In questi anni, il governo italiano ha portato avanti iniziative per incentivare il rinnovo di veicoli, di elettrodomestici, di case ed edifici condominiali e tanto altro, attraverso l’avvio o il prolungamento di vari bonus, come quelli, ad esempio, per la rottamazione delle automobili o il bonus casa. Tali incentivi non sono altro che agevolazioni di natura finanziaria o fiscale, per coloro che decidono di aderire a queste specifiche iniziative statali.

Tra quelle più importanti e recenti, particolare attenzione merita il cosiddetto Bonus Idrico, definito anche come “bonus docce e rubinetti” o “bonus bagno”. Esso è stato introdotto con la Legge di Bilancio 2021 (Legge n°178 del 30 Dicembre 2020), al fine di favorire il risparmio dell’acqua e pertanto una limitazione del suo uso. Destinatari di tali incentivi fiscali, come vedremo meglio, saranno sia persone fisiche che esercizi commerciali. Andiamo quindi a vedere di cosa tratta il bonus idrico in dettaglio.

Oltre a queste informazioni essenziali, si devono fornire anche quelle relative all'immobile in cui si sono effettuati tali interventi e per cui si richiede istanza di rimborso. In particolare, si deve dichiarare l'identificativo catastale di tale immobile e quindi Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella e Subalterno. Per quanto riguarda il richiedente, invece, questi deve indicare il titolo giuridico per cui si effettua la richiesta di beneficio e pertanto specificare se proprietario, cointestatario, locatario o usufrutturario dell'immobile.

Cos'è il bonus idrico

Questo consiste in misure destinate all’efficientamento in ambito idrico, allo scopo non solo di risparmiare l’uso e il consumo di acqua (sia per questioni di tipo economico che soprattutto per motivi ambientali), ma anche per favorire la lotta al lavoro nero in questo settore e incentivare una certa fiscalità. In pratica, per quei soggetti che acquistano e sostituiscono rubinetti, docce, sanitari in ceramica e, in genere, bagni, che consentono una riduzione dei consumi idrici, vi sono agevolazioni di natura fiscale.

Tali agevolazioni consistono, nello specifico, in rimborsi fino a 1.000 Euro per l’efficientamento di un bagno, con la sostituzione di determinati elementi, attraverso lavori o interventi effettuati in un anno e cioè dal 1° Gennaio al 31 Dicembre 2021. Comunque, questi benefici sono stati rinnovati a fine 2021, con la Legge di Bilancio 2022, pertanto gli incentivi fiscali sono stati prolungati fino al Dicembre 2023. Tuttavia, questi saranno disponibili fino all’esaurimento delle relative risorse finanziarie.

Destinatari ed interventi ammessi per questo bonus

A poter richiedere tale agevolazione possono essere persone fisiche maggiorenni residenti in Italia, che siano titolari di diritti di proprietà o altri diritti reali su edifici esistenti oppure di diritti personali di godimento su parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari. Gli interventi ammessi riguardano l’acquisto e la montatura di vasi sanitari in ceramica, con un volume massimo di scarico fino a 6 litri; di rubinetti e miscelatori, sia per il bagno che per la cucina, sempre con portata fino a 6 litri; di soffioni doccia e colonne doccia.

Ricordiamo che nell’intervento in questione si include non solo l’acquisto di elementi, ma anche la sostituzione di strumenti relativi al flusso d’acqua. Inoltre, rientrano nelle agevolazioni anche i costi di manodopera per il rinnovo o l’installazione dei sistemi già in uso nelle abitazioni in questione. Tra gli elementi che, invece, non rientrano tra quelli che usufruiscono dei benefici vi sono i piatti doccia, bidet, la sostituzione di vasche da bagno, sedili e copri water, sanitari in resina e lavandini.

Come poter richiedere il bonus idrico

Coloro che voglio usufruire delle agevolazioni in questo ambito, possono richiederlo per un solo immobile ed un’unica volta e devono essere, come già accennato in precedenza, cointestatari o titolari di diritto reale o personale di godimento della struttura abitativa. La richiesta può essere effettuata direttamente su apposita piattaforma online del Ministero della Transizione Ecologica (Mite), a cui si accede attraverso Spid oppure Cie (Carta d'Identità Elettronica).

Nella compilazione del modulo online verranno richiesti, tra le altre cose: dati anagrafici del beneficiario; importo delle spese effettuate (per un massimo rimborsabile di 1.000 Euro); quantità e specifiche tecniche dei beni sostituiti; copia della fattura elettronica o di documenti commerciali relativi all’acquisto e/o sostituzione dei beni oggetto degli interventi; copia della fattura relativa ai lavori effettuati; dichiarazione di non aver usufruito di altre agevolazioni fiscali per le medesime spese.

Per gli esercenti commerciali che intendono avvalersi di tali benefici fiscali, è disponibile un apposito modello esercente bonus idrico e che permette agli stessi di certificare le spese sostenute. Nel modulo destinato a questi o alle persone fisiche, si deve inserire anche il numero Iban del beneficiario, per poter ricevere direttamente sul conto il rimborso delle spese riconosciute. Non sono previste rate, ma il versamento è effettuato in un’unica soluzione.

Ricordiamo, comunque, che non si avrá diritto ad ottenere il rimborso nel caso in cui la richiesta sia stata compilata non correttamente oppure risulti incompleta per quanto concerne le informazioni e/o gli allegati richiesti o, ancora, nel caso i controlli eseguiti abbiano riscontrato delle irregolaritá rispetto alle dichiarazioni rese oppure siano stati esauriti fondi stanziati. Al momento, da questo punto di vista, sono state utilizzate giá la metá delle risorse disponibili per tale bonus ed il totale delle richieste di rimborso pervenute sono oltre 12.000.

Comunque sia, a disposizione dei cittadini che siano interessati al bonus idrico e vogliano avere maggiori informazioni al riguardo, vi è un numero verde fornito dal Ministero della Transizione Ecologica (che risponde all'800 090 045), a cui poi si aggiunge anche un utile manuale dell'utente, con la spiegazione del funzionamento della piattaforma ministeriale relativa a tale bonus. Quest'ultima è disponibile dal 17 Febbraio 2022 e vi si puó accedere facilmente attraverso l'indirizzo internet "www.bonusidricomite.it".

Una volta presenti sulla piattaforma del ministero, l'inserimento dei dati e degli allegati necessari deve essere effettuato e completato nell'arco di trenta minuti. Trascorse tre ore dal completamento della richiesta di rimborso sul sito ministeriale, è possibile eventualmente rettificare informazioni e documenti inseriti. Sia l'inserimento che la modifica devono essere effettuati con accuratezza ed attenzione, in quanto, come detto, se non eseguiti correttamente, possono determinare la bocciatura della richiesta di accesso al bonus.  

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

self storage a milano

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita di un immobile: ecco la nostra guida

Plusvalenza nella vendita di un immobile

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Poltrone da esterno di design, quali le tipologie esistenti

poltrone da esterno di design

Il poter avere a disposizione un bel giardino o un ampio terrazzo rappresenta il sogno di tante persone al giorno d’oggi. Uno spazio in cui poter ospitare un bel cane, far giocare i propri bambini o semplicemente rilassarsi nelle calde giornate estive o organizzare qualche divertente party con amici o parenti. Tuttavia, come qualsiasi altro ambiente di casa, esso deve essere arredato in maniera consona, con un’adeguata scelta di tavoli e poltrone da esterno di design o anche semplici, in base ai propri gusti.

Come richiedere il mutuo per ristrutturazione: requisiti e funzionamento

SBmQzYM1pvJHK2Uy7Xy7AoivIpadronidicasa Come richiedere il mutuo per ristrutturazione

Esistono dei mutui che non sono votati al solo acquisto di una casa già pronta per essere abitata. All'interno dello scenario economico italiano, dove i giovani escono dalla casa dei genitori molto tardi, le istituzioni di concerto con le banche hanno avviato una serie di manovre e agevolazioni per favorire le persone ad acquistare immobili in cui andare a vivere, aiutandole a superare le difficoltà economiche.

Leggi anche...

Certificazione per l'impianto elettrico: un approfondimento completo

"certificazione

Certificazione per l'impianto elettrico: con il decreto ministeriale 37 del 2008 (dm 37/8), entrato in vigore il 27 marzo, è possibile certificare l'impianto elettrico di casa, del negozio, ufficio o piccola azienda nonostante non si abbia la documentazione specifica.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top