Anche le scale incidono in modo significativo sulla qualità di un arredamento moderno e sulla sua resa complessiva. Ciò è vero non solo per le abitazioni private, ma anche per gli uffici o per qualunque altro ambiente indoor che si sviluppi su più piani. Ecco perché è necessario studiare la loro progettazione e la loro installazione con la massima attenzione, senza trascurare alcun dettaglio e tenendo conto di ogni esigenza che deve essere soddisfatta, ma soprattutto considerando le caratteristiche delle stanze che esse sono chiamate a collegare.

Le scale a sbalzo di Tendaflex rappresentano, per esempio, un'ottima soluzione su cui fare affidamento, contraddistinte da alti standard di qualità e da un design elegante e funzionale.

Funzionalità e design

Tra gli elementi di rifinitura che contribuiscono a definire l'aspetto delle scale ci sono, per esempio, le ringhiere. Se fino a qualche tempo fa ci si concentrava solo sulla loro funzione di sostegno senza pensare al loro stile, adesso la situazione è cambiata: ecco perché non si ha più a che fare con le pesanti e poco accattivanti strutture in metallo di un tempo, ma si può scegliere tra soluzioni molto più raffinate e molto meno ingombranti, ideate da designer che hanno compreso il valore di tali elementi.

Di conseguenza, al giorno d'oggi le ringhiere possono essere considerate delle estensioni naturali delle scale, delle appendici chiamate a conservarne l'equilibrio e a integrarsi con la loro estetica. Tra i materiali che vengono usati più di frequente ci sono le leghe metalliche di ultima generazione e l'acciaio inox, ma non vanno dimenticate alternative come il legno, il vetro o il plexiglass. Un'altra soluzione di pregio va individuata nel ferro battuto, a cui si ricorre in contesti classici. Ampia e variegata, poi, è la scelta per le rifiniture, con la verniciatura e il metallo satinato che offrono opzioni degne di attenzione, al pari del metallo spazzolato.

Le tipologie di scale per interni

Ma quali sono i modelli di scale per interni da preferire per arredare un ambiente con eleganza? Nessuna valutazione può essere compiuta se prima non si prendono le misure: in altri termini, è indispensabile capire quanto spazio si ha a disposizione, e solo a partire da questi dati è possibile procedere. Quando si è in presenza di una superficie modesta e, quindi, si ha la necessità di ottimizzare gli spazi, una scelta ottima è rappresentata dalle scale a chiocciola, che con la loro particolare conformazione non possono certo passare inosservate. La figura geometrica della spirale, tanto affascinante quanto misteriosa, permette di percorrere nei due sensi il dislivello che deve essere coperto.

Il palo centrale di una scala a chiocciola potrebbe essere realizzato in metallo cromato o in acciaio inox, mentre per i gradini le possibilità sono tante: il vetro, per esempio, è molto elegante, ma richiede una manutenzione costante e deve essere pulito spesso. La regolazione dell'alzata è un altro degli aspetti a cui è opportuno pensare in anticipo se si vuole avere la certezza di ottenere un risultato impeccabile. Parlando di numeri, il diametro di una scala a chiocciola può andare da un minimo di 1 metro e 20 centimetri a un massimo di 1 metro e 80 centimetri.

I materiali consigliati

Le scale per interni, dunque, sono autentici elementi di arredo che condizionano l'aspetto degli ambienti. Per chi vive in un appartamento dal sapore rustico o semplicemente ha voglia di un tocco vintage, le scale in legno offrono una risposta perfetta. La versatilità di questo materiale, per altro, fa sì che esso si possa ben adattare anche ad attici o abitazioni super moderne, dando vita a un effetto di contrasto che serve a dare calore e rende l'atmosfera più familiare e accogliente.

Se poi il legno è stato sottoposto a lavorazioni artigianali, il risultato è ancora più intrigante. I gradini incassati all'interno dei fascioni laterali offrono bellezza e praticità, mentre per la ringhiera si può scegliere tra colonnine a loro volta realizzate in legno, colonnine in ghisa con decoro o colonnine in acciaio satinato. Si tratta, come è facile intuire, solo di alcune tra le tante proposte che meritano attenzione. Nel caso in cui si opti per una balaustra in vetro, lo stesso può essere decorato o trasparente, mentre il rivestimento delle pedate e il sottogrado possono essere dotati di una moquette autoadesiva.

Le scale più moderne

Le scale moderne - siano esse sospese, a sbalzo, a spirale, e così via - hanno il pregio di adattarsi alle caratteristiche dei materiali più diversi: dal ferro al rame, dal legno all'alluminio, le prestazioni sono sempre elevate. Nel caso delle scale a sbalzo, cioè caratterizzate dall'alzata aperta per i gradini, questi ultimi possono essere poggiati su basi o venire fissati direttamente alle pareti. Qualunque sia la scelta che si compie, la sensazione di leggerezza che ne deriva è fantastica: si ha quasi l'impressione di avere a che fare con opere scultoree, senza che ciò rappresenti un compromesso tale da sacrificare la sicurezza di chi quelle scale dovrà scenderle o salirle.

Ricapitolando, è fondamentale affidarsi ai migliori professionisti del settore per non incorrere in brutte sorprese (soprattutto problemi strutturali in fase di montaggio), e avere sempre il miglior rapporto qualità prezzo, garantendo elevati standard di competenza e anni di esperienza completamente al servizio del cliente. Per non sbagliare, che siano scale o velux, tendaflexsrl.com è la nostra scelta.





Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mutuo ipotecario: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento

acquistare casa con il mutuo ipotecario

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Come si effettua il calcolo del valore immobiliare

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Vincolo paesaggistico: ecco un interessante approfondimento

Vincolo paesaggistico

Vincolo paesaggistico: quando si acquista o si prende in affitto un’abitazione, le opere di ristrutturazione sono spesso d’obbligo soprattutto se si desidera avere una casa più comoda e confortevole.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Leggi tutto...
Go to Top