Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Diffusione degli ascensori

In Italia si registra la presenza di più di 750.000 montacarichi e simili: l'amministratore o il proprietario dell'immobile è tenuto a conoscere le norme per gli ascensori, soprattutto in fatto di sicurezza.
La normativa di riferimento è costituita dal D.P.R. n162 del 30 aprile 1999 e dal D.P.R. 214/2010 che modifica in parte la precedente norma ed è stato realizzato in attuazione della direttiva comunitaria n. 24 del 2006.

Tali modifiche riguardano soprattutto la sicurezza e le opere di manutenzione.

Ascensori a norma: i punti critici

Secondo la normativa relativa agli ascensori, un montacarichi a norma di legge deve dunque possedere le seguenti caratteristiche:

  • dispositivo di bloccaggio delle porte di piano;
  • dispositivo che limiti la velocità;
  • dispositivo per impedire movimenti incontrollati e la caduta;
  • dispositivo di sicurezza contro il logorio delle funi;
  • dispositivo di ammortizzazione;
  • dispositivo che blocchi l'elettricità da eventuali sovraccarichi;
  • dispositivi di emergenza per comunicare con l'esterno;
  • impianto di areazione;
  • comandistica chiara e utilizzabile anche dai disabili;
  • illuminazione della cabina;
  • grandezza sufficiente della cabina;

Un'ulteriore specifica che regola la presenza di ascensori nei condomini, prevede anche che questo venga sottoposto a verifica ogni due anni; si attueranno anche verifiche straordinarie in caso di incidenti.

Ascensori a norma

La verifica che un ascensore sia a norma viene effettuata da organismi certificati, dalle Asl o dall'Arpa.

Per essere sicuro, invece, un ascensore deve:

  • non presentare tubature estranee nel vano di corsa
  • avere la fossa del vano di corsa coperta da materiali ignifughi
  • se possiede una sala macchine questa dev'essere grande abbastanza da permettere le giuste manovre e deve possedere un interruttore generale per spegnere l'intero impianto
  • possedere la corretta illuminazione se il vano di corsa è chiuso da pareti
  • isolare il vano di corsa con pareti ignifughe
  • possedere una porta d'accesso doppia resistente anch'essa al fuoco

Chi paga le spese di installazione e manutenzione degli Ascensori a norma

Secondo il regolamento specifico, è possibile dotare un immobile di un ascensore montacarichi previo il consenso della maggioranza dei condomini, a patto che questi posseggano i 2/3 dei millesimi.
Il Codice Civile stabilisce tuttavia dei criteri precisi come requisiti all'installazione: in sostanza, la costruzione dell'ascensore non deve minare la stabilità dell'edificio.

Detto questo, le spese vengono ripartite secondo due criteri:

  • una metà delle stesse viene divisa a seconda dei millesimi
  • l'altra metà a seconda del piano di abitazione

È possibile per un condomino rifiutarsi di pagare nel momento in cui dichiara ufficialmente che non utilizzerà l'ascensore. Ma può sempre cambiare idea e far rivalutare la suddivisione delle spese.

Il Regolamento del Condominio, in ogni caso, fornisce dettagli sull'argomento.




Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contratto con il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

tasse sulla prima casa

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Plusvalenza nella vendita di un immobile: ecco la nostra guida

Plusvalenza nella vendita di un immobile

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

Leggi anche...

DIA e SCIA: conosci le differenze?

Un immobile che debba essere demolito o soggetto a lavori di restauro o ampliamento, richiede che il proprietario comunichi all’amministrazione competente l’intenzione ad avviare i lavori, tramite specifiche procedure.

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top