La casa è uno dei beni rifugio più importanti per gli italiani, il suo costante valore sul mercato la rendono un investimento fondamentale in tempi di incertezze. Proprio per evitare che questo patrimonio vada in frantumi da un momento all'altro diventa necessario sottoscrivere un'assicurazione sulla casa a tutela dei risparmi e dei sacrifici di una vita. Infatti, i rischi esterni e le possibili responsabilità personali potrebbero causare dei danni tali per cui bisogna trovare il modo più sicuro e conveniente per proteggere le case di proprietà e il loro contenuto. A tal proposto si può trovare un'assicurazione sulla casa online in grado di soddisfare le esigenze dei proprietari, che vanno al di là del sopperire ai danni all’abitazione, ai danni arrecati a terzi e ad altre controversie legate all'abitazione.

Le diverse soluzioni per le diverse assicurazioni sulla casa

Tra le tante polizze la maggior parte riguardano i casi più probabili come il furto e l'incendio, ma questi rappresentano solo una parte dei possibili pericoli che potrebbero interessare e distruggere una dimora. Tra le assicurazioni online potete, quindi, trovare quelle riguardanti le case in affitto. Una garanzia di rilievo per tutti gli imprevisti che gli inquilini rilasciano in un'abitazione che occupano per un periodo di tempo. Il 'padrone di appartamento' si trova spesso a dover riparare dei danni ingenti alla fine di un rapporto affittuario per cui una polizza ben sottoscritta può rassicurare qualsiasi rischio locativo.
Un altro tipo di assicurazione sulla casa riguarda i possibili danneggiamenti a persone e a cose dovuti ad un terremoto. È questo un importante elemento da considerare soprattutto per chi acquista una proprietà in zone ad alta sismicità. Questa polizza tutela l'immobile per un'eventuale ricostruzione e supporta le spese dovute ad infortuni, in attesa degli aiuti statali.
Negli ultimi anni, invece, è diventata di vitale importanza la sottoscrizione di un'assicurazione sulla casa per i pannelli solari. Ci sono delle compagnie assicurative che proteggono gli strumenti che producono energie alternative, in particolare, si occupano di sovvenzionare i danni causati da eventi atmosferici, come vento, pioggia grandine, temporali, fulmini o eventuali sabotaggi o incendi, furti, atti di vandalismo o sovratensioni elettriche.

Tipologie per tutte le eventualità di polizza sull'appartamento

Le compagnie assicuratrici propongono diverse soluzioni polizza per l'appartamento. Tra le principali tipologie di assicurazioni casa vi sono:

  • la polizza furto che protegge il proprietario dell'immobile dai danni derivanti dalla perdita dei beni rubati e dai danni prodotti dallo scasso o i danneggiamenti agli oggetti custoditi in appartamento;
  • quella contro calamità naturali assicura l'interessato dai danni provocati da fenomeni naturali (terremoto, inondazione, ecc...) nella propria abitazione;
  • quella contro per i guasti da riparazioni estende la copertura includendo delle garanzie complementari legate alle utenze del gas, acqua o elettricità e copre eventuali riparazioni o altri danni indiretti nel caso di guasti generici che richiedono l'intervento di un professionista, ad esempio un elettricista o un idraulico;
  • la polizza per la responsabilità civile casa compre i danni provocati in modo non intenzionale dall'assicurato o dalla sua famiglia nei confronti di terzi quando si trovano all'interno o nelle vicinanze della propria abitazione;
  • quella multirischio casa offre in un unico prodotto una copertura completa per il proprio appartamento: dal furto e incendio fino ai danni derivanti dalle calamità naturali.

 

Polizza globale del fabbricato per tutto il condominio

Quasi tutti i condomini stipulano la polizza per l'appartamento globale, che consiste in una assicurazione sulla casa di responsabilità civile che garantisce su tutte le parti dell'edificio, anche quelle private.
In questo caso l'amministratore di condominio è il rappresentante dei condomini sia collettivamente per quanto spetta i danni che potrebbero causare le parti comuni a terzi e condomini, sia singolarmente per i danni provocati da loro proprietà univoche.

L'assicurazione sulla casa e sul mutuo

Oltre alle polizze di assicurazioni casa per i danni agli immobili o ai beni in essi contenuti, è possibile redigere anche un'assicurazione sulla casa mutuo. In tal caso il contraente si tutela nel caso di morte prematura del contraente del mutuo e garantisce l'estinzione mutuo residuo del mutuo immobiliare.
Qualora il mutuo sia stipulato da due coniugi esiste un'apposita polizza assicurativa che in caso di morte prematura di uno dei due è garantita l'estinzione pari al 50% del debito residuo.
Vi ricordiamo di leggere sempre con attenzione le clausole e le condizioni contrattuali delle polizze sull'appartamento.

Costi

assicurazione sullappartamento

I costi della polizza casa vengono valutati per metro quadro. Solitamente il prezzo si aggira fra 1,5€ e 2,5€ per metro². È importante tuttavia considerare anche gli altri elementi economici, ovvero:

il premio: il costo annuale della polizza
la copertura: ovvero i casi inclusi e quelli esclusi
gli extra: ovvero le condizioni che è possibile aggiungere pagando somme più alte

Si consideri che non sempre la risposta dell'assicurazione sulla casa è il pagamento relativo alla copertura del danno: è possibile che la reazione sia più pratica, ovvero l'invio di un elettricista in caso di guasti alla rete oppure l'intervento di un idraulico.
Le situazioni che sono coperte dall'assicurazione sono numerose ed è bene cercare di conoscerle tutte prima di procedere.

Polizze scoppio incendio, costi e modalità

E' una polizza su un immobile ed è obbligatoria quando si contrae un mutuo con le banche. Questo tipo di copertura assicurativa è una protezione per i clienti che possono ottenere il rimborso qualora si verifichino eventi come incendi, fulmini, esplosioni e scoppi di varia origine.

Come funziona

Come appena spiegato, è obbligatoria per i mutuatari ed è collegata a un evento o sinistro improbabile o sfortunato. Questa forma di assicurazione sulla casa rappresenta una tutela però anche per le banche che concedono i mutui che in caso del verificarsi di questi eventi si troverebbero un immobile dal valore inferiore.

Questo tipo di polizza non contiene però tutti quegli eventi naturali come inondazioni, terremoti o frane che possono danneggiare l’immobile in questione anche se tuttavia è possibile includere anche questi eventi nella stessa. Per quanto riguarda i prezzi della polizza, l’assicurazione sulla casa scoppio incendio costa per un immobile dal valore di 100 mila euro una cifra tra i 100 e i 500 euro, per un periodo compreso tra 10 e 15 anni.

Alcune banche inoltre propongono spese assicurative gratuite, un modo per avvicinare il cliente alla propria offerta di polizza.Il rimborso della compagnia assicuratrice copre il valore dell’immobile al costo di ricostruzione. L’indennizzo può avvenire in due modi: a valore intero o a primo rischio (ossia copre la cifra massima che il cliente crede di poter subire in caso di sinistro).

A cosa fare attenzione quando si sceglie un'assicurazione sulla casa

Il cliente che stipula questa polizza innanzitutto non è tenuto a fare riferimento per forza alla compagnia d’assicurazione in convenzione con l’istituto bancario che eroga il prestito anche se spesso ciò porta dei vantaggi in termini economici. Il cliente però deve soprattutto valutare quale sia la copertura dei danni in questi casi, considerando anche i rischi derivanti dalla particolare zona di ubicazione dell’immobile stesso.

L'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettive (Isvap) ha infatti chiarito col provvedimento del 2 aprile 2012 che le banche concessionarie del mutuo non possono essere diretti intermediari e beneficiari della polizza assicurativa.

polizza sulla casa 2

Per garantire maggiore trasparenza, infatti, le banche sono costrette a presentare almeno due piani assicurativi di due compagnie diverse – e non legata all'istituto bancario. Il cliente, poi, ha 10 giorni di tempo per decidere a quale compagnia affidarsi, ma esiste la possibilità di legarsi ad una terza assicurazione sulla casa in piena libertà.

Inoltre bisogna controllare che sia effettivamente valutato il valore dell’immobile ex novo perché alcune banche potrebbero utilizzare il valore commerciale, che produrrebbe di conseguenza costi maggiori. Solitamente il costo di costruzione è valutato il 20-25% in meno di quello di mercato. Sul web diverse compagnie offrono la possibilità di calcolare il preventivo on line sull’assicurazione scoppio incendio ed è consigliabile confrontare diversi preventivi per valutare in maniera oculata tutte le pbolizze e scegliere quindi la più idonea in base alle proprie esigenze.

Possono prevedere, inoltre, numerose clausole alle quali fare attenzione in sede di firma del contratto. Innanzitutto, occorre valutare la responsabilità civile in caso di danni a terzi: se per esempio cade un vaso di fiori dal terzo piano e ferisce un passante, di chi è la colpa?

La maggior parte delle polizze, come si è già detto, non fanno rientrare in questa polizza i danni da disastri naturali: a seconda della zona di ubicazione, conviene pagare un sovrapprezzo per acquistare questa possibilità.
Di solito, poi, non è incluso il pagamento dei danni ai mobili e all'arredamento: è un'altra possibilità da conteggiare.
Un'assicurazione sulla casa completa può offrire assistenza legale nel caso di cause all'interno del condominio. Oggi sembra un'ottima risorsa, vista la grande diffusione di questo tipo di dispute.
Infine, un'assicurazione completa può prevedere risarcimento in caso di furto all'interno dell'appartamento.

Occorre quindi valutare bene i rischi ai quali si va incontro e il budget a disposizione. Molti istituti offrono convenientissime polizze che comprendono tutti questi elementi, ma sicuramente aggiungere tale prezzo al mutuo da pagare può non essere alla portata di tutti.
D'altro canto, il rischio di vedere anni di sacrifici eliminati da un fornello lasciato acceso può valere lo sforzo.

Assicurazione casa in affitto: come e quando stipularla

Sino a poco tempo fa per chi affittava casa e per l’affittuario non esistevano molte tutele in caso di problemi o di affitti non pagati. Ad esempio i proprietari che dovevano affittare i loro appartamenti utilizzavano la caparra o la cauzione come unica forma di tutela per danni ed altre problematiche. Grazie ad un’assicurazione per le case in affitto ora è possibile tutelarsi ed evitare spiacevoli inconvenienti.

A differenza delle cauzioni, la polizza assicurativa per la casa ci permette di risolvere problemi legati ai danni dell’immobile, il recupero delle mensilità non corrisposte o il rimborso delle spese legali qualora si avviasse una causa.

Il funzionamento

La compagnia assicurativa, prima della stipula del contratto con il proprietario, effettuerà alcune ricerche. Esaminato lo stabile e l’affidabilità del locatario, stabilirà un grado di rischio e, in base a questo, la quota (detto anche premio) da pagare. In caso di episodi controversi e spiacevoli, il proprietario dovrà semplicemente avviare l’iter burocratico previsto dalla compagnia assicurativa che si occuperà di tutto il resto.

Qualora fosse previsto dal contratto, l’assicurazione si impegnerà a prendersi carico, al posto dell’inquilino, dell’affitto fino a 12 mensilità. In altri casi, a seconda del contratto, potrebbe prendersi carico di risarcire i danni subiti dall’appartamento o il risarcimento di danni agli spazi comuni dell’eventuale condominio da parte di chi abitava l’appartamento.

La polizza per l’affittuario

Spesso si pensa che lo stipulare l’assicurazione di una casa in affitto sia una pratica del proprietario che tutela la sua proprietà. Nel mercato assicurativo, ormai da tempo, è invece presente anche una tipologia di assicurazioni che possono essere stipulate dagli affittuari per una loro maggiore tutela.

È, in fatti, molto importante tutelarsi per eventuali danni che si possono causare ad altre persone, ai beni o alla casa e che, in caso di mancanza di un’assicurazione, dovresti risarcire in prima persona.

A supporto dell’inquilino sono nate anche alcuni pacchetti assicurativi che aiutano al pagamento delle mensilità in casi particolari.

Questo tipo di assicurazioni possono durare da 1 a 5 anni e intervengono in caso di morte da infortunio o di invalidità permanenti da malattia o infortunio. Inoltre, intervengono in caso di perdita dell’impiego o riduzione del reddito del 50% rispetto all’anno precedente.

Le disposizioni di legge

Nel 2012, il governo aveva proposto ed emanato a favore dell’obbligatorietà dell’assicurazione per la casa affittate. Nella conversione del decreto legge, però, questa obbligatorietà si è persa mantenendo però il consiglio di stipularla per una maggior tutela.

Diverse banche, ad esempio, in fase di richiesta di un mutuo per l’acquisto di una casa, chiedono in maniera obbligatoria l’accensione di un contratto assicurativo. È diventata una forma di tutela per le banche, che ormai ne hanno fatta una condizione necessaria per continuare le pratiche ed erogare così il prestito.

In alcuni rari casi, sono gli stessi condomini a consigliare o a prevedere formule di tutela assicurativa per tutto lo stabile con la possibilità di aggiungere opzioni per coprire non solo le parti in comune ma anche gli appartamenti privati ed i vari danni a terzi.

I costi

Questo tipo di assicurazioni non hanno costi elevatissimi, soprattutto se le compariamo con la notevole tutela che riservano, ma tutto dipende dal rischio che percepisce la compagnia assicurativa e le opzioni che desideriamo prevedere nel contratto.

Solitamente il costo per un’assicurazione di una casa in affitto si aggira sui 120€ l’anno, ma tutto cambia anche a seconda della città dove viviamo o se l’appartamento si trova in un edificio con la presenza di un portiere o molto vecchio, ecc.

Ribadiamo che per un costo così esiguo, è enorme il vantaggio che ne riceviamo ,anche solo per il tempo che guadagniamo affidandoci a dei professionisti del settore. 

Cosa significa assicurazione mutuo

Quando si decide di comprare casa e si opta per l’accensione di un mutuo è richiesta anche la sottoscrizione di una polizza assicurativa che si compone nella maggior parte dei casi di due prodotti distinti:

  • La polizza contro incendio e scoppio che è obbligatoria;
  • La polizza vita per il mutuo che è facoltativa, fortemente raccomandata.

La polizza vita per mutuo (o protezione mutuo) è, invece, un’ulteriore garanzia che tutela i richiedenti in caso di imprevisti, ivi incluso il licenziamento o la malattia.

L’assicurazione contro incendio e scoppio è solitamente proposta dalla banca stessa presso la quale si richiede il mutuo, tuttavia è bene sapere che è nel diritto del richiedente:

  • Scegliere un’altra polizza diversa da quella proposta dalla banca (si hanno 10 giorni di tempo dal momento della proposta per trovare una soluzione alternativa e più vantaggiosa);
  • Assicurare il valore di ricostruzione a nuovo dell’immobile.

Assicurazione mutuo obbligatoria sulla vita: è più importante

La polizza contro incendio e scoppio è obbligatoria ed è un’ottima tutela per la casa, ma la polizza vita per il mutuo tutela anche la famiglia, in caso di imprevisti gravi quali il decesso o l’invalidità del contraente.

Quando si stipula una polizza vita si può decidere se pagare tutto in unica soluzione o se frazionare il premio in quote annuali, semestrali o mensili. La soluzione frazionata è indicata nei casi in cui si riesce a estinguere il mutuo in anticipo, per cui la polizza si interrompe automaticamente allo scadere del rateo (ma, in ogni caso, nell’ipotesi di un’estinzione anticipata, il premio versato anticipatamente viene rimborsato). In caso di surroga (ovvero se si cambia l’istituto bancario che eroga il mutuo), la polizza precedentemente stipulata con la banca si estingue ed è necessario stipularne una nuova con la banca subentrante (come prevede il regolamento IVASS, Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni). In caso di polizza vita stipulata con una compagnia assicurativa diversa dalla propria banca, nell’ipotesi di una surroga cambia solo l’istituto bancario, perché la polizza stipulata altrove segue il mutuatario senza costi aggiuntivi o obblighi (fatto salvo il diritto della banca di verificarla congruità rispetto al mutuo richiesto).

Perché conviene avere una polizza vita per il mutuo

La polizza vita è rivolta a chi sottoscrive il mutuo – anche come garante – ed è consigliata a chi ha una famiglia e alle coppie di fatto. La polizza può essere sottoscritta da chi è residente in Italia, ha un’età compresa tra 18 e 70 anni. È bene ricordare che il capitale di tutte le polizze vita non è pignorabile né sequestrabile. Durante la fase di adesione, è previsto l’accertamento delle condizioni di salute tramite un semplice questionario che serve alla banca o alla compagnia assicurativa per determinare il livello di rischio del richiedente la polizza vita. I vantaggi di una polizza vita in caso di mutuo si trovano nelle clausole:

  • In caso di decesso, malattia debilitante, invalidità permanente del titolare del mutuo, il beneficiario o i beneficiari della polizza ricevono una somma utile a pagare la parte mancante del debito (mutuo);
  • Le polizze mutuo hanno un capitale che diminuisce con il diminuire del debito residuo (ammortamento alla francese), in caso di necessità si riceve esattamente la somma necessaria per l’estinzione del debito.

I premi assicurativi ovvero i costi di un’assicurazione vita per il mutuo sono tendenzialmente onerosi, ma molto dipende dalle specifiche del richiedente: età, sesso, lavoro, quota capitale, durata del mutuo, stato di salute, città di residenza, stile di vita.

Criteri per valutare un'Assicurazione mutuo obbligatoria

Prima di sottoscrivere una polizza per mutuo è bene leggere attentamente i prospetti informativi e accertarsi su alcuni aspetti, quali:

  • Verificare il tipo di tutele reali offerte (se sono irrevocabili o possono essere modificate nel tempo);
  • Appurare se le garanzie accessorie valgono per tutta la durata del finanziamento e non solo per qualche anno;
  • Valutare l’entità delle commissioni percepite dal proponente la polizza poiché queste incidono sulla rata da pagare;
  • Approfondire le eventuali clausole di esclusione che possono ridurre le garanzie della polizza, le franchigie e le modalità di recesso.

Si consiglia di stipulare polizze con le garanzie realmente pertinenti alla propria situazione, è bene sapere che – come qualsiasi altra forma di assicurazione per la vita – le assicurazioni mutuo si possono detrarre dalla dichiarazione dei redditi.

Polizze “dormienti”: che cosa s’intende

La dicitura “polizze dormienti” indica tutte quelle polizze che rischiano di non essere riscosse dagli eredi perché questi non sanno di esserne i beneficiari.
Quello che occorre sapere è che, secondo una legge del 2008, si hanno a disposizione due anni dalla morte dell’assicurato per poter riscuotere la polizza in quanto eredi, tuttavia negli ultimi anni, attraverso delle indagini, è emerso che vi sono circa 4 milioni di polizze per le quali le compagnie assicurative non sanno se l’assicurato sia ancora vivo o meno, probabilmente perché i familiari non erano a conoscenza della polizza e non hanno potuto fare alcuna dichiarazione.
Ecco che noi vi consigliamo due modi per scoprire se siete o meno beneficiari di una polizza senza saperlo:

  • puoi rivolgerti al broker, banca o compagnia assicurativa di cui il familiare in questione era cliente e chiedere, compilando i documenti necessari, informazioni sull’esistenza di polizze.

In linea con quanto detto fino ad ora, il 2018 è stato l’anno di una piccola ma importante svolta per evitare che le polizze vadano perdute e si tratta di un accordo tra IVASS e Agenzia delle Entrate.
Per prima cosa sappiate che l’IVASS è un ente amministrativo indipendente che tutela il consumatore ed opera sulla base di principi come l’autonomia organizzativa, finanziaria e contabile ma anche sulla trasparenza pensata per garantire stabilità ed il buon funzionamento del sistema assicurativo.
Tale misura risolve solo in parte il problema delle polizze dormienti ed è per questo che quello che ci vuole, in realtà, è una modifica legislativa che vada a tutelare definitivamente i consumatori.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

bioedilizia/

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Go to Top