche se armati di buona volontà e una rassegnata predisposizione alla tortura, non sappiamo da dove cominciare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top