Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Un altro fattore da valutare è poi quello della metratura e delle caratteristiche strutturali dell'immobile che si desidera affittare.

Le spese per affittare un loft

Affittare un loft solitamente non richiede spese eccessive rispetto invece all'affitto di un'intera abitazione tradizionale; se si hanno davvero pochi soldi a disposizione sarà però necessario optare per l'affitto di un'unica camera.
Questo tipo di abitazione è particolarmente indicata per coloro ai quali piacciono gli ambienti open space e che hanno bisogno di aree non eccessivamente spaziose. Il loft è infatti distribuito su uno spazio unico e di un solo piano e viene spesso ricavato da aree industriali dismesse o da garage inutilizzati; possiede inoltre delle altezze interne nettamente superiori rispetto agli immobili residenziali canonici.

La scelta ideale per i single

Questo tipo di abitazione in affitto è molto indicato per i single e anche per coloro che vogliono aprire una propria attività commerciale. Quando si opta per questa scelta, è possibile trovare soluzioni già arredate oppure da arredare; alcuni loft sono altresì provvisti di zona soppalcata.
Questo ambiente stimola infine la creatività e la fantasia, quando si decide di arredarlo o ristrutturarlo.

Vantaggi e difetti del loft

I vantaggi dell'affitto di un loft sono:

  • Molto spazio a disposizione. Come si diceva, vengono spesso ricavati da ex fabbriche, ovvero ambienti di molti metri quadrati.
  • Luminosità. Conseguenza del punto precedente, perché sicuramente questi spazi godono di grandi finestre il che, unito all'assenza di divisioni nell'ambiente, permettono alla luce di raggiungere tutti gli angoli.
  • Possibilità di personalizzazione. Grandi ambienti senza divisioni e senza arredi: si può creare davvero di tutto al loro interno: si possono dividere i metri quadrati con pareti divisorie, si può lasciare un ambiente unico, si può adottare qualsiasi stile architettonico, creare installazioni e così via.
  • Risparmio. Si risparmio le spese condominiali e, se si attuano una serie di strategie ad hoc, anche sulle bollette (pannelli solari, luci con sensore di prossimità, vernici isolanti e così via).

Gli svantaggi, invece, sono:

  • Costi per arredamento e lavori. Sicuramente non è possibile vivere un loft senza investirvi denaro: sarà quasi sicuramente necessario operare lavori di tubatura, rete elettrica; oltre che l'acquisto di mobili, di pareti divisorie e così via.
  • Dispersione del calore. Se non si lavora anche su questo, qualsiasi pompa di calore o termosifone sarà inutile: gli ambienti grandi sono difficili da riscaldare.
  • Eco e rumore. Se si lascia un ambiente unico, è possibile che l'acustica ne risenta negativamente.
  • Privacy. Il problema non si pone se si vive da soli ma se, invece, non è così, occorre trovare soluzioni per garantirla.

Affitto loft a Milano

Questa soluzione può costituire un'ottima scelta per chi vive a Milano. In questa città il prezzo medio di una locazione è piuttosto alto, mentre invece un loft può permettere un interessante risparmio.
Le zone dove maggiormente si concentra l'offerta di loft sono:

  • I Navigli. Si tratta di una delle zone più interessanti per la movida milanese. I navigli sono canali artificiali usati anticamente che oggi posseggono ancora un grande fascino.
  • Porta Romana. Una delle sei porte di Milano. Anche questo è un quartiere interessante per la vita notturna.
  • Bovisa. Quartiere nel nord della città, frequentato soprattutto da ragazzi e universitari.

Il costo dell'affitto può variare dai 500€ a oltre i 1000€, a seconda della posizione precisa e delle condizioni dell'immobile. Se arredato, ovviamente il costo è maggiore.

Il portale Affitti.it offre una vasta scelta a riguardo.

A chi rivolgersi a Roma

Anche per la capitale, può essere una scelta vantaggiosa, visti i prezzi di locazione.

Per Roma, le zone più interessate da questo tipo di soluzione sono:

  • Centro storico. Si parla ovviamente di soluzioni di lusso e molto costose, che conservano comunque un elevato senso del gusto.
  • Cipro. Ovvero, nelle vicinanze della Stazione Metro omonima. Zona elegante ma lontana dal caos del centro, a poca distanza da numerosi parchi cittadini.
  • Prati. Altro quartiere bene di Roma, con numerosi locali ed una vivace vita notturna.
  • Università. Le università a Roma sono dislocate in numerosi punti ma attorni ad ognuno di essi si sviluppa un nucleo d'attività interessante.

Pietro Calafiore





Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Volture catastali: tutto quello che c'è da sapere

Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consigli sui lavori di ristrutturazione

Capita un giorno, quando si risiede in un'abitazione vecchia oppure quando si vuole dare un nuovo aspetto alla casa dove si sta già da diversi anni, di voler effettuare dei lavori di ristrutturazione della stessa. Magari il desiderio si era già presentato da molto tempo, tuttavia non si avevano ancora le possibilità economiche per effettuare simili interventi di edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top