Home Page | Network Nigiara
Email

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Mediante la prescrizione si opera l'estinzione dei diritti, nei casi in cui il titolare non li eserciti entro il termine previsto dalla legge (codice civile, art.2934 e segg.). La decadenza prevede la perdita della possibilità di esercitare un diritto per il mancato esercizio in un termine perentorio (codice civile, art.2964 e segg.). E' inoltre possibile anche contestare una bolletta.

Tipologie di prescrizione per le bollette

Esistono due tipi di prescrizione:

  • Prescrizioni estintive: prescrizione ordinaria di 10 anni a cui sono riferibili tutti i crediti per i quali la legge non specifica qualcosa di diverso. Per determinati crediti, invece, vengono applicate prescrizioni brevi di cinque anni. Al debitore basterà richiedere il decorso del termine per far scattare la prescrizione ed estinguere il debito.
  • Prescrizioni presuntive: quasi tutte le prescrizioni inferiori ai 5 anni (sei mesi, un anno, tre anni, etc.) In questo caso, trascorso il termine, il debito non si estingue, ma si presume che sia estinto.

Come contestare la decadenza o la prescrizione delle bollette

La prescrizione e la decadenza non possono essere rilevate d'ufficio da un giudice, ma è indispensabile contestare attivamente il decorso dei termini (personalmente o mediante avvocato). La prescrizione e la decadenza vanno immediatamente valutate sia nei casi in cui si intenda esercitare un diritto, sia in merito a richieste di adempimenti (pagamenti di multe, bollette, cartelle esattoriali, ecc.); il pagamento preclude la possibilità di opporre la prescrizione.

Non tutti i diritti sono soggetti a prescrizione come la proprietà, le azioni inerenti la contestazione della paternità e quelle di riconoscimento filiale, il riconoscimento di eredità e le domande di divisione dei co-eredi.

Tempi di prescrizione per le bollette

Per ciò che concerne la prescrizione del pagamento delle bollette relative ai consumi di luce, acqua, gas e telefono, la prescrizione è di cinque anni (come dichiarato dall’articolo 2948 del codice civile). La preiscrizione si riferisce ai:

  • rifornimenti di energia elettrica;
  • rifornimenti di acqua potabile;
  • linee telefoniche, fax, internet ADSL dei vari operatori di telecomunicazioni;
  • rifornimenti di gasolio, metano e riscaldamento.

Se le fatture consegnate ai clienti passano in giudicato, e in procedura giudiziale, il limite si allunga a 10 anni.

Ultimi aggiornamenti


Altre news

  • Nuovo codice della strada: cosa cambia per auto, bici, moto
    ( www.finanzautile.org - 23/07/2014 )
  • One Direction: Where We Are – Il film concerto: ecco il trailer
    ( www.ecodelcinema.com - 23/07/2014 )


Contatti

Per contattare la redazione del sito Padronidicasa scrivere all'indirizzo email lavacanzafaidate@gmail.com

 

Iscrizione newsletter

Abbonati ai FEED

Bollette

Morosità bollette





 
www.padronidicasa.it di Laura Perconti - email lavacanzafaidate@gmail.com - - Roma