Il fenomeno delle smart home sta conoscendo una costante e rapida crescita anche nel nostro Paese, con l'aumento del numero di abitazioni intelligenti. Proprio per questo motivo, si sta sviluppando una concezione inedita di comfort casalingo, destinato a rivoluzionare le abitudini delle persone in ogni angolo del mondo.

I dati forniti dall'Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano hanno messo in evidenza la crescita del settore della domotica, che allo stato attuale supera i 250 milioni di euro di valore complessivo. Il settore sta conoscendo, quindi, un autentico boom, a cui contribuisce in modo particolare l'evoluzione delle nuove tecnologie per la casa, come per esempio i sistemi di antifurto intelligenti, capaci di modificare in maniera radicale la protezione domestica.

I vantaggi offerti dalla domotica

Grazie alla domotica oggi abbiamo l'opportunità di beneficiare di una protezione a 360 gradi, per merito di sistemi di antifurto casa intelligenti. Un allarme smart mette a disposizione gli sviluppi tecnologici di ultima generazione per garantire una protezione a 360 gradi. Ma le ragioni per le quali vale la pena di ricorrere a una soluzione simile sono molteplici: per esempio la presenza di un impianto all'avanguardia fa sì che il valore economico dell'abitazione aumenti, e ciò si può rivelare molto utile nel caso in cui si abbia in mente di rivendere l'immobile. Con l'ausilio della domotica una casa può vedere crescere il proprio valore fino all'8%, non solo per il miglioramento del comfort abitativo, ma soprattutto per l'aumento della sicurezza domestica. In più, è bene tener presente un ulteriore fattore quale quello del risparmio energetico: vivere in un'abitazione che non genera sprechi permette di ridurre il proprio impatto sull'ambiente e, soprattutto, riduce in modo significativo le bollette.

Quando c'è bisogno degli antifurti smart

Gli impianti di allarme intelligenti, in particolare, sono destinati a garantire una grande varietà di benefici a chi sceglie di installarli: per esempio, sono molto difficili da sabotare e da disinnescare. L'evoluzione della tecnologia, infatti, mette sempre più in difficoltà i malintenzionati, che devono fare i conti con soluzioni all'avanguardia più performanti di quelle passate. Non va dimenticato, poi, che l'intelligenza artificiale fa sì che gli eventuali problemi e le situazioni di emergenza possano essere individuate in tempo reale con maggiore efficacia.

Resta da capire, a questo punto, quali siano i migliori antifurti che meritano di essere presi in considerazione, ma la scelta di acquisto è condizionata da numerose variabili. Prima di tutto è necessario pensare a quale livello di protezione si vuole: esso va valutato in base alle caratteristiche della casa (un appartamento al piano terra ha esigenze diverse rispetto a un appartamento al quinto piano), alla sua ubicazione geografica (una casa in centro città è più sicura rispetto a una villa isolata in campagna) e anche alla presenza o meno di oggetti di valore da proteggere.

Come scegliere l'antifurto

Occorre verificare, poi, la capacità di copertura del sistema di allarme a cui ci si affida: alcuni sono in grado di coprire unicamente gli ambienti interni di un'abitazione, mentre altri permettono di tenere sotto controllo anche gli spazi esterni. Ovviamente, non si può fare a meno di una connessione a Internet, che garantisca la possibilità di un accesso da remoto al sistema: che ciò avvenga tramite uno smartphone, con un tablet o via computer, ciò che conta è che sia prevista l'opportunità di monitorare a distanza quel che avviene in casa.

L'installazione

Un aspetto che troppo spesso viene sottovalutato, quando si parla di antifurti per la casa, è quello relativo all'installazione dell'impianto, che dovrebbe essere affidata a un tecnico professionista per evitare imprevisti, inconvenienti o malfunzionamenti. L'antifurto su cui si decide di puntare dovrebbe essere contraddistinto da una configurazione tale da risultare di difficile disattivazione, e proprio per questo motivo non vincolata alle onde radio o alle batterie.

Ecco perché il ricorso a un antifurto senza fili deve sempre essere valutato con cautela, a maggior ragione nel caso di sistemi non molto recenti. La quantità e la qualità dei sensori corrispondono a ulteriori fattori da prendere in esame: non servono solo quelli di movimento, utili a identificare la presenza di intrusi in casa, ma c'è bisogno anche di sensori contro gli allagamenti, contro gli incendi e contro le fughe di gas. La sicurezza in un appartamento non dipende solo dalla capacità di tenere alla larga i ladri, ma anche dalla certezza di evitare incidenti domestici.

D'altro canto, è essenziale che i sensori in questione risultino il più possibile affidabili, anche per prevenire i falsi allarmi, decisamente fastidiosi. Meglio non orientarsi verso un risparmio eccessivo, dunque, poiché esso potrebbe essere sinonimo di qualità non eccelsa: ciò è vero in particolare per la centralina, da cui deriva il corretto funzionamento di tutti i sistemi di protezione.

L’antifurto con il drone super smart

Fra non molto ci si potrà affidare, per la sicurezza della propria abitazione, ad innovativo e super tecnologico sistema per la videosorveglianza. Stiamo parlando di un sistema del tutto alternativo, e con tutta probabilità anche molto più efficiente rispetto a quelli tradizionali. Non vi saranno più le sole telecamere perciò ma, sulla nostra incolumità, vigilerà un autentico drone antifurto.

L’idea così originale è stata una proposta della Sunflower: la startup americana con sede a Zurigo. Gli ingegneri, hanno sviluppato un modello particolare di quadricottero molto smart che possiede delle caratteristiche ben definite e molto interessanti. Ovviamente, come ogni drone di fascia così alta, il drone smart invia dei fotogrammi in diretta sugli smartphone registrati dai proprietari. Si tratta però solamente di Questa però è solamente una tra le tante funzionalità, difatti, il drone antifurto, si può successivamente associare a tutta una collezione di lampioncini intelligenti che, utilizzando questa stessa intelligenza artificiale, sono capaci di valutare se, nel perimetro della propria abitazione, è avvenuta una qualsiasi pericolosa intrusione. Il drone poi si alzerà nuovamente in volo. Poi, differentemente dai classici sistemi di allarme dotati di tradizionali telecamere di sicurezza, il nuovo sistema di antifurto smart messo a punto dai tecnici della Sunflower Labs, è in grado di riconoscere pure i cosiddetti “fake alarms” come per esempio si possono classificare gli animali domestici oppure il postino e, quindi, evitare le inutili preoccupazioni.

Per riuscire a comprendere per bene il funzionamento di tale nuovo sistema di sicurezza si deve sapere che alla sua base ci sono proprio i lampioncini intelligenti sopracitati che vanno disposti nel perimetro esterno della casa. Questi, sono dotati di una particolare led multicolore che si gestisce con l’app per lo smartphone. I lampioncini si auto-alimentano con i pannelli fotovoltaici e sono forniti di speciali sensori per rilevare i movimenti di diversa natura, di sensori di vibrazione per i piccoli movimenti del terreno e differenti microfoni per “sentire” quello che accade nelle vicinanze.




Potrebbe interessarti

Disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi anche...

Diritto di prelazione immobiliare

La prelazione è il contratto col quale, a parità di condizioni, una parte attribuisce all'altra il diritto a essere preferito a terzi. La prelazione può essere:

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top