Inadeguate e vulnerabili. Per queste ragioni, le serrature di un tempo sono oggi a rischio e facili prede di ladri e criminali sempre più esperti. Appare dunque necessario e saggio sostituire elementi ormai desueti e dotarsi al più presto di serrature di sicurezza moderne e tecnologiche per assicurare alla propria casa e ai propri beni una protezione costante ed una sicurezza totale.

Così come crescono dunque gli strumenti per scassinare porte e finestre, aumenta la paura e dunque la necessità di avere un livello più alto di sicurezza per se stessi e per la propria famiglia. Una sicurezza che deve per forza passare da serrature sempre più adatte a ogni tipo di esigenza e di appartamento. Ogni prodotto è dunque costruito per rendere la scelta del cliente più flessibile e orientata alla sicurezza. Non possono mancare dunque principi di tecnologia, da unire alla qualità e all'innovazione che non deve mai fermarsi. D'altronde il mercato attuale che si occupa proprio di sicurezza residenziale è in grado di proporre prodotti performanti, nati dopo numerosi test e prove in laboratorio per soddisfare al meglio il consumatore.

Materiale delle porte

Pensiamo alla porta, da sempre chiaro simbolo di difesa, e al timore di ognuno di noi di vedere sconosciuti varcare la soglia di casa. Un danno materiale, ma il più delle volte anche e soprattutto psicologico. La scelta su come proteggersi, dunque, deve essere effettuata dopo un'attenta analisi e valutazione dei rischi che realmente corriamo. A quel punto, sarà inevitabile tirare le somme e trovare la soluzione che unisca al meglio la disponibilità di budget, le offerte e l'impatto visivo.

Attenzione: tutti i prodotti devono essere certificati secondo le più severe norme di riferimento internazionali. C'è da sottolineare un punto fondamentale, ovvero che esiste una grande differenza tra prodotti “testati” e prodotti “certificati”. Nel primo caso, l’azienda produttrice dichiara la conformità ad un parametro o a tutta la norma di riferimento. Nel secondo caso, entra in azione un ente terzo che prova l’effettiva rispondenza a quanto richiesto dalla norma e tiene sotto controllo, nel tempo, la produzione con verifiche ispettive.

Parliamo dunque di serrature per porte blindate. Ampia la scelta, come quelle con blocca aste elettronico motorizzato supplementare da abbinare a qualsiasi serratura per porte blindate. In questo caso l'apertura e la chiusura sono gestite da un codice da tastiera e il tutto è alimentato a batteria. Oppure esiste la versione leggermente diversa, un blocca aste supplementare a bloccaccio verticale con o senza chiusura laterale, con cilindro a pressione o cilindro di sicurezza Champions a profilo europeo. Si va poi dalle serrature con chiave doppia in versione anti-grimaldello bulgaro a quelle con chiave a doppia mappa per armadi di sicurezza. Ottime anche le casseforti di sicurezza certificate disponibili con chiusura elettronica o a chiave o entrambe. In vendita, sia modelli da pavimento che da murare, tutti dotati di chiavistelli. Non mancano, infine, le serrature da applicare a porte di legno, per serramenti in alluminio e ferro, grate e cancelli, serrature per porte a chiusura automatica o fermo giorno, con maniglione antipanico o con dispositivo di emergenza azionato da una maniglia.

Le principali tipologie di serrature per porte blindate di ultima generazione

Per la sicurezza passiva delle abitazioni, la tecnologia viene in aiuto con una serie di tipologie di serrature per porte blindate dai sistemi sofisticati e all’avanguardia e un po’ per tutte le tasche. Ecco di seguito, una serie di serrature all’avanguardia per garantirsi maggiore sicurezza:

  1. Serratura a doppia mappa: una tipologia che si colloca tra tradizione e innovazione a prova di grimaldello ed è anche la più diffusa. La serratura a doppia mappa si compone di due lamelle sovrapposte che nella parte centrale presentano un foro che segue il profilo della chiave che una volta estratta impedisce il movimento del perno. Questa tecnologia si è evoluta nel tempo fino a declinarsi nelle versioni a prova di grimaldello o chiave bulgara (la chiave bulgara è un arnese che ricrea il profilo della chiave di una serratura a doppia mappa senza dover smontare la serratura stessa). I modelli anti-chiave bulgara sono, quindi, molto più sofisticati.
  2. Serratura a cilindro europeo: prevede una chiave punzonata ed è un’evoluzione della doppia mappa, ma deve essere ben fatta per diventare efficace, infatti maggiore è il numero dei pistoncini della serratura, maggiore è il grado di sicurezza. Una buona serratura a cilindro europeo deve essere antibumping e dotata di pistoncini e contro-pistoncini in acciaio inox. Inoltre, il cilindro deve essere rinforzato, dalla forma che ostacoli l’estrazione dello stesso da parte dei malintenzionati e che sia dotato di “optional” quali le spine antitrapano in acciaio temprato e sistemi antistrappo.
  3. Defender: un metodo per rendere la serratura sicura è dotarla esternamente di un defender in acciaio temperato. Si tratta di una borchia posta a protezione del cilindro della serratura, da collocare al’interno della porta. Esistono diverse tipologie di defender, da quelli dotati di sistemi di allarme con sirena a quelli con il dispositivo blocca-aste che si attivano quando si cerca di forzare la protezione. Per rendere efficaci questi sistemi è, però, necessaria la qualità del prodotto e la corretta installazione.
  4. Serrature digitali biometriche: è una innovazione nel settore delle serrature poiché si tratta di un sofisticato sistema che non richiede alcuna chiave e che permette l’apertura della porta solo al proprietario tramite strumenti di riconoscimento avanzati come per esempio lo scanner ottico o lo scanner termico per rilevare le impronte digitali oppure tramite l’inserimento di un PIN segreto. Questa tipologia di serratura è molto costosa, ma sicuramente efficace.

Tra gli espedienti per migliorare la sicurezza vi è la possibilità di scegliere chiavi protette con la duplica tura tramite codice PIN che significa che la duplicazione delle chiavi può essere fatta solo dal proprietario inserendo il codice segreto.

I prezzi medi delle serrature per porte blindate

I prezzi delle serrature dipendono dal grado di tecnologia che si vuole applicare, partendo dalle più economiche serrature a doppia mappa, fino a quelle più costose biometriche, con un range che va da 30 € per i modelli base fino a oltre 800 € per quelli più sofisticati. La scelta dipende anche molto dalle proprie esigenze e dalle ipotesi di rischio, rispetto alla zona di residenza, nonché il grado psicologico di sicurezza che si vuole ottenere con la scelta della serratura giusta.

Esempi di serrature

Un valido esempio sono le serrature Mottura, azienda leader nella produzione di serrature per porte blindate. La gamma è davvero ampia e vede serrature con chiavi a doppia mappa, chiavi a duplicazione protetta MY KEY®, serrature per cilindro europeo e versioni “Plurisistema” dotate di entrambi i sistemi di chiusura. Le serrature a doppia mappa, ad esempio, sono disponibili con vari tipi di nuclei intercambiabili e nuclei ricifrabili. In questo modo, è decisamente facile cambiare le chiavi senza dover sostituire la serratura completa.





Potrebbe interessarti

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ufficio del Catasto

L’ufficio del catasto è un registro pubblico di documenti contenenti i dati catastali di un immobile. Vediamo alcune tipologie di documenti che possiamo reperire all’ufficio del catasto:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top