La casa è uno dei beni rifugio più importanti per gli italiani, il suo costante valore sul mercato la rendono un investimento fondamentale in tempi di incertezze. Proprio per evitare che questo patrimonio vada in frantumi da un momento all'altro diventa necessario sottoscrivere un'assicurazione a tutela dei risparmi e dei sacrifici di una vita. Infatti, i rischi esterni e le possibili responsabilità personali potrebbero causare dei danni tali per cui bisogna trovare il modo più sicuro e conveniente per proteggere le case di proprietà e il loro contenuto. A tal proposto si può trovare un'assicurazione online in grado di soddisfare le esigenze dei proprietari, che vanno al di là del sopperire ai danni all’abitazione, ai danni arrecati a terzi e ad altre controversie legate all'abitazione.

Le diverse soluzioni per le diverse assicurazioni sulla casa

Tra le tante polizze la maggior parte riguardano i casi più probabili come il furto e l'incendio, ma questi rappresentano solo una parte dei possibili pericoli che potrebbero interessare e distruggere una dimora. Tra le assicurazioni online potete, quindi, trovare quelle riguardanti le case in affitto. Una garanzia di rilievo per tutti gli imprevisti che gli inquilini rilasciano in un'abitazione che occupano per un periodo di tempo. Il 'padrone di casa' si trova spesso a dover riparare dei danni ingenti alla fine di un rapporto affittuario per cui una polizza ben sottoscritta può rassicurare qualsiasi rischio locativo.
Un altro tipo di assicurazione sulla casa riguarda i possibili danneggiamenti a persone e a cose dovuti ad un terremoto. È questo un importante elemento da considerare soprattutto per chi acquista una proprietà in zone ad alta sismicità. Questa polizza tutela l'immobile per un'eventuale ricostruzione e supporta le spese dovute ad infortuni, in attesa degli aiuti statali.
Negli ultimi anni, invece, è diventata di vitale importanza la sottoscrizione di un'assicurazione per i pannelli solari. Ci sono delle compagnie assicurative che proteggono gli strumenti che producono energie alternative, in particolare, si occupano di sovvenzionare i danni causati da eventi atmosferici, come vento, pioggia grandine, temporali, fulmini o eventuali sabotaggi o incendi, furti, atti di vandalismo o sovratensioni elettriche.

Tipologie per tutte le eventualità

Le compagnie assicuratrici propongono diverse soluzioni polizza per la casa. Tra le principali tipologie di assicurazioni casa vi sono:

  • la polizza furto che protegge il proprietario dell'immobile dai danni derivanti dalla perdita dei beni rubati e dai danni prodotti dallo scasso o i danneggiamenti agli oggetti custoditi in casa;
  • quella contro calamità naturali assicura l'interessato dai danni provocati da fenomeni naturali (terremoto, innondazione, ecc...) nella propria abitazione;
  • quella contro per i guasti da riparazioni estende la copertura includendo delle garanzie complementari legate alle utenze del gas, acqua o elettricità e copre eventuali riparazioni o altri danni indiretti nel caso di guasti generici che richiedono l'intervento di un professionista, ad esempio un elettricista o un idraulico;
  • la polizza per la responsabilità civile casa compre i danni provocati in modo non intenzionale dall'assicurato o dalla sua famiglia nei confronti di terzi quando si trovano all'interno o nelle vicinanze della propria abitazione;
  • quella multirischio casa offre in un unico prodotto una copertura completa per la propria casa: dal furto e incendio fino ai danni derivanti dalle calamità naturali.

L'obbligatorierà della polizza contro catastrofi naturali

Sulla Gazzetta ufficiale del 15 maggio 2012 è stato pubblicato il decreto legge 59/2012 che definisce obbligatoria l'istituzione di una polizza casa contro le catastrofi naturali.

Il decreto è stato redatto con la consulenza di Paolo Clemente, responsabile del laboratorio rischi sismici dell'Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile ed è stato motivato dalla semplice constatazione della tragica frequenza di catastrofi naturali negli ultimi anni.

Il decreto è di maggio ma, prima della sua reale entrata in vigore, è stato seguita da tre mesi di sperimentazione.
I costi dell'assicurazione dovrebbero oscillare fra i 100 e i 200 euro annui: una cifra non proprio irrisoria in un momento di crisi come quello che sta flagellando l'Italia.
È interessante, a questo proposito sottolineare come più del 60% delle case italiane non segue le norme antisismiche vigenti. Occorrerà, dunque, mettere in sicurezza l'edificio prima di stipulare una polizza e i costi di quest'intervento superano facilmente le 50 migliaia di euro.

Ovviamente l'intervento ha scatenato la reazione dei consumatori, già colpiti dall'Imu, soprattutto perché scarica sui privati tutta la responsabilità di welfare di cui si dovrebbe far carico il Governo.

Polizza globale del fabricato per tutto il condominio

Quasi tutti i condomini stipulano la polizza per la casa globale, che consiste in una assicurazione di responsabilità civile che garantisce su tutte le parti dell'edificio, anche quelle private.
In questo caso l'amministratore di condominio è il rappresentante dei condomini sia collettivamente per quanto spetta i danni che potrebbero causare le parti comuni a terzi e condomini, sia singolarmente per i danni provocati da loro proprietà univoche.

L'assicurazione casa mutuo

Oltre alle polizze di assicurazioni casa per i danni agli immobili o ai beni in essi contenuti, è possibile redigere anche un'assicurazione casa mutuo. In tal caso il contraente si tutela nel caso di morte prematura del contraente del mutuo e garantisce l'estinzione mutuo residuo del mutuo immobiliare.
Qualora il mutuo sia stipulato da due coniugi esiste un'apposita polizza assicurativa che in caso di morte prematura di uno dei due è garantita l'estinzione pari al 50% del debito residuo.
Vi ricordiamo di leggere sempre con attenzione le clausole e le condizioni contrattuali delle polizze casa.

Costi

I costi della polizza casa vengono valutati per metro quadro. Solitamente il prezzo si aggira fra 1,5€ e 2,5€ per metro². È importante tuttavia considerare anche gli altri elementi economici, ovvero:

il premio: il costo annuale della polizza
la copertura: ovvero i casi inclusi e quelli esclusi
gli extra: ovvero le condizioni che è possibile aggiungere pagando somme più alte

Si consideri che non sempre la risposta dell'assicurazione è il pagamento relativo alla copertura del danno: è possibile che la reazione sia più pratica, ovvero l'invio di un elettricista in caso di guasti alla rete oppure l'intervento di un idraulico.
Le situazioni che sono coperte dall'assicurazione sono numerose ed è bene cercare di conoscerle tutte prima di procedere.

Assicurazioni scoppio incendio, costi e modalità

E' una polizza su un immobile ed è obbligatoria quando si contrae un mutuo con le banche. Questo tipo di copertura assicurativa è una protezione per i clienti che possono ottenere il rimborso qualora si verifichino eventi come incendi, fulmini, esplosioni e scoppi di varia origine.

Come funziona

Come appena spiegato, è obbligatoria per i mutuatari ed è collegata a un evento o sinistro improbabile o sfortunato. Questa forma di assicurazione rappresenta una tutela però anche per le banche che concedono i mutui che in caso del verificarsi di questi eventi si troverebbero un immobile dal valore inferiore.

Questo tipo di polizza non contiene però tutti quegli eventi naturali come inondazioni, terremoti o frane che possono danneggiare l’immobile in questione anche se tuttavia è possibile includere anche questi eventi nella stessa. Per quanto riguarda i prezzi della polizza, l’assicurazione scoppio incendio costa per un immobile dal valore di 100 mila euro una cifra tra i 100 e i 500 euro, per un periodo compreso tra 10 e 15 anni.

 

Alcune banche inoltre propongono spese assicurative gratuite, un modo per avvicinare il cliente alla propria offerta di polizza. Il rimborso della compagnia assicuratrice copre il valore dell’immobile al costo di ricostruzione. L’indennizzo può avvenire in due modi: a valore intero o a primo rischio (ossia copre la cifra massima che il cliente crede di poter subire in caso di sinistro).

A cosa fare attenzione

Il cliente che stipula questa polizza innanzitutto non è tenuto a fare riferimento per forza alla compagnia d’assicurazione in convenzione con l’istituto bancario che eroga il prestito anche se spesso ciò porta dei vantaggi in termini economici. Il cliente però deve soprattutto valutare quale sia la copertura dei danni in questi casi, considerando anche i rischi derivanti dalla particolare zona di ubicazione dell’immobile stesso.

L'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettive (Isvap) ha infatti chiarito col provvedimento del 2 aprile 2012 che le banche concessionarie del mutuo non possono essere diretti intermediari e beneficiari della polizza assicurativa.

Per garantire maggiore trasparenza, infatti, le banche sono costrette a presentare almeno due piani assicurativi di due compagnie diverse – e non legata all'istituto bancario. Il cliente, poi, ha 10 giorni di tempo per decidere a quale compagnia affidarsi, ma esiste la possibilità di legarsi ad una terza assicurazione in piena libertà.

Inoltre bisogna controllare che sia effettivamente valutato il valore dell’immobile ex novo perché alcune banche potrebbero utilizzare il valore commerciale, che produrrebbe di conseguenza costi maggiori. Solitamente il costo di costruzione è valutato il 20-25% in meno di quello di mercato. Sul web diverse compagnie offrono la possibilità di calcolare il preventivo on line sull’assicurazione scoppio incendio ed è consigliabile confrontare diversi preventivi per valutare in maniera oculata tutte le polizze e scegliere quindi la più idonea in base alle proprie esigenze.

Possono prevedere, inoltre, numerose clausole alle quali fare attenzione in sede di firma del contratto. Innanzitutto, occorre valutare la responsabilità civile in caso di danni a terzi: se per esempio cade un vaso di fiori dal terzo piano e ferisce un passante, di chi è la colpa?

La maggior parte delle polizze, come si è già detto, non fanno rientrare in questa polizza i danni da disastri naturali: a seconda della zona di ubicazione, conviene pagare un sovrapprezzo per acquistare questa possibilità.
Di solito, poi, non è incluso il pagamento dei danni ai mobili e all'arredamento: è un'altra possibilità da conteggiare.
Un'assicurazione completa può offrire assistenza legale nel caso di cause all'interno del condominio. Oggi sembra un'ottima risorsa, vista la grande diffusione di questo tipo di dispute.
Infine, un'assicurazione completa può prevedere risarcimento in caso di furto all'interno della casa.

Occorre quindi valutare bene i rischi ai quali si va incontro e il budget a disposizione. Molti istituti offrono convenientissime polizze che comprendono tutti questi elementi, ma sicuramente aggiungere tale prezzo al mutuo da pagare può non essere alla portata di tutti.
D'altro canto, il rischio di vedere anni di sacrifici eliminati da un fornello lasciato acceso può valere lo sforzo.



Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Manutenzione straordinaria degli immobili

Non sempre, nei casi di acquisto di un'abitazione o di affitto, è possibile abitarci subito. Quando si compra o si prende in affitto una casa, sono spesso necessari dei lavori di ristrutturazione al fine di rendere la stessa abitabile e vivibile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Leggi tutto...
Go to Top