La legge di Bilancio 2022 ha introdotto alcune interessanti novità sul bonus mobili ed elettrodomestici, a partire dall’innalzamento del tetto di spesa per il bonus elettrodomestici che arriva fino a 10.000 € contro il limite di 5.000 € inserito nella bozza di legge. Quali sono, dunque, le novità, come richiedere il bonus e come procedere? La nostra guida per capirne di più!

Termini e novità sul bonus elettrodomestici 2022

Nella bozza della Legge di Bilancio si annunciava, innanzitutto, la proroga del bonus mobili per ulteriori tre anni e un limite al tetto di spesa di 5000 €. In sede definitiva di approvazione, la proroga è stata fissata fino a 3 anni: 2022, 2023, 2024. Il tetto di spesa, invece, è di 10.000 € per il 2022 e di 5.000 € rispettivamente nel 2023 e nel 2024 (salvo ulteriori modifiche). Tra le ipotesi sul tetto di spesa, si era ipotizzato un innalzamento a 16.000 € per il 2022, infine ridimensionato e fissato a 10.000 €.

Chi ha diritto al bonus e per quali tipologie di elettrodomestico o mobile

Per accedere al bonus, occorre acquistare mobili ed elettrodomestici di classe energetica A+ (per i forni è richiesta la classe energetica A con etichetta) entro il limite di spesa. L’acquisto – per essere riconosciuto e permettere l’accesso alla detrazione – si deve effettuare con pagamento rintracciabile, ovvero, tramite bonifico o carta di credito. Il pagamento in contanti, assegni o altri mezzi non dà l’accesso all’agevolazione. L’acquisto può essere rateizzato o finanziato, purché a fronte di un bonifico.

I beni che rientrano nella detrazione del bonus mobili ed elettrodomestici sono:

  • Cucine e mobili realizzati su misura da artigiani;
  • Camere da letto complete (letti, materassi, armadi, cassettiere, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, librerie), divani, poltrone, lampadari, lampade da terra e da tavolo e altri apparecchi per l’illuminazione.

Sono esclusi dal bonus:

  • Porte e finestre;
  • Pavimenti;
  • Tende e complementi di arredo.

Tra gli elettrodomestici sono esclusi dal bonus:

  • Aspirapolvere, scope elettriche e sistemi per la pulizia;
  • Macchine per cucire o per maglieria e tessitrici;
  • Ferri da stiro e altri piccoli elettrodomestici quali tostapane, frullatori, friggitrici, macchine per il caffè e macina caffè, coltelli elettrici, phon, apparecchi per i massaggi, sveglie, orologi, spazzolini e rasoi elettrici, trapani, bilance;
  • Boiler elettrici e scaldabagni;
  • Smart TV, televisori, tablet, PC, stampanti, telefoni, smartphone, notebook

Quale documentazione conservare

I documenti che occorre conservare come prova dell’acquisto e del diritto ad accedere alla detrazione sono: l’attestazione del pagamento (ricevuta) e le fatture o scontrino di acquisto dei beni in cui sia rilevabile il codice fiscale dell’acquirente e dell’esercente, e che riporti il tipo, la quantità e la qualità dei beni acquistati.

Per ricevere correttamente il bonus occorre indicare le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi e pertanto spetta al contribuente dichiarante in fase di ristrutturazione edilizia. Ciò significa che:

  1. Il bonus spetta nel momento in cui si realizza una ristrutturazione edilizia;
  2. Se le spese per la ristrutturazione sono state sostenute da un coniuge, mentre quelle per l’arredo sono state effettuate dall’altro, il bonus mobili ed elettrodomestici non potrà essere erogato a nessuno dei due.

Il bonus spetta, infatti, al coniuge dichiarante le spese di ristrutturazione e tutti i bonus correlati (energia, verde, arredo e così via). Pertanto, le spese ammesse sono solo quelle per l’acquisto di arredi per un immobile in fase di ristrutturazione, i cui lavori sono partiti il 1° gennaio 2020. L’importo deve essere anticipato poiché è possibile usufruirne solo in detrazione sulla dichiarazione dei redditi in rate decennali. Non è possibile applicare l’opzione dello sconto in fattura o cessione del credito.




Potrebbe interessarti

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

self storage a milano

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

 

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi anche...

Estintore per casa: quale scegliere e come fare manutenzione

Estintore per casa

Prima dell’invenzione dell’estintore venivano utilizzati dei sistemi portatili di estinzione di piccole dimensioni. Lo sviluppo di agenti estinguenti che permettono il lancio dell'agente estinguente a grande distanza ha permesso poi la realizzazione degli estintori moderni.

Leggi anche...

ScelgoZero: come risolvere il problema del caro bollette

Io scelgo zero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Go to Top