Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Un altro fattore da valutare è poi quello della metratura e delle caratteristiche strutturali dell'immobile che si desidera affittare.

Le spese per affittare un loft

Affittare un loft solitamente non richiede spese eccessive rispetto invece all'affitto di un'intera abitazione tradizionale; se si hanno davvero pochi soldi a disposizione sarà però necessario optare per l'affitto di un'unica camera.
Questo tipo di abitazione è particolarmente indicata per coloro ai quali piacciono gli ambienti open space e che hanno bisogno di aree non eccessivamente spaziose. Il loft è infatti distribuito su uno spazio unico e di un solo piano e viene spesso ricavato da aree industriali dismesse o da garage inutilizzati; possiede inoltre delle altezze interne nettamente superiori rispetto agli immobili residenziali canonici.

La scelta ideale per i single

Questo tipo di abitazione in affitto è molto indicato per i single e anche per coloro che vogliono aprire una propria attività commerciale. Quando si opta per questa scelta, è possibile trovare soluzioni già arredate oppure da arredare; alcuni loft sono altresì provvisti di zona soppalcata.
Questo ambiente stimola infine la creatività e la fantasia, quando si decide di arredarlo o ristrutturarlo.

Vantaggi e difetti del loft

I vantaggi dell'affitto di un loft sono:

  • Molto spazio a disposizione. Come si diceva, vengono spesso ricavati da ex fabbriche, ovvero ambienti di molti metri quadrati.
  • Luminosità. Conseguenza del punto precedente, perché sicuramente questi spazi godono di grandi finestre il che, unito all'assenza di divisioni nell'ambiente, permettono alla luce di raggiungere tutti gli angoli.
  • Possibilità di personalizzazione. Grandi ambienti senza divisioni e senza arredi: si può creare davvero di tutto al loro interno: si possono dividere i metri quadrati con pareti divisorie, si può lasciare un ambiente unico, si può adottare qualsiasi stile architettonico, creare installazioni e così via.
  • Risparmio. Si risparmio le spese condominiali e, se si attuano una serie di strategie ad hoc, anche sulle bollette (pannelli solari, luci con sensore di prossimità, vernici isolanti e così via).

Gli svantaggi, invece, sono:

  • Costi per arredamento e lavori. Sicuramente non è possibile vivere un loft senza investirvi denaro: sarà quasi sicuramente necessario operare lavori di tubatura, rete elettrica; oltre che l'acquisto di mobili, di pareti divisorie e così via.
  • Dispersione del calore. Se non si lavora anche su questo, qualsiasi pompa di calore o termosifone sarà inutile: gli ambienti grandi sono difficili da riscaldare.
  • Eco e rumore. Se si lascia un ambiente unico, è possibile che l'acustica ne risenta negativamente.
  • Privacy. Il problema non si pone se si vive da soli ma se, invece, non è così, occorre trovare soluzioni per garantirla.

Affitto loft a Milano

Questa soluzione può costituire un'ottima scelta per chi vive a Milano. In questa città il prezzo medio di una locazione è piuttosto alto, mentre invece un loft può permettere un interessante risparmio.
Le zone dove maggiormente si concentra l'offerta di loft sono:

  • I Navigli. Si tratta di una delle zone più interessanti per la movida milanese. I navigli sono canali artificiali usati anticamente che oggi posseggono ancora un grande fascino.
  • Porta Romana. Una delle sei porte di Milano. Anche questo è un quartiere interessante per la vita notturna.
  • Bovisa. Quartiere nel nord della città, frequentato soprattutto da ragazzi e universitari.

Il costo dell'affitto può variare dai 500€ a oltre i 1000€, a seconda della posizione precisa e delle condizioni dell'immobile. Se arredato, ovviamente il costo è maggiore.

Il portale Affitti.it offre una vasta scelta a riguardo.

A chi rivolgersi a Roma

Anche per la capitale, può essere una scelta vantaggiosa, visti i prezzi di locazione.

Per Roma, le zone più interessate da questo tipo di soluzione sono:

  • Centro storico. Si parla ovviamente di soluzioni di lusso e molto costose, che conservano comunque un elevato senso del gusto.
  • Cipro. Ovvero, nelle vicinanze della Stazione Metro omonima. Zona elegante ma lontana dal caos del centro, a poca distanza da numerosi parchi cittadini.
  • Prati. Altro quartiere bene di Roma, con numerosi locali ed una vivace vita notturna.
  • Università. Le università a Roma sono dislocate in numerosi punti ma attorni ad ognuno di essi si sviluppa un nucleo d'attività interessante.

Pietro Calafiore



Potrebbe interessarti

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Immagine usata nell'articolo Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi anche...

Certificato agibilità e requisiti per l'abilità

L'agibilità è la certificazione di cui un edificio riceve quando rispetta tutti i requisiti di legge necessari a garantire la sicurezza dei locali; il suo riferimento normativo è il Testo Unico dell'Edilizia (DpR 380/2001).

Leggi anche...

Come montare una mensola: una guida breve e pratica!

Quello che manca è sempre il tempo. Ma finalmente è arrivato il week end e non avete più scuse. Dovete fare un pò di manutenzione alla casa e soprattutto dovete montare quei due o tre mobili comprati durante la settimana appena terminata. Ebbene, mettetevi comodi e leggetevi la guida di oggi.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top