| Acquisto casa | Locazione | Mutui | Agenzie immobiliari | Condominio
  Home | Chi siamo | Imposte casa | Consigli trasloco Archivio | Email | Padronidicasa






Cerca nel sito





Versamento cedolare secca: tutto quello che bisogna sapere!

È pienamente operativa dal 7 aprile 2011, la cedolare secca. La cedolare secca, introdotta dall'articolo numero 3 del Dlgs 23/2011 (“Disposizioni in materia di federalismo fiscale”), è una sorta di regime applicabile in maniera facoltativa e opzionale agli immobili in locazione con accatastamento da A/1 ad A/11, ad esclusione di quelli A10, ovvero gli uffici.

Come funziona la cedolare?

La cedolare secca può essere richiesta durante la registrazione del contratto, o applicandola direttamente alla dichiarazione dei redditi, mediante il Modello 69 rivisto o attraverso il documento di denuncia telematico Siria, nato per contratti d'affitto con un numero di locatori e conduttori non superiore a tre eun unica unità abitativa, con tre pertinenze.

Questo versamento può sostituire l'imposta di bollo e di registro, nonché l'Irpef con annesse addizionali. Sostituisce inoltre l'imposta di registro e di bollo, se presente, in merito ad eventuali risoluzioni e proroghe del contratto d'affitto. Rimane però obbligatorio il versamento dell'imposta di registro per la cessione del contratto di locazione.

Dove si applica la cedolare?

Si applica agli immobili in locazione un tasso del 21 %; tale aliquota si riduce al 19% nei casi di contratti di locazione a canone concordato riferiti ad abitazioni, segnalate dal Comitato interministeriale per la programmazione economica, che si trovano in Comuni con alta densità abitativa e con poche unità immobiliari disponibili, secondo quanto previsto dall'articolo numero 1, lettera a e b, del Dl 551/1998.

In materia di locazioni è molto importante tenere in considerazione la regolarità del contratto che si va a stipulare. Molto spesso però in Italia capita che il contratto di locazione non venga firmato affatto, come nel caso degli affitti a studenti fuori sede, o si fa firmare una copia cartacea che non verrà in definitiva mai registrata.

Come fare il versamento cedolare secca

Come per ogni tipo di contratto di locazione, anche per la cedolare secca è necessario il versamento di un una certa somma di denaro. Il versamento della cedolare secca si deve effettuare entro il termine stabilito per il pagamento dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

Nel versamento della quota all'agenzia delle entrate, la legge prevede che i relativi rimborsi, le sanzioni, le eventuali liquidazioni, nonché la riscossione, i contenziosi e gli interessi si applicano seguendo le disposizioni previste per le imposte sul reddito.

L'articolo 3, comma 4 del decreto legislativo stabilisce inoltre che i versamenti in acconto della cedolare secca sono dell'85 % per tutto il 2011, mentre saranno del 95% a partire dal 2012.

L'acconto del versamento

Per i versamenti in acconto della cedolare secca per il 2011, ha effetto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12maggio 2011. L'acconto dovrà essere elargito in un'unica rata entro il 30 novembre 2011, se di importo inferiore ai 257,52 euro, e in due rate, se l'importo è superiore o parai a 257,52 euro.

A partire dal periodo di imposta del 2012, il versamento dell'acconto sulla cedolare secca, sarà pari al 95% dell'imposta che si doveva pagare l'anno prima. Esso dovrà inoltre essere pagato in un'unica rata entro il trenta novembre se di importo inferiore ai 257,52 euro, e in due rate (una del 40% più maggiorazione dello 0,40 %, entro il 6 luglio o 5 agosto – una del 60%, entro il 30 novembre), se l'importo è superiore o parai a 257,52 euro.

Nel secondo caso, la prima rata sarà del 40% e dovrà essere pagata entro il 16 giugno, o entro il 16 luglio con maggiorazione dello 0,40 %; la seconda rata si dovrà poi versare entro il 30 novembre nella misura del 60%. L'imposta verrà poi calcolata a saldo, nel caso in cui l'ammontare non sia superiore ai 51,65 euro.

La cedolare pluriennale

La Cedolare secca con opzione pluriennale prevede la deroga della stessa ogni anno; essa prevede infatti la scelta della durata e delle modalità di revoca del contratto, potendo optare anche per tutta la durata dello stesso. Chi decide per l'opzione pluriennale avrà inoltre la possibilità di una opzione parziale sugli immobili, con l'ulteriore possibilità di optare anche per una sola abitazione, qualora se ne possedesse più di una.

La cedolare secca pluriennale disciplina anche i casi di comproprietà di immobili, offrendo la possibilità ad ogni singolo proprietario di scegliere l'opzione più adatta alle proprie esigenze. Se si sceglie l'opzione pluriennale durante la registrazione del contratto, sarà necessario il modello telematico Siria; se si fa questa scelta a contratto già effettuato, essa dovrà invece avvenire entro lo scadere della data di versamento dell'imposta di registro, utilizzando il modello 69.

Se, infine, tra l'1 gennaio e il 7 aprile, oltre ad avere il contratto, l'acquirente ha già pagato la sua relativa imposta, l'opzione pluriennale dovrà effettuarsi tramite Modello Unico 2012 o 730/2012, della dichiarazione dei redditi. Le quote di acconto da versare nel 2011 sono dell'85 %. L'importo andrà pagata entro il 30 novembre se l'ammontare non è superiore ai 257,52 euro. È possibile anche il versamento in due rate del 40% e del 60%.

Pagine correlate versamento cedolare secca

Versamento cedolare secca: tutto quello che bisogna sapere!

  • Cessazione locazione, cosa fare
    La cessazione di un contratto di locazione può avvenire sia per motivi fisiologici, come la naturale scadenza dell’affitto, o per motivi inerenti al proprietario o all’inquilino.
  • Adeguamento istat locazione: costo dell´affitto determinato dal costo della vita
    Il cosiddetto ´adeguamento istat´ un indice calcolato annualmente dall´istituto nazionale delle statistiche che tratta i cambiamenti che si verificano ciclicamente sul costo della vita.
  • Risoluzione per inadempimento
    L’inadempimento contrattuale di un determinato onere si verifica nei casi di violazione di un preciso obbligo giuridico; il debitore non ha osservato, nel modo o nei tempi necessari, gli interessi del creditore.
  • Affitto d´azienda
    Con il termine affitto d´azienda è indicata l´acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà  del locatore,.
  • Proroga locazione, informazioni e pagamenti
    Per proroga di un contratto di locazione si intende il rinnovo tacito dopo la scadenza.



Contatti

Per contattare la redazione del sito Padronidicasa scrivere all'indirizzo email lavacanzafaidate@gmail.com

 

Iscrizione newsletter

Abbonati ai FEED

Cedolare secca




padronidicasa

Bollette e volture

Arredamento


  portale di Laura Perconti (CASATARGET) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email lavacanzafaidate@gmail.com - - Roma
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.