L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione. Il primo step è quindi leggere attentamente gli annunci immobiliari tra privati (la ricerca online è più veloce e pratica se si utilizzano servizi appositi come, per esempio, annuncino.it). Le app per dispositivi mobili sono la nuova frontiera della ricerca di una casa, ma anche uno strumento utile per gli agenti immobiliari per trovare clienti.

Quali sono le app per cercare casa

Le app facilitano la vita di tutti giorni, alcune sono utili come quelle per cercare casa, compatibili con sistemi operativi iOS, Android e WindowsPhone, facili da installare e utilizzare. Attraverso le app è possibile non solo trovare casa, ma anche pubblicare annunci immobiliari privati di vendita o affitto. Le principali app che offrono questo servizio sono ideate dalle stesse agenzie immobiliari più note in Italia, ma la comodità di utilizzare l’app, piuttosto che consultare il sito web omonimo dell’agenzia immobiliare consiste nella:

  • rapidità di consultazione;
  • praticità di ricevere notifiche su annunci nuovi pubblicati e corrispondenti ai propri criteri di ricerca:
  • possibilità di aggiungere promemoria su ogni scheda consultata.

App per annunci immobiliari: Idealista

L’app di Idealista.it è tra le migliori in circolazione; come altre app simili permette di configurare la ricerca (affitto, vendita, tipologie di casa, camere condivise) con l’inserimento della provincia, la città e la specifica del quartiere. È possibile impostare i filtri per fascia di prezzo, tipologia di casa, numero delle camere, numero dei bagni, dimensione, stato, presenza di servizi o pertinenze quali ascensore, garage, giardino, terrazze. La visualizzazione dei risultati può essere effettuata attraverso la mappa o con le fotografie. L’utilizzo di dispositivi mobili con touch screen permette di circoscrivere la zona di interesse con le dita direttamente sulla mappa.

L’app di Idealista ha tra le funzioni “intelligenti”, anche la geo-localizzazione, il salvataggio degli annunci interessanti, l’aggiunta di commenti e annotazioni personali (visibili solo a se stessi), un’agenda – in caso di contatti – con la data della visita e altre informazioni. Infine, l’app può essere utilizzata anche con la sincronizzazione con lo smartwatch sul quale compaiono le notifiche in tempo reale ed essere tempestivi nel cogliere l’occasione d’oro. Un’ulteriore servizio messo a disposizione dall’app di Idealista è la possibilità di effettuare una ricerca attraverso il numero di telefono trovato su un cartello “Affittasi” o “Vendesi” trovato per strada, purché l’annuncio sia anche stato pubblicato su “Idealista”. L’app è scaricabile dal sito ufficiale dell’Agenzia immobiliare.

App: Immobiliare.it

Un’altra app molto utile e interessante è quella messa a disposizione dall’agenzia Immobiliare.it, anche se non permette la ricerca di singole stanze in appartamenti condivisi. Le funzioni di ricerca per zone è molto chiara e intuitiva. I risultati di ricerca sono ben schematizzati e presentati in base ai filtri impostati come la provincia, il comune o il quartiere di interesse. Tra i filtri standard, si può anche impostare la ricerca in base all’efficienza energetica o al tipo di riscaldamento. L’account personale permette di salvare gli annunci preferiti o eliminare quelli che non rientrano più tra le preferenze prioritarie, oltre che segnare a margine i propri commenti. Anche l’app di Immobiliare.it si può sincronizzare con lo smartwatch, è scaricabile dal sito ufficiale dell’agenzia immobiliare ed è compatibile con i dispositivi, Apple, Android, WindowsPhone e Blackberry.

Casa.it

È un’app più elementare ed essenziale nei filtri di ricerca, ma è particolarmente comoda per chi non ama registrare nuovi account; infatti con l’app di Casa.it è possibile fare le ricerche e salvare i risultati preferiti senza dover registrare l’account (in questo modo non si ricevono neanche le notifiche di annunci nuovi). Una funzione graficamente gradevole e utile è la visualizzazione attraverso un’icona pop-up che indica se la casa visualizzata ha il garage o posto auto.

L’app si può scaricare direttamente dal sito ufficiale di Casa.it ed è compatibile con i dispositivi iOS, Android e WindowsPhone.

App perfette e perfettibili

Le app per la ricerca o la vendita di case sono sempre più complete e vicine alle esigenze degli utenti, ma ci sono alcune funzioni che potrebbero essere implementate, come per esempio la gestione degli appuntamenti e le chiamate: alcune app, infatti, non permettono di contattare direttamente chi pubblica l’annuncio o di gestire l’agenda degli appuntamenti; per poter fare questo si può scaricare un’altra app che si chiama “Casa App” (compatibile per iOS e Android) che funziona come una sorta di quaderno virtuale in cui appuntare le caratteristiche delle abitazioni già viste, organizzare gli appuntamenti, disegnare la planimetria, calcolare le rate del mutuo e aggiungere foto e dettagli.

Tutte le principali app – grazie alla geo-localizzazione – impostano la ricerca di default nel paese (anche estero) in cui ci si trova, per cui occorre ricordarsi sempre di cambiare nelle impostazioni l’area geografica o il paese di interesse.





Potrebbe interessarti

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Certificato agibilità e requisiti per l'abilità

L'agibilità è la certificazione di cui un edificio riceve quando rispetta tutti i requisiti di legge necessari a garantire la sicurezza dei locali; il suo riferimento normativo è il Testo Unico dell'Edilizia (DpR 380/2001).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Eni: guida pratica per la richiesta

L'Eni è un'azienda che si occupa di ricercare, produrre e commercializzare petrolio e gas naturale; ha all'attivo più di 75.000 dipendenti in circa 70 paesi. La voltura Eni, così come tutte le volture di questo tipo, viene richiesta all'ente erogatore in caso di subentro, nel contratto già preesistente, di un nuovo intestatario.

Leggi tutto...
Go to Top