Per favorire l’ammodernamento e l’efficientamento energetico di singole abitazioni private o di interi condomini, lo Stato ha previsto in questi anni svariate iniziative, tra cui delle agevolazioni per il risparmio energetico, che spesso sono state raggruppate sotto il termine “Ecobonus”. Attraverso tale iniziativa, coloro che avessero eseguito diverse tipologie di interventi per la propria casa oppure all’interno di un condominio, hanno diritto a richiedere delle detrazioni e quindi un rimborso per le spese sostenute.

Nel corso di questi anni, l'Ecobonus è stato man mano ampliato, vi sono stati inseriti nuovi interventi edili e le detrazioni che potevano essere richieste si sono differenziate. Infatti oggi è possibile usufruire, da questo punto di vista, di rimborsi che vanno dal 50% fino addirittura al 110% delle spese sostenute. Tuttavia, a proposito di tali rimborsi, ci sono state ulteriori novità, sempre nell’ambito delle agevolazioni per il risparmio energetico. Andiamo quindi ad approfondire questo argomento e conoscerne di più.

Non solo detrazioni 

Fino a qualche anno fa, eseguendo dei lavori per migliorare l’efficienza energetica di una casa o di un condominio, si poteva fare richiesta di detrazioni, cioè del rimborso di una quota variabile (come detto dal 50% al 110%, in base al tipo di interventi eseguiti) delle spese effettuate. Tale rimborso, richiesto al momento della dichiarazione dei redditi, veniva ottenuto nell’arco di un decennio, attraverso 10 rate annuali di uguale importo. Adesso, è possibile usufruire di tali agevolazioni per il risparmio energetico anche in altro modo.

Infatti, sono state create alcune modalità alternative all’uso delle detrazioni fiscali nell’annuale dichiarazione dei redditi e che sono lo sconto in fattura e la cessione del credito. Un qualsiasi soggetto, che ha svolto interventi edili e vuole usufruire delle agevolazioni per il risparmio energetico, può richiedere uno sconto in fattura. In pratica, tali spese vengono anticipate dalla ditta esecutrice dei lavori e poi da questa recuperate, come credito d’imposta per un importo equivalente alla detrazione spettante.

Successivamente, nel caso, tale credito d’imposta dell’impresa può essere ceduto da questa ad altri soggetti, tra cui anche istituti di credito e vari intermediari finanziari. In altre parole, quindi, l’impresa edile anticipa i soldi dei lavori e diventa creditrice dello Stato e quest’ultimo poi rimborserà tale debito (e quindi quanto anticipato) attraverso sconti sulle imposte che l’impresa deve pagare annualmente. L’impresa, nel caso, può anche decidere di cedere tale credito verso lo Stato ad altri soggetti. 

Altra possibilità, per colui che intende beneficiare di agevolazioni per il risparmio energetico a seguito di lavori, è quella della cessione diretta del credito d’imposta ad altri soggetti, tra cui appunto istituti bancari o intermediari finanziari. Nel caso di bonus casa ordinari, la comunicazione della cessione del credito (relativamente a lavori su singole unità immobiliari) deve essere effettuata dal beneficiario della detrazione o da un intermediario. 

Diversa è invece la modalità, quando si voglia usufruire delle agevolazioni sul risparmio energetico relativamente all’Ecobonus 110% optando per la cessione del credito. In tale caso specifico, la trasmissione dell’apposito modulo telematico deve essere effettuata dal soggetto che ha rilasciato il visto di conformità o dall’amministratore del condominio (direttamente oppure per mezzo di un intermediario).

Esempi di interventi oggetto di agevolazioni per il risparmio energetico

risparmio

Tra i lavori per cui si ha diritto ad usufruire del cosiddetto Ecobonus del 110% e quindi delle agevolazioni per il risparmio energetico, vi sono, tra gli altri: gli interventi per l’isolamento termico di varie tipologie di superfici (in pratica, il cappotto termico) di un edificio; lavori relativi ad impianti di riscaldamento in condominio ed impianti di riscaldamento in proprietà esclusiva. 

Riguardo alle agevolazioni per il risparmio energetico, che consentono di ottenere un rimborso del 65%, vi rientrano anche interventi per l’installazione di pannelli solari oppure per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione di diverso tipo o, ancora, per la realizzazione di un sistema domotico, cioè il controllo da remoto, attraverso dispositivi elettronici, dei vari impianti della casa.

Per quanto concerne invece le agevolazioni per il risparmio energetico che danno diritto ad un rimborso del 50%, vi sono diversi tipi di lavori, tra cui la sostituzione di infissi e l’acquisto di schermature solari. Come si può notare, diverse sono le opzioni tra cui scegliere per poter usufruire delle detrazioni statali. Vi sono quindi agevolazioni per il risparmio energetico per ogni genere di necessità o intervento. 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

I più condivisi

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Guida per comprare casa

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi anche...

Successione per gli immobili: cosa fare e come comportarsi

successione immobili

Dopo la morte del de cuius, tutte le forme testamentarie sopra elencate prevedono l’intervento del Notaio per la pubblicazione e l’atto di ricevimento con apertura della successione per gli immobili. La differenza tra i diversi tipi di testamento non è solo formale: il testamento pubblico può offrire diversi vantaggi, oltre ad una maggiore sicurezza per l’inattaccabilità delle disposizioni.

Leggi anche...

Come risparmiare sulla bolletta della luce

tramonto lampadina

Non passa giorno senza essere contattati, tramite telefono ed e-mail, da vari fornitori di luce e gas che ci offrono tariffe più convenienti o speciali offerte per diventare loro clienti e abbandonare il nostro attuale gestore.

Go to Top